La Cina esercita pressioni su una nuova potenza a Taiwan

La Cina esercita pressioni su una nuova potenza a Taiwan
La Cina esercita pressioni su una nuova potenza a Taiwan
-

Decine di navi e aerei cinesi sono impegnati, da giovedì 23 maggio, in manovre militari attorno a Taiwan, isola cinese dove il regime comunista di Pechino non è mai riuscito a prendere il controllo. L’insediamento di un nuovo presidente contrario alla riunificazione, Lai Tching-Te, irrita molto Xi Jinping, che minaccia di conquistare Taiwan con la forza.

Perché queste nuove manovre cinesi intorno a Taiwan?

Giovedì 23 maggio Pechino ha lanciato grandi esercitazioni militari attorno a Taiwan (23,5 milioni di abitanti), l’isola cinese sfuggita al regime comunista della Cina continentale dal 1949. Questa simulazione di una possibile invasione aeronavale costituisce, secondo Li Xi, portavoce militare della Cina popolare, un punizione severa per atti separatisti » Leader taiwanesi. Evidentemente il suo obiettivo era Lai Tching-te, il nuovo presidente dell’isola che ha prestato giuramento lunedì.

Anche se ha messo da parte il suo discorso indipendentista, Lai, già vicepresidente, è uno spaventapasseri per Pechino. Durante il suo insediamento, ha chiesto a Pechino di farlo fermare le sue intimidazioni e ha giurato di difendere la democrazia (molto reale) e la libertà dell’isola, di cui beneficia la sovranità di fatto. Niente che metta veramente in discussione il status quo.

Cosa c’è dietro questa superiorità da parte di Pechino?

Questa non è la prima volta che la Cina organizza una vera e propria epopea militare attorno a Taiwan, con decine di aerei e imbarcazioni impegnate e lanci di missili attivi. L’esercitazione più importante ha avuto luogo nel 2022, subito dopo la visita a Taipei di Nancy Pelosi, allora presidente della Camera dei rappresentanti americana, vista come una provocazione da Pechino. Il regime comunista considera Taiwan una provincia che intende ritornare all’ovile cinese, volontariamente o con la forza. Gli Stati Uniti, che hanno smesso di riconoscere Taiwan nel 1979 a beneficio di Pechino, hanno comunque garantito la sicurezza dell’isola, di cui hanno dotato l’esercito. Washington mantiene l’ambiguità su quale sarebbe la sua risposta ad un’offensiva militare da Pechino.

È solo un semplice gesto?

NO. Il numero 1 cinese Xi Jinping ha fatto dell’annessione di Taiwan un obiettivo non più retorico, ma reale, e continua a rafforzare il suo esercito. La sconfitta da parte di Pechino nel 2021 dei democratici di Hong Kong, che lottavano per salvaguardare il regime semiautonomo della loro città (restituito da Londra alla Cina nel 1997), dimostra che Xi non si accontenta delle parole. E che senza dubbio non esiterebbe a usare la forza se non assorbisse Taiwan attraverso i negoziati. Quando ? Questa è la domanda. Far precipitare la crisi oggi lusingerebbe il nazionalismo cinese, che è diventato una delle fonti del suo potere, ma le inevitabili sanzioni occidentali danneggerebbero la seconda economia più grande del mondo, già scossa da una grave crisi immobiliare. La metà dei container del pianeta passa attraverso lo stretto di Formosa e Taiwan fornisce il 70% dei semiconduttori mondiali, da cui dipende anche la Cina.

-

PREV Gli Stati Uniti potrebbero da soli negoziare il rilascio degli ostaggi americani di Hamas
NEXT meno incendi del solito a maggio