Un “Fondo Maghreb” per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese francesi in Marocco, Algeria e Tunisia

Un “Fondo Maghreb” per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese francesi in Marocco, Algeria e Tunisia
Un “Fondo Maghreb” per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese francesi in Marocco, Algeria e Tunisia
-

L’Ambasciata di Francia in Marocco ha annunciato il lancio del Fondo Maghreb che mira ad accelerare la crescita delle imprese francesi e sostenere il loro sviluppo nel Maghreb (Algeria, Marocco e Tunisia). Gestito da Bpifrance, questo sistema metterà in campo diversi strumenti di investimento, finanziamento, garanzia e sostegno fino al 2027, per un importo di 100 milioni di euro.

Questo sistema è stato lanciato ufficialmente il 12 giugno 2024 dal presidente francese Emmanuel Macron nell’ambito della prima edizione del Forum Ancrages, dedicato all’imprenditorialità e alla creazione tra i territori della Francia e del continente africano. Così, la banca pubblica d’investimento Bpifrance contribuirà a finanziare, attraverso questo fondo, l’internazionalizzazione delle imprese francesi verso il Maghreb.

Chiamato “Fondo del Maghreb”, metterà a punto diverse soluzioni di investimento, finanziamento, garanzia e sostegno fino a 100 milioni di euro tra il 2024 e il 2027, in particolare nei settori industriale, energetico, agricolo e farmaceutico, in collaborazione con i partner del Maghreb.

Leggi anche | Olio di Argan. Come una multinazionale francese ha espropriato dal mercato le cooperative femminili marocchine

Il Fondo Maghreb offre un percorso integrato a 360° per sostenere i progetti delle startup, delle PMI e delle ETI francesi, comprendendo un’ampia gamma di soluzioni di finanziamento e garanzie provenienti dal continuum dell’export di Bpifrance, e infine il sostegno agli investimenti nel quadro dei progetti di sviluppo imprenditoriale francese in Marocco, Tunisia e Algeria attraverso filiali o joint venture.

-

PREV L’antisemitismo mina la vita di 8 ebrei su 10 in Belgio
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France