Stato di emergenza, 3mila forze di sicurezza presenti, dibattito “franco e diretto”: i primi annunci di Emmanuel Macron in Nuova Caledonia

Stato di emergenza, 3mila forze di sicurezza presenti, dibattito “franco e diretto”: i primi annunci di Emmanuel Macron in Nuova Caledonia
Stato di emergenza, 3mila forze di sicurezza presenti, dibattito “franco e diretto”: i primi annunci di Emmanuel Macron in Nuova Caledonia
-

Mantenimento delle forze di sicurezza, operazioni di ristabilimento dell’ordine, riunione sulla ricostruzione e incontri politici… Il presidente della Repubblica Emmanuel Macron ha fatto diversi annunci questo giovedì, a Nouméa, davanti all’alta commissione, davanti ai rappresentanti del mondo economico e della Nuova Caledonia funzionari eletti.

Il Capo dello Stato ha voluto innanzitutto rendere omaggio con un minuto di silenzio alle sei persone morte dall’inizio della crisi dieci giorni fa in Nuova Caledonia. “Mi trovo davanti a voi con i ministri e l’Alto Commissario, in un momento estremamente serio e pesante, di cui tutti comprendiamo la gravità.“, indica Emmanuel Macron.

La prima cosa è l’ordine, la calma e la pace“Il tono è deciso, con un primo annuncio riguardante la sicurezza.”Ci saranno 3.000 forze di sicurezza interne in breve tempo. Sono più di quanti ce ne fossero durante il 3° referendum. Queste forze rimarranno finché necessario, anche durante i Giochi Olimpici e Paralimpici“, indica Emmanuel Macron.

Altro annuncio fatto questa mattina: nuove operazioni”massiccio“saranno programmati.”L’intero ordine repubblicano verrà ristabilito, perché non c’è altra scelta. Il ministro dell’Interno incontrerà le forze di sicurezza interna. E lo stesso farà il Ministro delle Forze Armate. Il Ministro delegato per i territori d’oltremare condurrà un incontro specifico sul tema della ricostruzione“, spiega il capo dello Stato.

Al suo fianco nell’Alta Commissione: Marie Guevenoux, Ministro delegato responsabile dei Territori d’Oltremare, Gérald Darmanin, Ministro degli Interni e dei Territori d’Oltremare, Sébastien Lecornu, Ministro delle Forze Armate, Louis Le Franc, Alto Commissario della Repubblica a New Caledonia. E i tre membri della missione: Eric Thiers, Frédéric Pottier e Rémi Bastille.

Riguardo allo stato di emergenza dichiarato nel territorio, il Presidente della Repubblica assicura: “la situazione lo giustifica“, Ma “penso che non dovrebbe essere prorogato“.”Sono qui perché il dialogo è necessario, ma invito alla responsabilità. Sarà revocato solo se tutti qui chiederanno responsabilità e l’eliminazione delle barriere“, assicura Emmanuel Macron.

Il Capo dello Stato incontra oggi i rappresentanti del mondo economico caledoniano e gli eletti.

Per quanto riguarda la questione politica, abbiamo bisogno di un”dibattito franco, diretto, aperto su temi istituzionali e progettuali“, insiste il presidente. “Dobbiamo riunire tutte le parti interessate al tavolo. La pacificazione non può essere un passo indietro. L’obiettivo è quello di avere un dibattito libero e confidenziale tra di noi. Conto sullo spirito di responsabilità di tutti. Ci arriveremo, perché la Nuova Caledonia se lo merita“.

I dibattiti si sono poi aperti, a porte chiuse.

-

NEXT Dì addio alla plastica con questi organizer da cucina in bambù i cui prezzi stanno crollando