il prezzo rimane una leva essenziale

il prezzo rimane una leva essenziale
il prezzo rimane una leva essenziale
-

Nel 2023 il consumo di tabacco non è aumentato, a differenza di quello di shisha e sigarette elettroniche. La Cancer Foundation sottolinea che il prezzo è una leva importante nella lotta contro il fumo.

Secondo l’ultimo studio annuale sulla prevalenza del fumo condotto dalla Cancer Foundation, nel 2023 il 27% dei lussemburghesi erano fumatori. Si tratta di 149.000 persone di età pari o superiore a 16 anni. Queste cifre sono relativamente stabili dal 2019, accoglie con favore il Ministro della Salute e Previdenza Sociale, Martine Deprez. “I piani messi in atto hanno impedito un aumento del numero di fumatori”, aggiunge. Tra i fumatori la parità è perfetta: 27% per entrambi i sessi. D’altro canto, ogni giorno fumano sempre più donne, mentre gli uomini sono fumatori più occasionali.

Mentre le sigarette “classiche” rimangono in maggioranza (23%), il consumo di narghilè è sempre più presente. Nel 2022, l’11% dei lussemburghesi dichiarava di fumare, questa percentuale è salita al 22% nel 2023. “Purtroppo dicono che forse è più dannoso del tabacco”, preoccupa Margot Heirendt, direttrice della Fondazione Cancro. Quando fumi il narghilè, lo fai per un periodo più lungo, con questo lato più sociale e amichevole rispetto alle sigarette. E con il narghilè c’è anche tutto il fumo che si ingoia, necessariamente pericoloso”.

In aumento anche il consumo di sigarette elettroniche. Nel 2022, il 13% dei residenti l’ha fumato, rispetto al 17% dell’anno successivo. Tra questi consumatori, il 43% afferma di aver iniziato nel tentativo di ridurre il consumo di tabacco tradizionale e il 29% ritiene che le sigarette elettroniche siano meno dannose.

Il fumo passivo nel mirino

“Le sigarette elettroniche non sono meno pericolose per la salute. C’è ancora nicotina dentro, quindi è un problema, perché la nicotina crea dipendenza. E per quanto riguarda il liquido all’interno, non siamo sicuri al 100% della sua composizione, preoccupa Margot Heirendt. Non è sul mercato da molto tempo, quindi non abbiamo ancora studi sui rischi. Ma ci sono medici che già mettono in guardia sulla pericolosità di questi prodotti.

Un altro fattore chiave di danno che il governo e la Cancer Foundation vogliono affrontare: l’esposizione al tabacco. Il 10% dei non fumatori dichiara di essere esposto quotidianamente al fumo di tabacco. Se lo studio sul fumo viene condotto sui soggetti dai 16 anni in su, i più giovani sono ugualmente esposti al fumo di sigaretta, in ambienti chiusi e all’aperto.

Secondo Margot Heirendt «questa esposizione rimane stabile in tutta la popolazione ed è spaventosa soprattutto negli ambienti chiusi di case e appartamenti. I bambini e i neonati sono più vulnerabili e per loro i rischi del fumo sono molto pericolosi”. Il ministro della Salute vuole “evitare il più possibile che i bambini si trovino in ambienti in cui si fuma”.

L’importante ruolo del prezzo

Anche la Cancer Foundation afferma che “il prezzo è una leva”. “Per noi è molto importante e resteremo dietro ai ministeri per spingerli un po’”, dichiara Margot Heirendt. Ciò impedisce soprattutto ai giovani di acquistarli e quindi di iniziare. Chi fuma dice a se stesso: “Sta diventando troppo caro, smetto”. Per il 45% dei fumatori il prezzo è un motivo per smettere ed è addirittura il secondo criterio, dietro alle ragioni di salute (65%).

Nel 2023, il 37% dei fumatori ha provato a smettere di fumare, ma solo il 19% di loro ha beneficiato del programma per smettere di fumare del Ministero della Salute e del CNS. Una cifra ancora molto bassa che Martine Deprez intende contrastare.

“Vogliamo promuovere la salute, e così ampliare il problema dell’astinenza. Alcune modalità di registrazione rappresentano degli ostacoli per le persone che ne hanno bisogno, poiché è necessario rivolgersi a un medico, rispettare orari specifici, ecc. Queste difficoltà amministrative saranno semplificate. Ci saranno nuovi prodotti per l’astinenza nel programma, nuovi consigli da psicologi e dietologi”.

-

PREV i loro vestiti avevano una perdita
NEXT Assicurazione. Vittima di un incidente a bordo dei mezzi pubblici, puoi essere risarcito?