la portoghese Galp vuole vendere le quote del blocco che ospita il deposito di Mopane

la portoghese Galp vuole vendere le quote del blocco che ospita il deposito di Mopane
Descriptive text here
-

“Daremo la priorità a un partner disposto a sviluppare rapidamente prospettive e che finanzierà le spese in conto capitale”, ha affermato Filipe Silva, presidente e amministratore delegato della società portoghese Galp Energia

La società portoghese Galp Energia avrà bisogno di un partner per sviluppare un prolifico giacimento petrolifero in Namibia, poiché non ha i mezzi finanziari per mantenere una partecipazione dell’80% nel blocco esplorativo che comprende il giacimento di Mopane, ha affermato il 30 aprile il Presidente e CEO Filippo Silva.

“Daremo la priorità a un partner disposto a sviluppare rapidamente prospettive e che finanzierà le spese in conto capitale”ha detto Silva durante una teleconferenza con gli analisti.

La società ha dichiarato la settimana scorsa di aver completato la prima fase di esplorazione del giacimento di Mopane e di aver stimato che potrebbe contenere almeno 10 miliardi di barili di petrolio.

Fonti hanno riferito a Reuters la settimana scorsa che Galp aveva avviato la vendita di metà della sua quota dell’80% nel blocco esplorativo.

“Siamo fiduciosi che la Namibia offrirà a Galp un nuovo entusiasmante percorso di crescita”ha affermato l’amministratore delegato, aggiungendo che il complesso di Mopane “sarà uno sviluppo FPSO multiplo” il che richiederebbe decine di miliardi di dollari, il che “non dovrebbe essere finanziato da Galp”.

Gli FPSO sono piattaforme di produzione e stoccaggio basate su navi.

“È fondamentale che il mercato comprenda che quando iniziamo con (un) 80% di partecipazione, abbiamo molto spazio per scendere, diluirci nel tempo e convincere qualcun altro a finanziare il progetto.”ha dichiarato.

Galp deve anche ridurre i rischi di un progetto multimiliardario sul gas naturale nel bacino Rovuma in Mozambico.

Galp possiede una partecipazione del 10% in un consorzio che esplora la zona 4 di Rovuma, nella regione di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, che è stata obiettivo di attacchi militanti.

Il principale azionista, con una quota del 70%, è Mozambique Rovuma Venture, che comprende Exxon Mobil Corp, l’italiana ENI e China National Petroleum Corporation (CNPC).

La società coreana Kogas e la compagnia nazionale di idrocarburi del Mozambico ENH detengono ciascuna il 10% delle azioni.

Condividi la pubblicazione “Namibia/Oil: la portoghese Galp vuole vendere le quote del blocco che ospita il giacimento di Mopane”

-

PREV Strasburgo. Bimbo di 2 anni ucciso in un incidente in un autolavaggio
NEXT Muoversi per certificare gli emendamenti alla legge sulla tariffazione del riso come urgenti e lodati