Trump promette di deportare tutti gli immigrati privi di documenti, resuscitando una strategia degli anni ’50, ma non ha funzionato allora ed è meno probabile che lo faccia adesso

-

Durante la campagna elettorale in Iowa lo scorso settembre, l’ex presidente Donald Trump ha promesso agli elettori se fosse stato eletto di nuovo: “Seguendo il modello Eisenhower, realizzeremo la più grande operazione di deportazione interna nella storia americana”, ha detto. Trump, che aveva fatto una promessa simile durante la sua prima campagna presidenziale, ha recentemente ripetuto questa promessa durante manifestazioni in tutto il Paese.

Trump si riferiva all’Operazione Wetback, una campagna in stile militare lanciata dall’amministrazione Eisenhower nell’estate del 1954 per porre fine all’immigrazione priva di documenti deportando milioni di messicani. “Wetback” era un insulto etnico ampiamente utilizzato per i messicani che attraversavano illegalmente il Rio Grande, il fiume che divide il Messico e gli Stati Uniti

Trump afferma di poter replicare l’operazione Wetback su scala molto più ampia creando centri di detenzione temporanea per immigrati e facendo affidamento sulle autorità locali, statali e federali, comprese le truppe della Guardia Nazionale, per rimuovere i circa 11 milioni di immigrati privi di documenti che ora vivono negli Stati Uniti.

Come studioso di migrazione, trovo che la proposta di Trump sia allo stesso tempo inquietante e fuorviante. Oltre a sfruttare i timori infondati e disumanizzanti di un’invasione di immigrati, travisa il contesto e l’impatto della politica di Eisenhower, ignorando il panorama ampiamente cambiato dell’immigrazione statunitense oggi.

Gli agenti della polizia di frontiera rintracciano le impronte nel deserto lungo il confine tra California e Messico nell’agosto 1950.
Stampa associata

Operazione Wetback

Nel maggio 1954, il procuratore generale degli Stati Uniti Harold Brownell nominò Joseph Swing, un generale in pensione, a guidare il Servizio di immigrazione e naturalizzazione, o INS, in un “programma speciale per arrestare e deportare illegalmente gli stranieri in questo paese dalle aree lungo il confine meridionale”. Fino al 2003, l’INS era responsabile dell’immigrazione e del controllo delle frontiere, ora gestiti da più agenzie federali, tra cui Customs and Border Protection e Immigration and Customs Enforcement.

Swing ha avviato una pratica decennale che prevede l’utilizzo di task force speciali composte da agenti dell’INS che potrebbero essere rapidamente schierati dove necessario per individuare e deportare i lavoratori privi di documenti. L’operazione è iniziata in California per poi estendersi all’Arizona e al Texas. Gli agenti dell’INS hanno istituito posti di blocco e hanno fatto irruzione in campi, fabbriche, quartieri e saloon dove gli immigrati lavoravano o socializzavano. L’INS ha anche costruito un vasto campo di sicurezza recintato, secondo il Los Angeles Times, per trattenere gli immigrati arrestati a Los Angeles prima di mandarli al confine.

Gli immigrati catturati venivano caricati su autobus sovraffollati o su barche traballanti e inviati ai valichi di frontiera designati in Arizona e Texas, dove venivano costretti a rientrare in Messico. Alcuni si ritrovarono bloccati nel deserto messicano appena oltre il confine. In un incidente, 88 migranti sono morti di colpo di sole prima che la Croce Rossa arrivasse con acqua e cure mediche. Altri furono consegnati alle autorità messicane, che li caricarono sui treni diretti nelle profondità del Messico.

A metà agosto, gli agenti dell’INS avevano deportato più di 100.000 immigrati nel sud-ovest degli Stati Uniti. Temendo l’apprensione, altre migliaia sarebbero fuggite in Messico da sole. La maggior parte di questi immigrati erano giovani messicani, ma l’INS ha preso di mira anche le famiglie, allontanando quasi 9.000 membri della famiglia, compresi bambini, dalla valle del Rio Grande in agosto. Ci sono anche prove che i cittadini statunitensi siano rimasti coinvolti nelle retate dell’INS.

L’operazione Wetback terminò le sue operazioni pochi mesi dopo e la Swing dichiarò nel gennaio 1955 che “il giorno del wetback è finito”. L’INS sciolse le sue task force mobili speciali e la deportazione degli immigrati privi di documenti fu uccisa nel decennio successivo.

Non solo sulla deportazione

L’operazione Wetback ha fatto notizia e ha sconvolto innumerevoli vite, ma quando si è trattato di deportazione si è trattato più di spettacolo che di sostanza.

L’affermazione del governo di aver deportato più di 1 milione di messicani durante l’estate del 1954 non regge ad un esame accurato. La cifra di 1,1 milioni riguardava l’intero anno fiscale, terminato nel giugno 1954, e una parte considerevole di questi arresti erano arresti ripetuti, a volte in un solo giorno. Inoltre, oltre il 97% di queste deportazioni è avvenuta senza un ordine formale di allontanamento. Invece, i migranti hanno accettato, o sono stati costretti, a lasciare il paese dopo essere stati arrestati.

Nonostante la retorica di Trump che denunciava una “invasione wetback” attraverso il confine tra Stati Uniti e Messico, l’obiettivo principale dell’operazione Wetback non era quello di rimuovere gli immigrati messicani ma piuttosto di spaventare gli agricoltori statunitensi, soprattutto in Texas, inducendoli ad assumerli legalmente.

Questa tattica ha ampiamente funzionato. Un dettaglio cruciale ma spesso trascurato dell’operazione Wetback è che è avvenuta contemporaneamente al programma Bracero, un massiccio programma di lavoratori ospiti tra gli Stati Uniti e il Messico. Tra il 1942 e il 1964, i datori di lavoro statunitensi hanno stipulato oltre 4,6 milioni di contratti a breve termine a più di 400.000 lavoratori agricoli messicani. Quasi tre quarti di questi contratti furono emessi tra il 1955 e il 1964, dopo che l’INS effettuò l’operazione Wetback.

È improbabile che l’operazione Wetback avrebbe portato a un drammatico calo dell’immigrazione priva di documenti se i lavoratori messicani non avessero avuto un’opzione legale per entrare negli Stati Uniti. Come ha commentato un immigrato coinvolto nell’operazione Wetback: “Tornerò – legalmente, se possibile. In caso contrario, tornerò semplicemente dall’altra parte.”

L’INS riconobbe esplicitamente la connessione tra il Programma Bracero e il declino dell’immigrazione priva di documenti in un rapporto del 1958, affermando che “se… dovesse essere posta una restrizione sul numero di braceros autorizzati ad entrare negli Stati Uniti, possiamo aspettarci un grande aumento nel numero di immigrati stranieri illegali negli Stati Uniti”.

Non è un caso che la tregua nel numero di migranti che attraversano illegalmente il confine tra Stati Uniti e Messico dopo l’operazione Wetback non sia durata una volta terminato il programma Bracero nel 1964. I messicani avevano ancora forti incentivi a migrare, ma ora dovevano farlo senza visti o contratti di lavoro. , contribuendo a un costante aumento degli arresti alle frontiere dopo il 1965 che ha superato 1 milione nel 1976 e ha raggiunto quasi 2 milioni nel 2000.

Lavoratori agricoli messicani in California nel 1943.
Farm Security Administration – Raccolta di fotografie dell’Office of War Information (Biblioteca del Congresso)

Vere lezioni

Se dovesse vincere di nuovo la presidenza, Trump avrebbe l’autorità legale per deportare gli immigrati privi di documenti, ma gli ostacoli logistici, politici e legali per farlo in modo rapido e massiccio sono ancora maggiori oggi di quanto lo fossero negli anni ’50.

In primo luogo, la maggior parte degli immigrati privi di documenti ora vive nelle città, dove i controlli sugli immigrati sono più difficili da effettuare. L’INS imparò questa lezione quando l’operazione Wetback si spostò dal sud-ovest, in gran parte rurale, alle aree urbane del Midwest e del Pacifico nord-occidentale nel settembre 1954. Nonostante il trasferimento di centinaia di agenti in queste località e l’utilizzo di tattiche simili, gli agenti dell’INS produssero molti meno arresti mentre lottavano per trovare e trattenere gli immigrati.

In secondo luogo, la popolazione priva di documenti negli Stati Uniti è molto più dispersa e diversificata rispetto agli anni ’50. Oggi i messicani non sono più la maggioranza e quasi la metà degli immigrati privi di documenti vive al di fuori dei sei principali centri di immigrazione: California, Texas, Florida, New York, New Jersey e Illinois.

In terzo luogo, la maggior parte degli immigrati privi di documenti negli Stati Uniti non ha attraversato il confine di nascosto. Si stima che circa il 42% sia entrato nel paese legalmente ma abbia mantenuto il visto illegalmente. Un altro 17% ha chiesto e ottenuto uno status giuridico a breve termine che li protegga dall’espulsione immediata.

Infine, è probabile che oggi le deportazioni di massa scatenino una resistenza più ampia rispetto a quella avvenuta negli anni ’50. Un tempo fermamente contrari all’immigrazione priva di documenti, la maggior parte dei sindacati e delle organizzazioni messicano-americane sono ora nel campo pro-immigrazione. Allo stesso modo, è improbabile che il governo messicano, che ha contribuito all’operazione Wetback, consenta la deportazione di un gran numero di non messicani nel suo territorio senza la documentazione adeguata.

Trump non ha sostenuto un modo per fornire agli immigrati privi di documenti un’alternativa legale, il che significa che i migranti continueranno a trovare modi per attraversare illegalmente.

-

PREV Il dollaro USA scivola sul mercato Forex mentre la fredda inflazione di aprile innesca la corsa agli asset rischiosi — TradingView News
NEXT Recensione The Bridgerton Chronicles – Stagione 3: la serie Netflix ritorna con una storia d’amore ricca di emozioni