È davvero ragionevole questa storia della fiamma olimpica quando si difendono i Giochi sostenibili?

È davvero ragionevole questa storia della fiamma olimpica quando si difendono i Giochi sostenibili?
È davvero ragionevole questa storia della fiamma olimpica quando si difendono i Giochi sostenibili?
-

Nella serie di argomenti che nascono dalla macchina del caffè, questo sorge lì, e non ringraziamo la nostra collega Emilie. “E se calcolassi l’impronta di carbonio della fiamma olimpica, sarebbe una buona idea, giusto? “. Ottima idea, ma come realizzarla? Dopo aver passato ore a girare i calcolatori dell’impronta di carbonio in tutte le direzioni, come quello della fondazione Good Planet o quello dei nostri eccellenti gesti per il clima, abbiamo dovuto affrontare i fatti: impossibile arrivare a una cifra chiara su questo simbolo supremo dei Giochi.

Se Parigi 2024 ha chiaramente insistito sul desiderio di Giochi “più responsabili”, esistono tuttavia zone grigie sulla sostenibilità e sugli effetti sul clima di un simile evento, e in particolare sul percorso della fiamma olimpica da Olimpia a Parigi. Il suo viaggio dalla culla greca alla città ospitante è uno degli eventi più simbolici associati ai Giochi. Ma è destinato a scomparire per ragioni ecologiche? In altre parole, inquina così tanto che potremmo un giorno cancellarlo dalle festività?

Scelte forti in tema di ambiente, proclama Parigi 2024

Ma torniamo alla nostra fiamma e al relè che la circonda. Accesa il 16 aprile, viaggiò per undici giorni attraverso la Grecia, trasportata da seicento tedofori attraverso sette isole, dieci siti archeologici e la roccia dell’Acropoli, e trascorse anche una notte accanto al Partenone. Quindi dirigersi al porto del Pireo, a sud di Atene, per imbarcarsi Belém il 26 aprile la nave a tre alberi che l’8 maggio la porterà a Marsiglia, dove l’attenderanno 150.000 spettatori.

Portare la fiamma a Marsiglia, in barca a vela, è un modo per lanciare un forte messaggio ecologico, esulta Georgina Grenon, direttrice dell’eccellenza ambientale di Parigi 2024. Abbiamo lavorato anche sulla riduzione delle dimensioni del convoglio che accompagna la fiaccola e con le città ospitanti in modo che si connettano il più possibile alla rete ed evitino di utilizzare generatori per le loro feste. » »

Il giorno successivo, la staffetta olimpica inizierà in terra francese, con la visita prevista alla Basilica di Notre-Dame de la Garde o allo Stade Vélodrome. La fiamma attraverserà poi il Paese, visitando in particolare le Antille e la Polinesia, fino a Parigi, dove il 26 luglio avrà luogo la cerimonia di apertura dei Giochi. Per il momento, Parigi 2024 non ha ancora voluto comunicare sulle “forti azioni messe in atto per ridurre le emissioni di carbonio durante il passaggio della torcia olimpica”.

Un’impronta di carbonio esemplare… per il futuro?

Per l’ONG Carbon Market Watch, “è chiaro che i Giochi olimpici non possono essere veramente compatibili con il rispetto della barriera di 1,5 gradi di riscaldamento”, l’obiettivo più ambizioso dell’accordo di Parigi, “se non ripensando radicalmente» la loro organizzazione. Parigi 2024 prevede l’emissione di circa 1,58 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, ovvero meno della metà dei 3,5 milioni di tonnellate in media per i Giochi di Londra (2012) e Rio (2016). Ma l’obiettivo “sembra a prima vista ambizioso” e “difficile da verificare”, avvertono gli esperti di carbonio.

“Oggi è complicato prevedere una simile impronta di carbonio”, analizza Justine Birot, esperta di sport sostenibile e copilota del rapporto Let’s Decarbonize the Stadiums per lo Shift Project. Fino a quando l’evento non avrà luogo, è difficile fare previsioni”. Tanto più che Parigi 2024 ha pochi dati con cui confrontarsi, se non esaminando i progetti delle edizioni precedenti, ma che contengono pochissimi dati verificabili sull’argomento.

Cambiamenti verso lo sport sostenibile?

L’esperto, che spera di poter finalmente elaborare un rapporto completo sull’impronta ecologica della pratica sportiva quotidiana, ripone ancora qualche speranza in questo evento XXL. “Possiamo essere lieti che le Olimpiadi ci permettano di accelerare alcune buone pratiche verso la sostenibilità nello sport. Ma dopo, ci sarà un effetto reale? Questo evento accelererà davvero la transizione ecologica dello sport? Non lo so. »

Per quanto riguarda Parigi 2024, non ci sono dubbi. “Ci siamo posti obiettivi, mai messi sul tavolo prima per i JOP, di dimezzare la nostra impronta di carbonio rispetto alle edizioni precedenti”, spiega Georgina Grenon. In particolare per la progettazione della torcia, gli organizzatori hanno stimato a circa un centinaio di tonnellate l’impatto di carbonio delle precedenti edizioni di produzione e funzionamento. “Per i Giochi di Parigi lo abbiamo ridotto a sei tonnellate”. Ricetta ? 2.000 torce prodotte invece di 10-12.000, “ricaricabili e riutilizzabili anziché monouso”, materiali meno inquinanti “con acciaio riciclato al 100% e biogas francese per l’accensione”.

Ma basterà “cercare riduzioni laddove possibile e dimostrare che potremmo organizzare questi Giochi in modo diverso” per convincere che i Giochi e tutti i simboli ad essi associati che l’impronta di carbonio generata sono sostenibili? Per Carbon Market Watch “questo è incoraggiante ma occorre fare di più”. Anche eliminando la staffetta della torcia olimpica? La patata bollente sarà per Los Angeles nel 2028.

-

PREV La bizzarra decisione della Liga dopo lo scudetto
NEXT Il forte messaggio di Dugarry sul PSG e Luis Enrique!