Città di Montreal | L’hockey minore è stato brevemente bandito dalle arene

Città di Montreal | L’hockey minore è stato brevemente bandito dalle arene
Città di Montreal | L’hockey minore è stato brevemente bandito dalle arene
-

Montreal ha chiuso brevemente le porte delle sue arene all’organizzazione che gestisce l’hockey minore nella metropoli all’inizio di maggio, sulla scia delle accuse secondo cui il ghiaccio municipale sarebbe stato utilizzato per generare profitti.


Inserito alle 1:25

Aggiornato alle 5:00

In una lettera ufficiale, la Città ha annunciato l’8 maggio all’Hockey Québec Région de Montréal (HQRM) che sospenderà l’accordo tra loro, “fino a quando la Città non avrà ottenuto chiarimenti soddisfacenti sull’utilizzo” delle sue piste di ghiaccio. Migliaia di ore di ghiaccio vengono offerte con uno sconto ogni anno presso HQRM.

Secondo Radio-Canada, i giovani giocatori di hockey dell’HQRM hanno dovuto pagare in contanti dai 30 ai 40 dollari l’ora per corsi di sviluppo utilizzando le piste municipali senza autorizzazione. È stato l’ex direttore generale di nome Carl Vaillancourt – da allora licenziato – a lanciare l’allarme.

Una copia della lettera della città è stata depositata presso il tribunale di Montreal perché HQRM si è rivolto al tribunale per riottenere l’accesso alle arene. Il tempo stringeva, ha sostenuto l’organizzazione il 10 maggio: “i campi di selezione delle squadre di Hockey Montréal Élite AAA per la stagione 2024-2025 sono attualmente in corso”, ha sostenuto la richiesta di ingiunzione. “L’annullamento dei campi di selezione AAA avrà un impatto sulla valutazione dei giocatori e sulla formazione delle squadre. »

L’organizzazione ha affermato in particolare di temere proteste da parte dei genitori i cui figli sono stati allontanati a seguito di un campo di selezione fallito.

Lunedì scorso HQRM ha finalmente annunciato un accordo temporaneo con Montreal. Accordo “in base al quale i ritiri di selezione delle squadre di Hockey Montréal Élite AAA per la stagione 2024-2025 proseguiranno secondo programma”, ha affermato l’organizzazione. Particolarmente colpite sono le arene Saint-Michel e Sylvio-Mantha.

“Sana gestione dei fondi pubblici”

Tuttavia, questo accordo non segna la fine del disaccordo tra la città e l’hockey minore di Montreal.

La responsabile dello sport dell’amministrazione Plante, Caroline Bourgeois, ha rifiutato la richiesta di intervista La stampa.

“La città di Montreal ha la responsabilità di garantire la sana gestione dei fondi pubblici concessi alle organizzazioni sportive”, ha precisato per iscritto il suo ufficio. “Le verifiche sono in corso ed è stato ratificato un accordo per evitare perdite di ghiaccio ai giovani. »

Nemmeno Yves Pauzé, il grande capo dell’HQRM, ci ha concesso un’intervista. Tuttavia, ha inviato La stampa copia della dichiarazione del consiglio di amministrazione da lui presieduto.

“HQRM mantiene il suo desiderio di ottenere, il più rapidamente possibile, le conclusioni e le raccomandazioni di un’indagine indipendente relativa all’uso delle ore di ghiaccio della città per i campi di sviluppo estivi”, si legge nel testo. Anche il Comune condurrà le proprie indagini.

L’AC ha però annunciato di aver rescisso il contratto con la società incaricata dallo scorso marzo di svolgere un’indagine interna. Secondo la dichiarazione, i lavori si stavano muovendo troppo lentamente. Un avvocato della Norton Rose Fulbright Canada dovrà tornare al lavoro.

“Riservatezza assoluta”

La dichiarazione della CA garantisce che HQRM operi “in totale trasparenza”.

La corrispondenza interna resa pubblica nell’ambito della richiesta di ingiunzione rivela tuttavia che HQRM ha insistito a lungo sugli obblighi di riservatezza della società responsabile delle indagini. In particolare, sono stati richiesti accordi di riservatezza a tutti i dipendenti coinvolti.

“Sottolineiamo l’importanza di mantenere l’assoluta riservatezza di tutte le informazioni raccolte durante questa indagine”, sottolinea HQRM in una corrispondenza datata 8 maggio. “Le sono state fornite informazioni altamente riservate e sensibili e potrebbero esserlo nell’ambito del suo mandato. »

HQRM ha addirittura ordinato alla società investigativa di limitare le sue comunicazioni a un singolo membro del consiglio “ad esclusione di chiunque altro”. Era prevista una sostituzione, ma solo “in caso di [l’]incapacità di agire [du premier interlocuteur] per un periodo minimo di 3 giorni. “Stiamo verificando se tale obbligo è sempre stato rispettato e speriamo che sia stato così”, avverte HQRM.

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1