Una concentrazione eccezionale di statue menhir nella regione

Una concentrazione eccezionale di statue menhir nella regione
Una concentrazione eccezionale di statue menhir nella regione
-

Nell’ambito dell’esposizione della statua menhir del Pas du Loup, mercoledì 19 giugno si è svolto il convegno “Le statue menhir, un altro sguardo alla fine del Neolitico a Uzège”, tenuto da Philippe Galant, archeologo del Servizio regionale di archeologia al DRAC.

L’Occitania è una regione estremamente ricca di resti preistorici. “Abbiamo cose uniche, comprese le statue di menhir.” Nel Paleolitico l’Uomo era un predatore, nel Neolitico l’Uomo divenne un produttore e quindi divenne sedentario. L’insediamento sedentario porta ad una migliore qualità di vita e permette alle persone di ricercare territori più lontani, spostandosi progressivamente nell’entroterra fino alle Cévennes dove entrano in contatto con le popolazioni che scendono dal Massiccio Centrale. Le statue menhir fanno parte del Neolitico finale (2.500 a.C.) dopo il quale si verificò una brutale rottura sociale con una scomparsa quasi totale delle popolazioni. Le persone dovevano liberare la terra per stabilirsi. Sono i primi cambiamenti nella struttura del paesaggio. L’economia produttiva era basata sull’agropastoralismo. “Non dobbiamo immaginare queste popolazioni della fine del Neolitico come persone isolate nel loro territorio ma piuttosto come persone che avevano una vita sociale”. C’era una vera gestione del cibo a lungo termine.

La Gardonnenque si differenzia dagli altri territori

Hanno sviluppato il megalitismo. “Sufficialmente è molto interessante, non si costruisce un dolmen con tre persone (estraendo e spostando diverse tonnellate di lastre). Nella regione esiste una concentrazione abbastanza eccezionale di statue menhir, scoperte a partire dalla seconda metà del XIX secolo. Ci permettono di interrogarci, sono un’altra prospettiva che possiamo assumere sulle persone che hanno vissuto nei nostri territori. “I metodi venivano trasmessi nello spazio e nel tempo con strumenti specifici per ogni fase. Le rappresentazioni di abiti e oggetti di uso quotidiano (gioielli, armi) erano un riflesso della vita quotidiana. “Attenzione ai falsi amici, sono stati riutilizzati nel tempo Tutti noi abbiamo evidenziato le pietre trovate nel nostro giardino. Il mosaico culturale (spazio in cui le persone utilizzano gli stessi oggetti, le stesse decorazioni o gli stessi modi di fare le cose) mostra un’omogeneità della società di Gardonnenque diversa da quella di altri territori. Questa è la prova che le statue menhir fanno parte del pacchetto culturale. “DDalla fine del Neolitico, la società opera secondo un modello sociale complicato e territorialista. Non abbiamo inventato nulla.

Corrispondente Midi Libre: 06 84 21 23 91

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega