Bovilis Cryptium, un’innovazione globale contro la criptosporidiosi

Bovilis Cryptium, un’innovazione globale contro la criptosporidiosi
Bovilis Cryptium, un’innovazione globale contro la criptosporidiosi
-

Obiettivi : ” limitare i segni clinici nei vitelli affetti da criptosporidiosi e contribuire a limitare l’uso di antibiotici “. Pertanto, il laboratorio MSD Santé Animale lancia il vaccino Bovilis Cryptium: “ un’innovazione globale “, sotto forma di emulsione iniettabile, per bovini, somministrata per via sottocutanea.

Vaccinazione delle madri; trasferimento tramite colostro
Lei permette” immunizzazione attiva di manze e vacche gravide, al fine di produrre anticorpi, nel loro colostro, contro la glicoproteina 40 (gp40) del Cryptosporidium parvum “. Questo vaccino è quindi destinato all’immunizzazione passiva dei vitelli con colostro e latte di transizione, al fine di ridurre i segni clinici (es. diarrea) causati da C. parvum. “ Gli antigeni gp40, presenti in Bovilis Cryptium, inducono la produzione di anticorpi capaci di neutralizzare C. parvum nelle diverse fasi del ciclo parassitario. L’efficacia è stata dimostrata sugli stadi sporozoite, trofozoite, meront e merozoite “.
Riducendo la gravità dei segni clinici, “ questa soluzione consente di ridurre l’uso degli antibiotici attualmente utilizzati, per più giorni, per trattare i vitelli gravemente affetti da criptosporidiosi, con rischi di errori, sottodosaggio, resistenza e, in ultima analisi, degradazione del microbioma intestinale “.

Iniezione 3 settimane prima del parto; promemoria annuale
La dose da iniettare è 2 ml, per via sottocutanea. Il primo anno, è necessario effettuare due iniezioni, a distanza di 4 o 5 settimane l’una dall’altra, durante il terzo trimestre di gestazione. “ È molto importante finalizzare la vaccinazione primaria almeno 3 settimane prima del parto “. Negli anni successivi il richiamo verrà effettuato, in un’unica dose, durante il terzo trimestre di gestazione, da effettuarsi anche “almeno 3 settimane prima del parto “.
L’efficacia di Bovilis Cryptium dipende, come di qualsiasi vaccino somministrato alle madri alla fine della gestazione, dalle buone pratiche di raccolta e distribuzione del colostro: “ Il colostro deve essere somministrato abbastanza presto e in quantità sufficiente. Successivamente, il latte transitorio della madre vaccinata deve essere distribuito nei primi cinque giorni di vita del vitello. “.
MSD Santé Animale specifica che Bovilis Cryptium può essere somministrato con Bovilis Rotavec Corona, nello stesso giorno, in due diversi siti di iniezione. “ Questa precisazione, menzionata nel SPC, contribuisce a facilitare l’attuazione dei progetti di vaccinazione e rappresenta un innegabile risparmio di tempo per gli allevatori. “. Questi due vaccini combinati forniscono quindi protezione contro tutti e cinque i principali patogeni primari della diarrea neonatale nei vitelli giovani: C. parvum, rotavirus, coronavirus, E. coli F5 ed E. coli F41.

Stabile fino a 28 giorni, dopo l’apertura
Bovilis Cryptium può essere conservato a freddo positivo (< 8°C), " fino a 28 giorni dopo la prima foratura del flacone”. Si tratta quindi del secondo vaccino della gamma Bovilis a beneficiare” un prolungamento della durata di conservazione, dopo l’apertura, da 8 ore a 28 giorni “. Questa proprietà porta agli utenti ” maggiore flessibilità “, nella realizzazione di progetti di vaccini. E, contribuisce” migliore utilizzo di flaconi diversi, senza perdita di dosi, sugli ultimi lotti da vaccinare “.
Bovilis Cryptium sarà disponibile in 1, 5, 20 e 50 dosi. “ Tutte le presentazioni verranno gradualmente sostituite da bottiglie trasparenti in PET (polietilene tereftalato), per una maggiore resistenza agli urti. “.

-

PREV PFAS: secondo uno studio aragoste e gamberi sono i frutti di mare più contaminati
NEXT Ecco i 3 insospettabili benefici del caffè, secondo un gastroenterologo (consumato con moderazione, ovviamente)