i ricordi preziosi di “Belem” alla vigilia dell’arrivo della fiamma olimpica a Marsiglia

-

L’equipaggio della “Belem” ad Atene, il 27 aprile. Per tutti, questa traversata verso Marsiglia sarà stata un’esperienza molto forte.
COLTELLO VINCENT / KMSP via AFP

Dopo dodici giorni di traversata dalla Grecia e immagini piene di stive, la famosa nave a tre alberi consegna questo mercoledì la fiamma olimpica a Marsiglia.

Inviato speciale a Marsiglia

I cuori batteranno e gli occhi annegheranno. In un misto di orgoglio e di nostalgia che durerà a lungo. Si imbarcarono senza conoscersi. Prima di diventare una piccola famiglia. Sedici scout hanno condiviso l’avventura di Belém , lasciò il porto del Pireo il 27 aprile per riportare la fiamma olimpica in Francia. Un equipaggio illuminato da una piccola lanterna, pronto a lanciarsi in un lungo viaggio in Francia (65 città tappa di cui 6 all’estero, più di 400 città attraversate; 100 siti emblematici).

Diari di viaggio. I ricordi più belli rimarranno l’eruzione del vulcano Stromboli e il passaggio dello stretto di Corinto. E, prima della traversata, la cerimonia del passaggio della fiaccola allo Stadio Panatenaico il che è stato incredibile. Nessun brutto ricordo, tutto è andato bene, anche i compiti meno belli, l’abbiamo presa bene, l’abbiamo portata a termine bene »libro Nathan Leverd, uno degli scout.

IL Belém era un sogno d’infanzia che si è avverato

Chloé Marques, esploratrice

Cullata dalle avventure marittime fin dall’infanzia, Chloé Marques, che…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Ti resta il 78% da scoprire.

Vuoi leggere di più?

Sblocca immediatamente tutti gli oggetti.

Già iscritto? Login

-

PREV Gli studenti occupano il campus dell’ULB per denunciare il “genocidio in corso a Gaza” (video)
NEXT Un piccolo cambiamento in Quebec e ti piacerà