Euro-2024. Mikautadze e Kvaratskhelia brillano con la Georgia

Euro-2024. Mikautadze e Kvaratskhelia brillano con la Georgia
Euro-2024. Mikautadze e Kvaratskhelia brillano con la Georgia
-

Sostituito dal suo allenatore Willy Sagnol all’88’, sabato ad Amburgo contro la Repubblica Ceca, Georges Mikautadze, uscendo dal campo dall’area georgiana, ha sferrato un pugno frustrato sul palo d’angolo… prima di salutare da bordo campo i tifosi georgiani che lo tifano.

Perché Mikautadze ha segnato entrambi i gol della Georgia nella competizione. Contro la Turchia martedì scorso (sconfitta per 3-1), ha pareggiato deviando perfettamente un cross basso e forte sul primo palo. Il segno di Mikautadze: compostezza, virtuosismo, precisione. Un vero tecnico delle superfici. Sabato è toccato a lui la pesante responsabilità di convertire un rigore. La tribuna avversaria, un rosso aggressivo come i suoi decibel, avrebbe intimidito più di uno, ma il “King George” non ha tremato e ha segnato con un tiro non crossato all’incrocio dei pali (45° +4 ).

Il suo valore aumenta

Il valore di mercato di questo gioiello, nato a Lione nell’ottobre del 2000, aumenterà ulteriormente nel corso degli Europei. All’FC Metz, che lo ha riportato all’inizio di gennaio dal prestito fallito all’Ajax Amsterdam e ha sfruttato il suo talento nella seconda metà della stagione (14 gol e 4 assist in 22 partite), senza riuscire a restare in panchina Lega 1, decidiamo di vederlo partire per un club d’élite francese: le voci finora lo hanno mandato a Monaco, Lens, Lione e persino Marsiglia.

In un registro diverso, con la sua personalità discreta – anche se è una superstar nel suo piccolo paese di 3,7 milioni di abitanti – anche Khvicha Kvaratskhelia è stato decisivo sabato. “Non appena ha preso la palla, è scattato verso l’area”, ha detto incredulo e ammirato l’allenatore ceco Ivan Hasek. Costringendo regolarmente il blocco ceco alla ritirata, provocando diversi falli e cartellini gialli sulla squadra avversaria, “Khvicha”, il cui nome è stato scandito più volte, è stato uno dei giocatori più influenti in campo. Ed è stato proprio il suo lungo calcio di punizione, molto ben eseguito verso l’area, a provocare la mano di un difensore e la sanzione del rigore.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato cookie e altri tracker.

Cliccando su ” Accetto “Verranno inseriti cookie e altri tracker e sarai in grado di visualizzare i contenuti (maggiori informazioni).

Cliccando su “Accetto tutti i cookie”autorizzi la memorizzazione di cookie e altri tracker per la memorizzazione dei tuoi dati sui nostri siti e applicazioni per scopi di personalizzazione e targeting pubblicitario.

Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento consultando la nostra politica sulla protezione dei dati.
Gestisci le mie scelte


Accetto
Accetto tutti i cookie

Una svolta nella carriera

Anche qui i club sono all’erta. Secondo diversi media, il Paris Saint-Germain, che cerca di compensare la partenza di Kylian Mbappé, e il Liverpool sperano di acquistarlo quest’estate dal Napoli, dove è stato uno dei grandi artefici del titolo di Serie A nel 2022-2023. “Un grande giocatore come lui non dovrebbe mai preoccuparsi del suo futuro”, ha commentato Willy Sagnol. “Se avrà un buon euro, il suo futuro sarà ancora più luminoso. »

La star 23enne dovrà comunque affrontare bene questa svolta. Una settimana fa il suo agente aveva scaldato gli animi napoletani fissando «la priorità di finalizzare il trasferimento ad una squadra che gareggia in Champions League». Risposta secca da parte del club presieduto da Aurelio De Laurentiis: “Il Kvaratskhelia non è in vendita. (…) È il club che decide. Fine della storia. » Ma la storia continuerà mercoledì agli Europei contro il Portogallo.

-

PREV un tasso di successo crescente nell’accademia di Besançon – macommune.info
NEXT Quimper: le 3 novità di martedì 9 luglio