Borsa di Zurigo: equilibrio in un mercato calmo

Borsa di Zurigo: equilibrio in un mercato calmo
Borsa di Zurigo: equilibrio in un mercato calmo
-

Zurigo (awp) – Lunedì mattina il mercato azionario svizzero ha aperto in pareggio, in un mercato privo di slancio. Gli investitori guardavano già ai dati macroeconomici attesi questa settimana negli Stati Uniti e soprattutto al primo turno delle elezioni legislative in Francia, dove sta emergendo uno scontro tra il partito nazionalista Rally Nazionale e l’alleanza di sinistra del Nuovo Fronte Popolare.

Venerdì sera, la Borsa di New York ha chiuso in ordine sparso in un mercato poco brillante, con gli investitori cauti alla fine di una settimana troncata e segnata da nuovi record.

“Gli indici europei dovrebbero aprire leggermente in ribasso questa mattina, con gli investitori preoccupati per un unico evento: il primo turno delle elezioni legislative in Francia che si svolgerà il prossimo fine settimana”, ha ricordato in un commento John Plassard di Mirabaud Banque.

Ma già giovedì i relatori analizzeranno attentamente il primo dibattito tra il candidato repubblicano Donald Trump e il presidente democratico uscente Joe Biden in vista delle elezioni presidenziali di novembre negli Stati Uniti.

“Inizio di settimana debole, dopo una sessione cupa venerdì in Europa e negli Stati Uniti”, ha detto Ipek Ozkardeskaya, analista di Swissquote. Gli Stati Uniti presenteranno giovedì i dati sul prodotto interno lordo del 1° trimestre, che dovrebbe essere rivisto leggermente al rialzo dall’1,3% all’1,4%, dopo il 3,4% del 4° trimestre 2023. Venerdì gli investitori si concentreranno sull’inflazione (PCE ) a maggio, ha elencato.

Alla Borsa svizzera intorno alle 9.20 l’indice di punta SMI è salito dello 0,04% a 12.017,30 punti, dopo aver chiuso venerdì in ribasso dello 0,95%. Lo SLI ha invece ceduto lo 0,17% a 1.939,96 punti, mentre lo SPI ha perso lo 0,07% a 15.958,04 punti.

La maggior parte dei titoli stellari è scesa, ad eccezione dei pesi massimi Nestlé (+0,5%) e Novartis (+0,6%) nonché Holcim (+0,4%).

Anche Roche (buono e vivace +0,1%) ha sostenuto il mercato. Il laboratorio ha fatto un passo avanti verso l’approvazione nell’Unione Europea del trattamento per la distrofia muscolare di Duchenne (MD) Elevidys da parte del suo partner del Massachusetts Sarepta Therapeutics. L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) è d’accordo ad esaminare la questione, nonostante il fallimento di uno studio clinico annunciato alla fine dello scorso ottobre. La multinazionale renana ha annunciato anche il lancio di due nuovi dispositivi di analisi per la sua gamma di test Cobas, il c 703 e l’ISE neo analitico, destinati a migliorare l’automazione delle procedure e ad aumentare la capacità di analisi dei terminali del gruppo.

Le perdite maggiori sono state registrate da Schindler (-1,1%), Lindt (-1,0%) e VAT Group (-0,8%).

Alcon (-0,3%) ha invertito il trend positivo pre-mercato. Il colosso oftalmico ha ottenuto il via libera dall’Agenzia statunitense per i medicinali (FDA) per l’impianto nell’uomo di due versioni aggiornate di dispositivi chirurgici. Questi due prodotti, il Vitreoretinal Cataract System e il Cataract System, dovrebbero diventare l’anno prossimo i primi rappresentanti della nuova gamma Unity del gruppo ginevrino-texano.

Sul mercato più ampio, AMS-Osram (-1,9%) è stata penalizzata da un abbassamento del target price da parte di Barclays.

L’aeroporto di Zurigo (-0,2%) ha annunciato che i lavori di costruzione del suo più grande progetto all’estero, nell’area metropolitana di Delhi, sono in ritardo rispetto al programma. La messa in servizio dell’aeroporto internazionale di Noida è ora prevista per la fine di aprile 2025, rispetto alla precedente fine del 2024.

La Basilese (-0,6%) ha raccolto 55 milioni di euro per un fondo d’investimento.

Swiss Steel (-2,9%) ha nominato Thomas Löhr nuovo direttore finanziario e membro della direzione generale del gruppo.

al/jh

-

PREV il programma di preparazione Merlus
NEXT l’ascesa della Marina preoccupa medici e ospedali pubblici stranieri