“Non è un appello politico, ma un appello femminista”, a Bastia l’associazione Femmes Solidaires invoca una “barriera all’estrema destra”

“Non è un appello politico, ma un appello femminista”, a Bastia l’associazione Femmes Solidaires invoca una “barriera all’estrema destra”
“Non è un appello politico, ma un appello femminista”, a Bastia l’associazione Femmes Solidaires invoca una “barriera all’estrema destra”
-

Ad una settimana dal primo turno delle elezioni legislative anticipate, il ramo corso delle “Femmes Solidaires” ha indetto una manifestazione questa domenica, 23 giugno. Gli attivisti temono le conseguenze di una possibile adesione del Raggruppamento Nazionale al governo sui diritti delle donne.

Numerose associazioni femministe hanno manifestato questa domenica, 23 giugno, su tutto il territorio nazionale, per denunciare il “pericolo” che il Raduno Nazionale rappresenterebbe, se dovesse accedere alle più alte cariche, per i diritti delle donne. Un appello alla manifestazione raccolto in Corsica dall’associazione Femmes Solidaires.

L’appuntamento era alle 10, in Place Saint-Nicolas a Bastia. Sono stati invitati, attraverso un comunicato stampa,”tutti coloro che amano la democrazia e l’uguaglianza con cui suonare [l’association] Avvisi femministi […] per bloccare l’estrema destra.” Sei donne che sono venute lì ci hanno spiegato il motivo della loro presenza e la loro preoccupazione per una possibile grande vittoria del Raggruppamento Nazionale nelle elezioni legislative del 30 giugno e 7 luglio.

Ciò che ci preoccupa di più è quello che sentiamo dal Raggruppamento Nazionale, cioè che i servizi sociali subiranno tagli enormi. Che la donna subirà un notevole arretramento, se non altro sul fronte dell’aborto o della contraccezione. Hanno già annunciato che priveranno la pianificazione familiare dei sussidi: questo è il segno che mentre ci sono voluti anni per ottenere tutti questi diritti, rischiamo di perderli molto rapidamente.

Dobbiamo quindi lottare per evitare che ciò accada. Non chiediamo di votare per un candidato, ma semplicemente di bloccare la Manifestazione Nazionale, che rappresenta un notevole pericolo per le donne.

Se siamo venuti, è per i diritti delle donne, ma anche delle minoranze. Per preservare le conquiste sociali ottenute con fatica. Quando vediamo che il Raggruppamento Nazionale, a livello europeo, ha votato contro la parità salariale tra donne e uomini, si è sempre pronunciato a favore della limitazione dell’aborto…

In generale, possiamo vedere chiaramente che nei paesi in cui l’estrema destra è arrivata al potere, i guadagni sono andati perduti. Pensiamo, ad esempio, all’Italia sulla questione dell’aborto in particolare. [Légalisé dans le pays depuis 1978, le recours à l’avortement reste complexe pour les femmes italiennes. Fin avril dernier, un amendement porté par le parti d’extrême droite Fratelli d’Italia, dont est issue la présidente du Conseil italien, Giorgia Meloni, a été adopté par les députés italiens. Il permet aux associations anti-IVG à s’introduire dans les centres d’avortement pour en dissuader les femmes concernées, ndlr].

O anche in Polonia [Le parti nationaliste populiste Droit et Justice (PiS), au pouvoir entre 2015 et 2023, a instauré des mesures qui ont conduit à l’interdiction quasi-totale de l’avortement, ndlr].

Non abbiamo davvero l’impressione che le persone siano realmente consapevoli delle questioni in gioco. Inoltre, non pensiamo che leggano molto bene i programmi. Oggi, le conquiste fondamentali delle donne sono in pericolo e riteniamo che queste non siano pienamente integrate dalla popolazione.

Sappiamo che i diritti non si conquistano mai per tutta la vita e che a seconda del potere politico tutto può cambiare, per questo è importante mobilitarsi. Il Raggruppamento Nazionale al potere potrebbe portare a regressioni significative nella questione dei diritti delle donne. Lo abbiamo visto chiaramente in altri paesi, con l’avvento al potere dell’estrema destra e una preoccupante messa in discussione di molti diritti.

Siamo in un dibattito acceso in questo momento, la campagna elettorale per queste elezioni legislative è breve e sentiamo molte invettive da entrambe le parti. Ma non parliamo solo contro qualcuno o contro qualcuno. Vogliamo solo dare alle persone la realtà. Cioè che nei paesi dove ci sono questo tipo di partiti politici e di idee, questo è successo, questi sono fatti concreti, ci sono stati voti…

Penso che sia importante riportare il dibattito su ciò che le persone effettivamente fanno e non solo su ciò che dicono. In campagna elettorale tutti dicono, tutti promettono, ma quando si è già stati eletti da qualche parte, ciò fornisce una base per confrontare ciò che è già stato messo in atto, e ciò che quindi è probabile che accada per noi, qui, dopo.


Illustrazione.

©FTV

Non riesco a spiegare i punteggi più alti del Rally Nazionale di Corsica. Ci troviamo in una situazione economica così difficile, quindi non voglio condannare. Quando ci troviamo in una situazione difficile e alcuni si chiedono come daranno da mangiare ai propri figli il giorno dopo, quando siamo a questo livello di disperazione, credo che possiamo aggrapparci a ogni speranza, a ogni promessa.

Solo che l’iniziativa Solidarity Women, che non è un movimento politico e non chiede di votare per questo o quel partito, chiede di concretizzare ciò che le persone fanno, e non ciò che dicono nella loro campagna. Ancora una volta ci atteniamo ai fatti, e questo è importante.

Spero che questa parola venga ascoltata, ma è molto difficile. Ho la sensazione che l’informazione che vediamo sui media non sia sempre molto chiara sui temi dei programmi, che ci sia un dibattito isterico in assenza di spiegazioni precise su chi sono e cosa propongono coloro che chiedono di votarli .

Ho disabilità multiple e sono a capo di un’associazione dedita alla lotta contro la violenza fisica e sessuale contro le donne disabili, denominata “Agire insieme per l’inclusione e l’autonomia”, con sede a Bastia.

Per fornire solo due cifre, l’80% delle donne con disabilità sono quotidianamente vittime di violenza e una su cinque è già stata violentata. Stiamo cercando, all’interno di Metoohandicap, di mobilitarci, poiché queste domande rappresentano un punto cieco nelle politiche pubbliche. Le donne disabili sono invisibili. Sono anche i più esposti e i meno protetti. È un’aberrazione.

Inoltre, quello che vogliamo chiedere ai candidati è quale strategia intendono mettere in atto per combattere questa piaga. Credo che sia necessario sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi. Questo è soprattutto il motivo per cui è importante, ovviamente, essere presenti a incontri come quello organizzato questa mattina da Femmes Solidaires.

Per me la questione non è tanto cosa farà o meno il Raggruppamento Nazionale, ma piuttosto cosa faranno complessivamente tutti i partiti, visto che di questo non parla nessuno. E’ tempo che questo cambi.


L’associazione Femmes Solidaires ha indetto una manifestazione il 23 giugno.

©FTV

Se abbiamo organizzato questa manifestazione non è per dire alla gente che deve votare per questo o quello, tutt’altro. Siamo un’associazione apolitica. Non era un appello politico, ma un appello femminista. Invitiamo le donne a mobilitarsi contro il partito che per noi è il più minaccioso per i diritti delle donne. Non diciamo a nessuno per chi votare, ma chiediamo loro di andare a votare, e di votare con la consapevolezza di ciò che ci aspetta.

La storia di Femmes Solidaires è che la nostra associazione nasce dai movimenti femminili della Resistenza. Ci siamo sempre opposti all’estrema destra. Oggi, con la forza della nostra storia e dove è presente la RN, più in generale l’estrema destra, sia in Francia che in Europa, conosciamo gli insuccessi dei diritti delle donne.

Non possiamo rimanere insensibili quando ci viene detto che vengono messi in discussione i diritti di interruzione volontaria di gravidanza (IVG), o quando ci viene detto di una battuta d’arresto con il ritorno alla donna a casa per occuparsi da sola dell’educazione dei figli , quando il matrimonio per tutti è messo in discussione…


L’associazione Femmes Solidaires.

©FTV

Non vogliamo più la regressione sociale. E il Raduno Nazionale incarna per noi tutta questa regressione. È di gran lunga il partito che ci preoccupa di più su questo punto. Quando Femmes Solidaires – che è un movimento nazionale con ramificazioni regionali sparse ovunque, e che ha status consultivo presso l’ONU – riceve e incontra donne polacche, italiane, spagnole… Ci dicono che le donne francesi sono un esempio per loro. Ci chiedono di non cadere nella trappola di votare per gli estremi, e in particolare per l’estrema destra.

Siamo straordinariamente fortunati ad avere la legge sul Velo [du 17 janvier 1975, qui encadre la dépénalisation de l’avortement en France]. Stiamo cercando di renderlo sacro, non si tratta di tornare indietro nel tempo. Vogliamo tutelare fermamente questi diritti.

Quindi sì, sventoliamo forte la nostra bandiera e diciamo: fate attenzione. Difendiamo questi diritti, perché non sono acquisiti per sempre. Penso che i più giovani non si rendano conto di tutte le lotte necessarie per ottenere i diritti che abbiamo oggi. I giovani non si rendono conto che ciò che è stato difeso ieri può essere distrutto con un colpo di bacchetta magica. Sta a noi mobilitarci per garantire che questo scenario peggiore non si verifichi.

-

PREV I siti sportivi dell’Agglo de Compiègne accoglieranno nove delegazioni straniere prima dei Giochi Olimpici
NEXT Festa nazionale a Saint-Ouen: Ballo repubblicano – Parc des Docks – Saint-Ouen-sur-Seine, 93400