i Lions “Atlas”, pionieri del calcio africano

i Lions “Atlas”, pionieri del calcio africano
i Lions “Atlas”, pionieri del calcio africano
-

Senza offesa per alcuni giocatori della porta accanto, gli Atlas Lions continuano a lasciare il segno nella storia del calcio africano, sfidando le aspettative e surclassando brillantemente i loro avversari. Contrariamente ad alcune critiche, i marocchini hanno dimostrato il loro valore in campo, non solo giocando e vincendo in casa e bene! anche altrove-da queste parti, ma anche dimostrando la propria capacità di adattamento e di dominio nelle diverse condizioni.

Queste critiche agli Atlas Lions riflettono più una frustrazione per il loro successo che una reale preoccupazione per l’equità sportiva. Non c’è più bisogno di presentare i nostri Lions dell’Atlante! C’è proprio bisogno di farlo notare al piccolo piumino di giornale, una carezza perfetta in direzione dei capelli nell’Oriente dell’Eden, che ha deliberatamente omesso dal titolo, oh sacrilegio “dell’Atlante”, nella sua sezione Vox populi.

Lo sventurato nutriva certamente la speranza di un eventuale “ritorno” del monte Toubkal nell’Aurès. “I leoni non vogliono uscire dalla loro tana“ che intitolò nel sole al tramonto. Un’occasione per la mente tortuosa di approfittarne fallacemente per sputare tutto il suo veleno sul Marocco, sulla FRMF, sulla FIFA, sulla CAF… e forse anche su se stesso allargandosi un po’.

Infrastrutture di livello mondiale

Non importa ! Tuttavia, i Leoni dell’Atlante difficilmente si discosteranno dal loro chiaro percorso nello spazio e nel tempo. È un po’ come nutrirsi di volpi fennec in questi tempi in cui le pecore la fanno da padrone. “Saha Aïdkoum” come direbbe il fumettista di turno. Detto questo torniamo al nostro argomento. Il Marocco ha investito massicciamente in infrastrutture di alta qualità, rendendo il Paese un modello in termini di sviluppo sportivo.

Come si desidera, stadi ultramoderni da Casablanca a Marrakech, passando per Rabat e Tangeri, senza dimenticare Agadir e il suo Grand Stade che è proprio in questione negli “scarti editoriali” o, politicamente corretto, “sterco giornalistico”, commessi da un certo Mâamar Farah per non nominarlo, stanno fiorendo in tutto il Marocco.

Con grande dispiacere dell’odiatore della porta accanto che, come indica il suo nome, è dialetticamente più un “arrivo”, più che un completo, ll Regno del Marocco dispone di strutture degne delle più grandi competizioni internazionali. Questa attrezzatura è stata riconosciuta dalla FIFA e dalla CAF, consentendo al Marocco di ospitare eventi importanti come CAN 2025 e la Coppa del Mondo 2030.

Una squadra in crescita

Sul campo “qui e altrove”, i Leoni dell’Atlante non hanno brillato solo per le loro infrastrutture, ma anche per le loro eccezionali prestazioni sul campo. Durante queste qualificazioni per la Coppa del Mondo 2026 in cui il piccolo Fennec della porta accanto fatica a trovare la sua strada, hanno inflitto una feroce sconfitta per 6-0 al Congo, dimostrando il loro dominio assoluto. Capiamo che questo è fastidioso! Questa vittoria ad Agadir non è frutto del caso, ma di una preparazione rigorosa e dell’innegabile talento di un gruppo in divenire.

Il Marocco guarda con determinazione al futuro e ha la grande ambizione di ospitare la Coppa del Mondo 2030. Questo obiettivo ambizioso è supportato da continui investimenti nelle infrastrutture e nello sviluppo dei talenti locali. Il Marocco ha già dimostrato di poter competere con le migliori squadre del mondo e si prepara a farlo su scala ancora più grande, il Qatar resta nella mente della gente.

Visione per il futuro

Ma è vero che i senili dello spettacolo dei Muppets made in Algeria e i loro scagnozzi non se lo ricordano o semplicemente non lo vogliono. Avevano interrotto l’ascolto delle esibizioni dei Leoni dell’Atlante per i cittadini algerini, il che per loro era un male. La partecipazione del Marocco è durata fino alla semifinale e alla partita di classifica e, soprattutto, ha suscitato un tale scalpore da rispondere al silenzio assordante dei media dell’Est dell’Eden.

Che ci piaccia o no, i Leoni dell’Atlante simboleggiano l’ascesa del calcio marocchino e africano. Il loro successo non è solo una questione di fortuna o favoritismo, ma il risultato di una strategia ben ponderata, di investimenti nelle infrastrutture e di un impegno per l’eccellenza. Anche se alcuni critici tentano di minimizzare i loro successi, è chiaro che il Marocco è sulla strada giusta per diventare una vera potenza nel calcio mondiale.

Ottenere l’organizzazione del CAN 2025 da parte del Marocco, rubata proprio sotto il naso dell’Algeria, è un meritato riconoscimento degli sforzi del Paese per promuovere il calcio in Africa. A differenza di altre nazioni non lontane, il Marocco ha dimostrato di saper organizzare competizioni di alto livello, offrendo condizioni ottimali per squadre e tifosi. CAN 2025 in Marocco diventa solo più meritato.

-

PREV Bambina uccisa in Francia: arrestato il patrigno
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France