Università di Toronto: i campeggiatori filo-palestinesi sfideranno l’ordine di evacuazione

-

Una trattativa in buona fede tra la direzione dell’Università di Toronto ed i manifestanti dell’accampamento filo-palestinese che occupa il prato del campus principale non può essere portata avanti sotto alcuna minaccia, secondo i rappresentanti dei manifestanti. Ed è per questo che intendono sfidare l’avviso di ingresso abusivo che entrerà in vigore lunedì.

In effetti, la Federazione del lavoro dell’Ontario – che rappresenta sindacati e un milione di lavoratori”,”text”:”54sindacati e un milione di lavoratori”}}”>54 sindacati e un milione di lavoratori – invita i propri iscritti a fare altrettanto e a collegarsi al sito quando il bando entrerà in vigore.

h per assicurarci di essere ben supportati in caso di intervento della polizia”,”text”:”Ci incontreremo con i membri […] dalla Ontario Federation of Labour (OFL) lunedì mattina alle 8:00 per garantire un adeguato supporto in caso di intervento della polizia”}}”>Ci riuniremo con i membri […] dalla Ontario Federation of Labour (OFL) lunedì mattina alle 8:00 per garantire un adeguato supporto in caso di intervento della poliziadichiara uno dei rappresentanti del gruppo, Erin Mackey.

Venerdì i manifestanti hanno ricevuto un avviso di ingresso non autorizzato. Dovrebbe entrare in vigore lunedì mattina. La direzione dell’università minaccia di imporre multe ai campeggiatori che saranno ancora lì. Inoltre, i dipendenti universitari e gli studenti che si trovano nel campo sono minacciati di sospensione e persino di licenziamento.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

L’avviso di ingresso non autorizzato è stato distribuito alle persone presenti venerdì, oltre ad essere affisso in diversi punti dell’accampamento.

Foto: Radio-Canada / Evan Mitsui/CBC

I negoziati tra i manifestanti e gli alti dirigenti si svolgeranno domenica pomeriggio. Tuttavia, i rappresentanti del campo filo-palestinese dubitano delle intenzioni della direzione.

Inoltre, il rappresentante di un gruppo per i diritti degli studenti ebrei dice che i manifestanti glorificare Hamas e quello lo è che si vergogna che l’università tenga colloqui con loro.

FTO invita il presidente

FTO dice il supporto inequivocabile Studenti che partecipano alle proteste nel campus dell’Università di Toronto.

In un comunicato stampa diffuso sabato sera, il suo presidente, Laura Waltonsi dice delusa dal fatto che l’università abbia emesso avvisi di ingresso non autorizzati.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Laura Walton è la presidente della Federazione del lavoro dell’Ontario. (Archivio)

Foto: stampa canadese/Chris Young

McMaster, ad esempio, mostra ciò che è possibile.”,”text”:”I negoziati devono continuare in buona fede e senza la minaccia di un intervento della polizia. Recenti risultati positivi provenienti dagli accampamenti dell’Ontario Technical University e della McMaster University, ad esempio, mostrano cosa si può fare.”}}”>I negoziati devono proseguire in buona fede e senza minaccia di intervento della polizia. I recenti risultati positivi riguardanti gli accampamenti presso l’Ontario Technical University e l’Università McMasterad esempio, mostrare ciò che è possibile.

Sig.ra Walton ricorda l’importanza di negoziare in buona fede, sia con i sindacalisti per nuovi contratti collettivi come ha fatto l’università in passato, sia con gli studenti nel caso presente.

Come incoraggiamento, invito tutti i sindacati e i loro alleati a partecipare a una manifestazione di solidarietà lunedì alle 8 presso il campo studentesco dell’Università di Toronto. Se per allora si deciderà di agire contro gli studenti, bisognerà prima passare attraverso gli operai.

Una citazione da Laura Walton, Presidente della Federazione del Lavoro dell’Ontario (OFL)

Negoziare in buona fede

I rappresentanti dei manifestanti sono d’accordo con la sig. Walton : I negoziati devono essere condotti su base paritaria.

Mohammad Yassin, uno dei rappresentanti del gruppo, lo chiede all’amministrazione negoziare in buona fede e mantiene la sua posizione sulle sue richieste.

Nella sua offerta, l’università propone di creare un gruppo di lavoro per determinare come può essere più trasparente e rendere pubblici i propri investimenti.

Yassin, tuttavia, definisce questa opzione un processo burocratico non necessario, affermando che il rettore dell’università, Meric Gertler, mantiene il diritto di veto.

Chiedo al presidente Gertler: “Se un genocidio non è il momento giusto per rivedere i suoi processi e le sue politiche, quando sarà?”

Una citazione da Mohammad Yassin, uno dei rappresentanti del gruppo di manifestanti

Le richieste del gruppo di manifestanti

Rendere pubblici tutti gli investimenti detenuti nei fondi di dotazione dell’università, nel capitale circolante a breve termine e in altre attività finanziarie;

disinvestire dalla dotazione, dai beni e da altre partecipazioni finanziarie dell’Università e da tutti gli investimenti diretti e indiretti che sostengono l’apartheid israeliano, l’occupazione e la colonizzazione illegale della Palestina;

Porre fine a tutte le partnership con le istituzioni accademiche israeliane presenti negli insediamenti nei territori palestinesi occupati o che sostengono le politiche di apartheid dello Stato di Israele e il suo genocidio in corso nella Striscia di Gaza.

Fonte: Pagina Instagram di U di T Occupare per la Palestina

La signora Mackey afferma di aver incontrato il presidente Meric Gertler intorno al 20 marzo. Lei sostiene che lui glielo ha detto l’Università di Toronto ha infatti aziende produttrici di armi complici dell’apartheid israeliano nei suoi investimenti.

>>Una donna presenta un foglio a un fotografo.>>

Apri in modalità a schermo intero

Erin Mackey è uno dei rappresentanti dei manifestanti. Venerdì ha ricevuto personalmente un avviso di ingresso non autorizzato.

Foto: Radio-Canada / Evan Mitsui/CBC

Tuttavia, domenica mattina la direzione ha inviato un comunicato stampa ai media. : “Tali affermazioni non sono basate su alcun fatto”.”,”text”:”In risposta alle accuse che collegano in qualche modo l’Università di Toronto all’azione militare israeliana a Gaza o che il presidente Meric Gertler avrebbe confermato che l’Università di Toronto Toronto ha investimenti in aziende produttrici di armi, un portavoce dell’Università di Toronto ha dichiarato quanto segue: “Tali affermazioni non sono basate su alcun fatto.”}}”>In risposta alle accuse che collegano in qualche modo l’Università di Toronto all’azione militare israeliana a Gaza o che il presidente Meric Gertler ha confermato che l’Università di Toronto ha investimenti in aziende produttrici di armi, un portavoce dell’Università di Toronto ha dichiarato quanto segue: “Tali affermazioni non si basano su alcun fatto.”

Negoziare con i manifestanti, che si vergogna

Hillel Ontario è un gruppo che difende gli studenti ebrei. Secondo il suo rappresentante, Jay Salomone, il campo stesso rappresenta una forma di molestie E bullismo.

A causa di questi accampamenti illegali, gli studenti ebrei si sentono presi di mira, presi di mira, molestati, intimiditi e aspettano che i loro alleati, i leader universitari e il governo provinciale si alzino e dicano basta.ha detto in un’intervista domenica pomeriggio.

La provincia vergognosamente ha consentito [ce type de harcèlement] va avanti da troppo tempo e chiediamo ai dirigenti universitari, al governo provinciale e ai canadesi ben intenzionati di adottare tutte le misure necessarie per salvaguardare il benessere degli studenti ebrei.

Una citazione da Jay Solomon di Hillel Ontario

Sig. Salomone aggiunge che, a suo parere, l’amministrazione universitaria non dovrebbe dialogare con i campeggiatori.

È vergognoso il fatto che l’università stia negoziando con un gruppo che glorifica Hamas, che diffonde messaggi antiebraici, antisionisti e, in realtà, anti-canadesi, e che occupa illegalmente un campus per settimane.

Con informazioni dalla CBC

-

PREV “È una rivoluzione per l’Île-de-France”: la linea 14 della metropolitana finalmente estesa fino a Saint-Denis Pleyel
NEXT la data di commercializzazione delle prime botti conosciute