Le riforme chiave che il PROGETTO raccomanda per il cambiamento sistemico…

Le riforme chiave che il PROGETTO raccomanda per il cambiamento sistemico…
Le riforme chiave che il PROGETTO raccomanda per il cambiamento sistemico…
-

Per le nuove autorità, la constatazione generale da diversi anni è che “il popolo senegalese non ha più fiducia nella propria giustizia”, ​​il Capo dello Stato intende coinvolgere gli attori interessati per parlare di “questa crisi di fiducia più in particolare, quando i politici sono chiamati ad affrontare la Giustizia”.
Sonko e soci ritengono infatti che i processi siano fuorvianti e assumano un aspetto eminentemente politico. Considerando allo stesso tempo che “si sfrutta la giustizia e certi magistrati agiscono su comando per compiacere il potere che era in carica. » Questo sospetto dei cittadini, della giustizia sotto l’influenza del potere esecutivo, è fonte di instabilità per il Senegal e pericoloso per la democrazia e lo Stato di diritto. Pertanto, il ripristino di questa fiducia diventa allo stesso tempo una priorità e un’emergenza, secondo il nuovo regime che ha richiesto queste consultazioni sulla giustizia. È quindi necessario riformare la giustizia nel suo complesso al fine di limitare i poteri dell’Esecutivo nel funzionamento del sistema giudiziario e garantirne l’indipendenza organica e funzionale.

Il rapporto tra esecutivo e magistratura
In questo caso è necessario passare da un “Consiglio costituzionale” ad una “Corte costituzionale” che sarà al vertice dell’organizzazione giudiziaria perché, ritiene il nuovo regime, questo nome di “consiglio” è divenuto anacronistico per tenere conto delle l’esigenza democratica e il ruolo di custode delle normatività giuridiche e sociali, di competenza costituzionale. In questo caso sarà sottratto all’influenza del Presidente della Repubblica attraverso il metodo di designazione congiunta dei suoi membri.

Dopo il deferimento alla Corte costituzionale, sarà coinvolta la popolazione stessa. A parte la modalità di riferimento verticale o politica, dovrà prendere in prestito elementi di democrazia diretta. Ci sarà quindi un’appropriazione popolare della giurisdizione. Inoltre, la previsione di un meccanismo di auto-deferimento consentirà alla Corte costituzionale di pronunciarsi d’ufficio sulla costituzionalità di qualsiasi testo legislativo o regolamentare. L’autodeferimento, infatti, secondo Pastef e i suoi sostenitori, è una garanzia di indipendenza funzionale del tribunale che non sarebbe più soggetto solo al rinvio politico o popolare per esercitare le sue funzioni.

Inoltre, la Corte costituzionale dovrà essere allargata a 9 membri (6 magistrati, 3 professori di diritto). Sarà composto da 3 giudici scelti dal Presidente della Repubblica, 3 giudici scelti dall’opposizione parlamentare e 3 proposti dalla società civile. Da qui l’importanza di coinvolgere le parti interessate di tutte le convinzioni affinché forniscano le loro opinioni. Va notato che Pastef, nel suo progetto sistemico, propone gli ex presidenti della Repubblica del Senegal come membri ex officio della Corte costituzionale. Si prevede la riforma del codice penale senegalese, considerato che l’attuale codice non corrisponde ai valori e ai bisogni attuali del Senegal. Secondo Pastef si tratta di “una copia del codice penale napoleonico del 1810, vale a dire un codice adottato all’indomani della Rivoluzione francese del 1789 per garantire la tutela penale dello Stato prima di preoccuparsi di considerazioni umanistiche. Tuttavia, un codice penale moderno deve occuparsi dell’essere e dell’avere dell’uomo prima che degli interessi dello Stato.

Cosa andrebbe cancellato dal codice penale

Si tratta di un buon numero di reati che Pastef considera “superati” o addirittura inutili. Si tratta dei reati di vagabondaggio, accattonaggio, aggressione, ecc.). Ma anche la pena detentiva per reati di stampa. Verranno però rafforzate le sanzioni pecuniarie e riformato il codice di procedura penale. Questo è il progetto più importante che avrà necessariamente un impatto sull’indipendenza della giustizia e sulla salvaguardia dei diritti e delle libertà dei cittadini. Si procederà quindi ad una ridefinizione delle condizioni per il fermo di polizia e ad una riduzione della durata della misura. La custodia della polizia è attualmente utilizzata come mezzo per umiliare o punire un cittadino prima di qualsiasi decisione legale.

Per limitare ciò, si discuterà di una durata della custodia della polizia di diritto comune che aumenterà a 24 ore rinnovabili una volta, cioè 48 ore al massimo. L’abolizione della pratica del ritorno dell’accusa che è una pratica giudiziaria contraria al principio di legalità della repressione previsto dalla Costituzione. Secondo le nuove autorità, la restituzione del parquet è arbitraria, non ci sono condizioni per l’attuazione, né limiti di tempo. Ma anche la riforma della procedura di nomina del giudice istruttore che dovrebbe basarsi su criteri oggettivi.

Oggi Diomaye e Sonko ritengono che “i reati degli articoli da 55 a 100 e 255 del codice penale servono per detenere oppositori e giornalisti”. La magistratura non dovrebbe essere utilizzata per rintracciare gli oppositori politici e la stampa. Sarà necessario limitare a tre anni il periodo di custodia cautelare in materia penale, eliminare la procedura per contumacia e sostituirla con una procedura penale per contumacia. Contumace è contraria alla Costituzione e ai principi elementari del diritto ad un giusto processo. Di conseguenza, verrà stabilita l’indipendenza della Procura rispetto al Ministro della Giustizia e verrà rafforzato lo status “speciale” della Procura.

Istituzione di un giudice delle libertà e della detenzione…

Il Giudice delle Libertà e della Penitenza garantisce la tutela delle libertà individuali in quanto membro del potere giudiziario. È uno dei magistrati che interviene quando sono in gioco i diritti delle parti in causa. Può essere contattato dall’imputato o da qualsiasi altra autorità giudiziaria o amministrativa competente. Deve pronunciarsi sulla custodia cautelare e ha altri poteri in materia di tutela delle libertà. Il giudice delle libertà e della detenzione è un Giudice unico. È specializzato e ha responsabilità crescenti in materia di violazione della libertà individuale.

Nel corso di questi incontri il Presidente della Repubblica illustrerà sicuramente ai partecipanti questa scelta. Il giudice della libertà è competente in materia di custodia cautelare, richieste di scarcerazione o di estensione della custodia cautelare, arresti domiciliari con sorveglianza elettronica e messa sotto controllo giudiziario.

-

PREV L’Ordine dei Chimici è preoccupato per la disinformazione sulle creme solari
NEXT Fino a 45 avvertiti, possibili forti temporali e inondazioni improvvise