Cosa può apportare CMA 2024 a una vera politica dei servizi linguistici francesi in Nuova Scozia?

Cosa può apportare CMA 2024 a una vera politica dei servizi linguistici francesi in Nuova Scozia?
Cosa può apportare CMA 2024 a una vera politica dei servizi linguistici francesi in Nuova Scozia?
-

Tuttavia, nonostante questo aumento del numero di francofoni, da un lato, e il desiderio del governo della Nuova Scozia di attirare più immigrati francofoni nella provincia, dall’altro, la lingua francese è completamente assente gran numero di uffici di servizio pubblico nella provincia.

Anche quando in alcuni uffici sono ben visibili i piccoli manifesti “Bonjour/Hello” e “Bonjour/français-english”, non esiste alcun agente che possa parlare francese con i clienti francofoni.

Altre istituzioni come ospedali e tribunali non fanno eccezione a questa regola. “Mi dispiace, non parlo francese” è la frase comune ai vari ricevimenti degli uffici in Nuova Scozia. In effetti, cosa può apportare il Congresso Mondiale Acadiano per migliorare i servizi in francese alla popolazione francofona della Nuova Scozia?

Inoltre, nella sezione Impatto per la comunità del rapporto finale del CMA 2004, organizzato in Nuova Scozia, il comitato ha infatti menzionato la presenza del francese nel panorama linguistico di questa provincia. “Tra i progetti innovativi della comunità annoveriamo il progetto della segnaletica bilingue (autostrade e imprese) e la collocazione di oltre 250 striscioni Benvenuta a Chiara da un capo all’altro della comunità”, si legge in questo rapporto.

Oltre a questo impatto, è il 1ehm Nell’ottobre 2004, sulla scia di questa CMA, che il governo di Giovanni Hamm, Premier della Nuova Scozia dal 1999 al 2006, ha presentato un disegno di legge che non solo riconosceva l’Office of Acadian Affairs, ma che è stato anche integrato nella legge sul servizio civile provinciale. Questa legge fu adottata dal legislatore il 14 ottobre dello stesso anno e ricevette il consenso reale il successivo 18 ottobre.

Alla luce di quanto sopra, è ovvio che il Congresso Mondiale Acadiano avrà un impatto considerevole sulla Francofonia in Nuova Scozia e, allo stesso tempo, potrà migliorare i servizi in francese nella pubblica amministrazione.

Inoltre, in una recente intervista a Francopresse, Allister Surette, presidente del comitato organizzatore della CMA 2024, ha affermato che questo raduno è il più grande evento della Francofonia. Per quanto paradossale possa sembrare, sono soprattutto le regioni a predominanza anglosassone ad ospitare ogni cinque anni il più grande evento del mondo francofono.

Se prendiamo in considerazione la storia della lingua francese in America, dovrebbe essere più presente in Nuova Scozia. È in questo senso che la CMA può creare spazi di dibattito al fine di incoraggiare ministeri, agenzie ed enti statali nello sviluppo e nell’adozione di programmi e servizi in francese realmente adattati ai bisogni della popolazione acadiana e parlata francese. Finora, la Nuova Scozia non è il posto migliore in cui vivere come madrelingua francese monolingue.

Non possiamo parlare di Acadia senza fare riferimento alla lingua francese. A tal fine, la presenza di questa lingua solo nel panorama linguistico di alcune regioni è necessaria, ma non sufficiente per la sua preservazione.

Abbiamo bisogno di completezza istituzionale come la descrisse il sociologo Raymond Breton nel 1964, vale a dire che gli acadiani e i francofoni non dovrebbero essere obbligati a consultare istituzioni di lingua inglese per soddisfare le loro esigenze nei settori della sanità, dell’istruzione e del lavoro, tra gli altri.

In breve, la CMA è più di un raduno. Questo evento dovrebbe essere anche un momento di riflessione sulle questioni sociali che accadiani e francofoni devono affrontare. Inutile dire che il parossismo della completezza istituzionale nelle regioni acadiane dovrebbe essere sul tavolo durante la CMA.

-

PREV Eredità. “Origine della Corrèze, se potessi usare una parola sarebbe autenticità”, insiste un coltivatore di noci della Corrèze
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey