Viene lanciato un programma per attrezzare le famiglie migranti nel sistema sanitario

Viene lanciato un programma per attrezzare le famiglie migranti nel sistema sanitario
Viene lanciato un programma per attrezzare le famiglie migranti nel sistema sanitario
-

MONTREAL – Un programma pilota di due anni è stato appena lanciato dal Montreal Children’s Hospital (Children) e dal St. Michael’s Hospital di Toronto per aiutare le famiglie migranti ad orientarsi nel sistema sanitario, in particolare per i giovani che vivono con malattie croniche.

Il programma mira a fornire informazioni alle famiglie, ma anche a prepararle affinché possano orientarsi nel sistema sanitario. L’obiettivo è rispondere ai bisogni insoddisfatti dei giovani affetti da malattie croniche.

Anche il progetto pilota denominato Programma di Intervento per Adolescenti Migranti mira a sensibilizzare le famiglie sui propri diritti.

Children stima che il progetto aiuterà circa 200-300 adolescenti migranti e le loro famiglie nei prossimi due anni.

“Molte delle nostre famiglie quando arrivano non vogliono sconvolgere il sistema. Non cercano aiuto quando i loro figli o loro stessi potrebbero averne bisogno”, ha affermato la dottoressa Patricia Li, pediatra del Children’s.

Ha spiegato che le famiglie migranti spesso incontrano ostacoli nell’accesso a cure adeguate come lingua, cultura, discriminazione o mancanza di informazioni.

“Come équipe medica, cerchiamo di sostenere le famiglie, che sono molto resilienti, ma non abbiamo abbastanza strutture e aiuto a nostra disposizione”, osserva.

“Trovarsi di fronte ad un nuovo sistema sanitario è sempre una difficoltà per le nostre famiglie. È già difficile per chi non è nuovo in Quebec o in Canada sapere come registrarsi per un medico di famiglia, come accedere agli ambulatori per non andare al pronto soccorso», sostiene il pediatra.

Passare da adolescente ad adulto

Il dottor Li ha indicato che molti adolescenti migranti affetti da malattie croniche arrivano a Montreal senza vedere medici da mesi, le loro prescrizioni sono scadute o non hanno ricevuto cure preventive che potrebbero evitare complicazioni legate alla loro malattia.

“Abbiamo più guerre, instabilità geopolitica, cambiamenti climatici, quindi spesso queste famiglie e giovani vengono sfollati dal loro paese di origine a causa di queste situazioni e potrebbero aver vissuto un viaggio abbastanza traumatico che può causare disordini per la loro salute mentale durante il viaggio migratorio non avevano accesso a cure (adeguate)”, ha spiegato.

Un aspetto importante del programma è supportare gli adolescenti nella transizione dall’assistenza pediatrica a quella per adulti. “C’è un grosso buco nel sistema per questi bambini e stiamo davvero cercando di colmare queste lacune nell’assistenza e il programma di navigazione dei pazienti fungerà da rete di sicurezza in modo che le nostre famiglie non cadano nel dimenticatoio”, ha detto Il dottor Li.

Un giovane immigrato che passa dall’assistenza pediatrica a quella per adulti si ritroverà in lista d’attesa per un medico di famiglia, come tutti gli altri. Ma la situazione dei giovani affetti da malattie croniche preoccupa il dottor Li. La Clinica Multiculturale Infantile si occupa di mettere in contatto questi piccoli malati con medici specialisti. “Spesso un anno o due dopo, non sempre sono in contatto con uno specialista”, dice.

Il dottor Li, che è anche ricercatore presso l’Istituto di ricerca del Centro sanitario dell’Università McGill, sottolinea che i giovani che soffrono di malattie croniche necessitano di un monitoraggio medico più attento e spesso devono assumere farmaci. Ritrovarsi senza medico di famiglia li rende più vulnerabili.

Il programma pilota è finanziato dal Gruppo TD Bank e dalle Fondazioni ospedaliere pediatriche canadesi. Viene svolto un lavoro di collaborazione con le famiglie e gli adolescenti per sviluppare interventi. La dottoressa Li spera di condividere le sue conoscenze con i partner sanitari e di espandere il programma.

I contenuti sanitari della stampa canadese ricevono finanziamenti attraverso una partnership con la Canadian Medical Association. La Stampa Canadese è l’unica responsabile delle scelte editoriali.

-

NEXT Legislativo: François Hollande annuncia la sua candidatura alla Corrèze