Testa rasata e niente trucco: queste giovani donne cinesi rifiutano il “dovere della bellezza”

-

Sempre più giovani donne cinesi osano sfidare gli standard di bellezza, che considerano oppressivi e ingiusti. Un gesto dichiaratamente femminista in un Paese che reprime ogni forma di protesta sociale.

Nella primavera del 2022, nel pieno del rigido lockdown di Shanghai, mentre molti dei 25 milioni di residenti sperimentavano incertezza e fame, Erin, una giovane studentessa dell’Università Jiao Tong di Shanghai, era nel pieno dello stress dovuto alla scrittura della sua tesi di laurea , era interessato al destino e ai diritti delle donne durante questo isolamento.

Pochi mesi dopo, si unì ai gruppi femministi sul social network cinese Douban e cambiò radicalmente il suo aspetto. Nel mezzo di un’ondata di caldo soffocante, ha smesso di indossare il reggiseno e ha deciso di tagliarsi i capelli.

Mi sono detto che l’avrei fatto perché odiavo davvero quella sensazione di non fare nulla per mia decisione. Penso che fosse giunto il momento di fare qualcosa che mi facesse sentire a mio agio. Con i miei capelli corti mi sento davvero benedice Erin in una video intervista.

Ma i miei genitori non hanno davvero l’idea che le donne possano essere se stesse. I miei familiari potrebbero scherzare dicendo: sembri un ragazzo.

Una citazione da Erin, attivista femminista cinese

La sua decisione riflette una tendenza crescente tra le giovani donne cinesi, in una società in cui i capelli lunghi e gli abiti corti sono spesso associati alla femminilità e alla bellezza.

Questo è ciò che chiamiamo il dovere della bellezza.

Il potere dei social network

Da tre anni il gruppo di discussione sulla rete sociale Douban attira l’attenzione e conta oggi più di 4.500 membri. Si chiama : I capelli rasati delle donne sono fantastici.

Mentre alcuni sfidano queste norme sociali per sostenere l’uguaglianza di genere, altri lo fanno anche per praticità. Avere i capelli corti e non truccarsi richiede meno tempo ogni giorno.

Ho sentito meno pressione dopo aver sfidato il “dovere di bellezza”. Dopo essermi rasato la testa, sentivo sempre più che cose come l’acconciatura non potevano definire se qualcuno fosse un uomo o una donna. È pur sempre una donna, anche con la testa rasata. È solo un’acconciaturaspiega in una videointervista colei che si fa chiamare Thing sul social network Xiaohongshu, l’equivalente cinese di Instagram.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Cosa, prima e dopo l’adesione al movimento.

Foto: Xiahongshu/Cosa

Sui social media condivido questi pensieri e incoraggio più ragazze a provarlo. Ora possiamo dire loro che possono provare cose come avere i capelli molto corti, non truccarsi, indossare abiti larghi o non indossare gonne.

E, secondo lei, i suoi sforzi sono stati ripagati.

Molte ragazze mi hanno detto che hanno smesso di truccarsi grazie al mio incoraggiamento. Si sono resi conto che non truccarsi andava bene perché non otteniamo lavoro o facciamo amicizia in base al nostro aspetto. Piuttosto, si basa sulle nostre capacità personali.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Cosa, prima e dopo l’adesione al movimento.

Foto: Xiahongshu/Cosa

La 23enne si è rivolta a siti web e libri femministi l’anno scorso dopo aver subito molestie sessuali. Afferma di essere stata seguita da uno stalker.

Questo è stato il punto di svolta per me. Volevo ridurre alcuni aspetti del mio fascino femminile.

Una citazione da Thing, attivista femminista cinese

Donne vincolate dall’ideologia ufficiale

Dalla sua partecipazione alla rivolta studentesca in Cina del 1989 che portò al massacro di piazza Tiananmen fino al suo esilio negli Stati Uniti nel 2015, Lu Pin non ha mai smesso di lottare per i diritti delle donne nel Regno di Mezzo.

Ha fondato la prima piattaforma femminista online in Cina nel 2009. La rete ha poi permesso di organizzare e coordinare lo svolgimento di eventi nel Paese.

Lu Pin rende omaggio al coraggio di queste tante donne cinesi che osano sfidare il dovere della bellezzae quindi la società cinese e lo Stato cinese, mentre ogni forma di protesta viene repressa.

Questo è significativo e importante, perché è sempre più difficile per le femministe o le donne difendere i propri diritti. La situazione attuale in Cina è davvero unicalei crede.

Molte persone si identificano come femministe, ma sono vincolate dall’ideologia ufficiale, che non consente loro di esprimerla.

Una citazione da Lu Pin, attivista femminista cinese

Sostenere la sfida al “dovere di bellezza” non significa chiedere conto allo Stato e non richiede che il governo cambi. Invece, invita le persone a iniziare a cambiare se stesseaggiunge.

Lu Pin ritiene inoltre che in Cina siano necessari cambiamenti significativi nella società e nella mentalità per trasformare il Paese e il regime.

Credo che l’obiettivo diretto del movimento femminista sia resistere al sistema patriarcale. Tuttavia, scoprirai che il sistema patriarcale in Cina è protetto dallo stato stesso. Può il movimento femminista in Cina cambiare il sistema del nostro Paese o alterare la struttura partito-stato? Penso che sia improbabile. Tuttavia, ciò che è molto importante in questo movimento è che riunisce coloro che non riconoscono il sistema attuale. Questo è estremamente importante.

Una modella che voleva mostrare il suo femminismo

La leggenda Zhu era il volto stesso degli standard di bellezza cinesi. Alto e magro con i capelli lunghi. Solo due anni fa faceva la modella mentre studiava all’università di Pechino.

>>Fotomontaggio con la foto di una donna con i capelli lunghi in posa a sinistra e il selfie di una donna con la testa rasata che sorride a destra.>>

Apri in modalità a schermo intero

“Praticare il femminismo mi ha sicuramente posto molte sfide”, afferma Legend Zhu.

Foto: Xiahongshu/Leggenda Zhu

Si è anche rasata i capelli e ha voluto mostrare le sue convinzioni femministe dopo essere stata ritenuta troppo grassa per continuare a fare la modella.

Praticare il femminismo mi ha sicuramente posto molte sfidespiega la leggenda Zhu. : “Sembri davvero un ragazzo adesso. Perché ti sei tagliato i capelli da uomo?””,”text”:”Per esempio, dopo che mi ero rasato la testa, la gente cominciò a chiamarmi chiedendomi se mi fosse successo qualcosa o se stavo attraversando qualcosa di difficile. Mi dicevano: “Sembri davvero un ragazzo adesso. Perché ti sei tagliato i capelli da uomo?”Ad esempio, dopo che mi sono rasato la testa, la gente ha iniziato a chiedermi se mi era successo qualcosa o se stavo attraversando qualcosa di difficile. Dissero: “Sembri davvero un ragazzo adesso. Perché ti sei tagliato i capelli da uomo?”

Oggi, nella Columbia Britannica, dove studia, tra le altre cose, l’impatto del cambiamento climatico sulle donne, vuole portare avanti la sua lotta per la giustizia sociale per le donne.

Spero che in futuro le donne cinesi possano almeno raggiungere la parità salariale. Ad esempio, non è giusto non assumere qualcuno solo perché è una donna che potrebbe sposarsi o avere figli.

Una citazione da Leggenda Zhu, attivista femminista cinese

Spero di continuare a portare avanti la causa del femminismo in Cina. Naturalmente spero anche che la mia carriera possa avere un impatto globale ed essere influente in tutto il mondosupporta la leggenda Zhu in una video intervista.

>>Fotomontaggio con a sinistra la foto di una donna con i capelli lunghi che sfila e a destra un selfie di una donna con la testa rasata.>>

Apri in modalità a schermo intero

La leggenda Zhu era il volto stesso degli standard di bellezza cinesi prima di mostrare le sue convinzioni femministe.

Foto: Xiahongshu/Leggenda Zhu

Chi si presenta come La Cosa sui social network spera anche che il movimento femminista cinese riesca a prendere slancio.

Penso che il femminismo stia diventando una tendenza in Cina, ma è ancora un movimento minoritario. La situazione attuale è che coloro che sfidano il “dovere di bellezza” restano ancora una minoranzadice la Cosa.

Erin crede che sia imperativo che altre giovani donne si presentino come sfidanti le norme sociali cinesi sui social media in un paese in cui il potere degli influencer è enorme, soprattutto tra i giovani.

Abbiamo bisogno di più voci, soprattutto per le ragazze adolescenti, prima che vadano al college e scoprano che la bellezza non è così importante. Perché nella giovane fase dell’adolescenza pensano ancora che la bellezza porti buone relazioni sociali.

Leggi e ascolta anche:

-

PREV Come la metropoli di Lione ricrea un settore agricolo sul suo territorio
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey