21 maggio 1987 a Val-d’Oise: inaugurazione del parco divertimenti Mirapolis e partenza delle montagne russe

-

Il nostro anniversario “80 anni di Parigi, 80 titoli”

Il primo numero di Le Parisien apparve il 22 agosto 1944, nel pieno della liberazione di Parigi. Per celebrare questo anniversario, abbiamo selezionato 80 “titoli” storici o emblematici del loro tempo. Lo sport, la cronaca, la conquista dello spazio, le elezioni presidenziali, la scomparsa delle star… Raccontano otto decenni di attualità. Abbiamo scelto di raccontarvi il dietro le quinte. Una serie da scoprire fino alla fine dell’anno.

Jacques Chirac ridendo, ai piedi del gigante Gargantua. È questa sorprendente foto del Primo Ministro a comparire sulla prima pagina di Le Parisien il 21 maggio 1987. La foto è stata scattata il giorno prima, durante l’inaugurazione del parco divertimenti Mirapolis, situato a Courdimanche (Val-d’Oise) , nella nuova città di Cergy-Pontoise, a una trentina di chilometri da Parigi. Lo stesso giorno della pubblicazione, il grande pubblico ha potuto scoprire la Discesa delle Rapide o il Palazzo di Sortilèges, due delle attrazioni di punta di questo sito innovativo.

“Il Primo Ministro non ha nascosto il suo orgoglio per la realizzazione rapida del primo parco della regione”, si legge nel giornale. Chirac ha esclamato: “Mi congratulo con i registi, con gli animatori che hanno saputo prendersi il rischio di un’impresa del genere. I grandi si divertiranno quanto i bambini, come Gargantua che sapeva lavorare ma anche divertirsi. Mirapolis è enorme. »

Nove aree di intrattenimento, quattordici giostre e trenta ettari…

L’articolo è citato diffusamente sulla prima pagina di Le Parisien national. Questo nuovo parco divertimenti sta ricevendo molta attenzione. Bisogna ammettere che i cittadini forse hanno bisogno di lasciarsi trasportare da quest’aria di festa: nel maggio 1987, la Francia fatica a riprendersi dal suicidio di Dalida e si è appena concluso davanti a sé il processo a Klaus Barbie per crimini contro l’umanità della Corte d’Assise del Rodano. In mezzo a queste notizie piuttosto cupe, un po’ di leggerezza non fa male.

Le Parisien Val-d’Oise matin sa già da tempo che questo Mirapolis sarà un punto di riferimento. Una settimana prima del grande giorno, aveva già svelato nei dettagli le sorprese che attendevano i visitatori di Courdimanche. “Nove aree di intrattenimento, quattordici giostre e cinquemila posti per spettacoli automatizzati o scenici, due ettari e mezzo di laghi e piscine fanno dei trenta ettari di Mirapolis il più grande parco divertimenti francese”, ha scritto uno dei giornalisti del vostro quotidiano. “Solo sulle giostre potranno provare l’emozione ogni ora 17.500 persone. »

Se questa apertura è attesa da tempo è perché il sito era, per l’epoca, davvero pioneristico. Il Futuroscope di Poitiers non è ancora stato lanciato del tutto (accoglierà i suoi primi visitatori alla fine dello stesso mese), il Parc Astérix non esiste ancora, il parco Disneyland Paris è in fase preliminare. “Thoiry, il Mare di Sabbia, Mirapolis: trifecta! » è citato nel titolo dell’articolo, riferendosi agli unici altri due parchi situati nelle vicinanze. A Courdimanche si cambia dimensione, tutto è sproporzionato. Il vostro quotidiano cita anche una promettente dichiarazione del segretario di Stato alla Cultura, un certo Philippe de Villiers, venuto sul posto tre mesi prima: “Mirapolis, creata sul tema delle leggende del nostro paese, è il simbolo di ciò che deve essere la Francia del tempo libero culturale. »

Gli showmen “sfondano la casa”

Alla vigilia dell’inaugurazione, il quotidiano ha dedicato un’intera pagina all’evento, pubblicando una mappa del parco con una selezione di “nove tappe da non perdere”. Ovviamente tutte le informazioni pratiche: prezzo d’ingresso 100 franchi per gli adulti e 70 franchi per i bambini sotto i 12 anni, parcheggi, posti dove mangiare. Il giorno dopo il lancio, Mirapolis è ancora uno dei temi principali del giornale ma non nella stessa rubrica: “Gli showmen spaccano la casa”, si annuncia in prima pagina.

All’interno viene descritto come “attaccarono Gargantua”. Ottanta uomini di spettacolo sono entrati nel parco pagando il biglietto d’ingresso, poi si sono riversati nei corridoi. “All’improvviso tirano fuori manganelli e sbarre di ferro da sotto le giacche e si precipitano sulle giostre che iniziano a danneggiare. » L’azione del commando è degenerata in una rissa generale, fermata solo da un raid di alcuni rappresentanti della polizia armati e con l’elmetto.

Le fiere hanno voluto “protestare contro i vantaggi dei parchi divertimento”, ritengono che le aliquote Iva applicate a seconda delle attività siano per loro svantaggiose. Ma la rivolta non durerà. Alcuni giorni dopo, Jacques Chirac ha incaricato Georges Chavanes, ministro delegato presso il ministro del Commercio, dell’Artigianato e dei Servizi, di condurre una consultazione tra i lavoratori delle fiere e i vari ministeri.

Si volta pagina, la festa riprende a Mirapolis. “Il parco è stato inaugurato poche settimane dopo il mio arrivo a Cergy”, ricorda Amélie, allora al CE2. “È stato unico in Francia, mi ha dato l’impressione di arrivare in una città moderna e importante! » La Cergypontaine amava l’aspetto acquatico del sito in estate: “C’erano molti getti d’acqua e barche gialle sul lago. Una discesa con grandi schizzi rinfrescanti al traguardo. »

Olivier è cresciuto a solo 1 km da questo paradiso del gioco “Dal 1988, quando Club Med è subentrato (il progetto iniziale, firmato dall’architetto Anne Fourcade, è stato realizzato dalla società Paris Parc presieduta dal miliardario saudita Ghaith Pharaon), hanno portato più corse da brivido”, ricorda l’uomo che ora vive a L’Isle-Adam (Val-d’Oise). “Ho trascorso lì tutto il mio tempo libero! Avevo un abbonamento annuale, per 300 franchi, avevamo accesso illimitato. » Lì il ragazzo vedeva spesso il cantante Carlos, presente ogni mercoledì, e lì incontrò per caso Johnny Hallyday. “Ho adorato il Gravitron, funzionava molto velocemente! »

Un fiasco finanziario

Nel discorso della maggior parte dei giovani visitatori che se ne ricordano, ricorre sempre “il viaggio in un piccolo carro all’interno di Gargantua”, come lo descrive Christophe. “Si trattava di come funziona il corpo umano”, aggiunge Amélie. È questo gigante alto 35 m che resisterà più a lungo. Perché il parco, che ha richiesto un investimento di 500 milioni di franchi, si è rivelato un fiasco finanziario. Il target di 2 milioni di visitatori per stagione (da fine maggio a fine ottobre) previsto nel piano industriale non è mai stato raggiunto.

Nel maggio 2017, mostra celebrativa del 30° anniversario di Mirapolis, l’ex parco divertimenti di Courdimanche inaugurato nel 1987.

Il parco passò di mano in mano e finalmente, nel 1989, alla direzione si unirono i lavoratori della fiera, proprio quelli che all’apertura avevano minacciato di distruggere tutto. Marcel Campion e i suoi parenti vengono a installare le loro giostre. “L’anno scorso molte attrazioni erano spesso danneggiate, erano mal manutenute”, ricorda Olivier. “Abbiamo sentito il declino. » Non fu quindi una sorpresa quando Mirapolis chiuse definitivamente i battenti nell’ottobre 1991. Tutte le attrazioni furono smantellate, la maggior parte rivendute. Gli ultimi edifici vengono poi demoliti, tranne Gargantua che rimane valorosamente in piedi. Fu finalmente fatto esplodere nel 1995.

Da allora la vegetazione ha riacquistato i suoi diritti, ma il sito che i locali chiamano ancora Mirapolis continua a far parlare di sé. Nel 2003 vi è stato organizzato un grande rave party, la polizia, i vigili del fuoco e i gendarmi spesso conducono lì esercitazioni. «Ci ​​vado ancora spesso a passeggiare», sussurra Olivier, nostalgico. “Qua e là si possono ancora vedere delle vestigia, quando le si conosce bene”, dice l’uomo che è anche co-amministratore di un forum dedicato al parco e tuttora attivo. Gli ex visitatori non vogliono dimenticare. Ma sono comunque pronti a vedere il sito rinascere in un altro modo, come avviene attualmente con un nuovo progetto immobiliare. “Dobbiamo fare qualcosa con questa terra…”

-

PREV Formula 1: Norris, Hamilton, Alpine… I risultati del Gran Premio di Spagna
NEXT Plougastel FC: verso la stagione 2024/2025 con sei reclute – brest-métropole – calcio