La rimozione del video del discorso dell’Università di Manitoba suscita forti reazioni

La rimozione del video del discorso dell’Università di Manitoba suscita forti reazioni
La rimozione del video del discorso dell’Università di Manitoba suscita forti reazioni
-

Dicono che la controversia che circonda il discorso del dottor Gem Newman sta innescando un dibattito sull’influenza che i donatori dovrebbero avere sulle istituzioni.

Nel suo discorso alla cerimonia di laurea degli studenti della Max Rady School of Medicine dell’Università di Manitoba, il 16 maggio, il valedictorian Dr. Gem Newman ha invitato i suoi colleghi laureati a chiedere la fine dell’incendio a Gaza e ha criticato le associazioni mediche per la loro silenzio assordante sulla crisi umanitaria che affligge questa regione.

Ernest Rady è un uomo d’affari, laureato all’Università di Manitoba, la cui donazione di 30 milioni di dollari ha permesso alla facoltà di medicina di portare il nome di suo padre, ha scritto una lettera all’istituzione denunciando il discorso che considera essere odioso e dispregiativo nei confronti del popolo ebraico. Nel processo, ha chiesto all’Università di rimuovere il video che presentava il discorso.

Per Doug White, consulente filantropico americano, sia il commiato che il donatore hanno il diritto di esprimere il proprio punto di vista.

Il donatore e altri potrebbero essere molto turbati, ma penso che non sia produttivo chiedere all’Università di rimuovere il videodichiara.

Non penso che avrebbe dovuto essere rimosso, punto.

Il Preside della Facoltà di Medicina, Dr. Peter Nickerson, dice che Ernest Rady lo è lontano dalla prima persona per aver chiesto di rimuovere il video. Lui stesso ha definito le osservazioni di Gem Newman come: fonte di divisione e infiammazione.

Il sito web dell’Università include a Carta dei diritti dei donatoriin cui si afferma che i suoi benefattori hanno il diritto di sapere a cosa servono i loro contributi e possono anche aspettarsi che tutti i rapporti con individui che rappresentano organizzazioni di interesse per il donatore siano di natura professionale.

La questione è se l’opinione di Rady dovrebbe avere qualche influenza sul funzionamento dell’Università di Manitoba, ha detto White.

Questa sembra essere un’opportunità per le università di riesaminare le loro missioni e le comunicazioni con i loro donatori.

Aggiunge che in qualità di valedictorian, il signor Newman è stato invitato a tenere un discorso e che aveva il diritto di esprimere la sua opinione.

Un’opinione condivisa dall’avvocato per i diritti umani Julius Grey. Durante un’intervista rilasciata allo spettacolo dalle 6 alle 9afferma che a il discorso ad una laurea non è necessariamente innocuo, gentile, gentile, privo di contenuto. Le persone possono dire cose con cui gli altri non sono d’accordo.

Penso che le persone siano tutte libere di prendere posizione, di opporsi, di criticare, ma non di chiedere ritiro o repressione… questo è illegittimo e la nostra società difende la libertà di espressione che è sempre più sotto attacco.

Gli studenti hanno il diritto di interrogarsi, secondo un professore

L’attuale conflitto tra Israele e Hamas ha provocato numerose proteste nei campus universitari di tutto il mondo, compreso Manitoba.

La professoressa associata alla Mount Royal University di Calgary, Roberta Lexier, la cui ricerca si concentra sui movimenti sociali, le proteste e il mondo accademico, afferma che non è raro vedere dichiarazioni politiche alla cerimonia di premiazione, ma spesso non sono incluse nel discorso del valedictorian.

Penso che questo dimostri che gli studenti stanno imparando ciò che dovrebbero imparare: mettere in discussione il mondo in cui vivono.

Da parte sua, Doug White lo specifica Se [l’Université] non monitorare il discorso di un valedictorian, non dovrebbe essere fatto adesso.

Roberta Lexier sostiene che i canadesi dovrebbero accettare che la libertà di espressione è un diritto fondamentale, purché non si trasformi in incitamento all’odio.

Abbiamo il diritto di dire quello che vogliamo, che piaccia o no, e l’idea che un’istituzione, soprattutto un’università, censuri il discorso di qualcuno… sembra incredibilmente inappropriata.

Donatori e università: quali confini?

Il presidente dell’Associazione canadese degli insegnanti universitari (CAUT), Peter McInnis, afferma che i donatori privati ​​apportano un contributo positivo, ma sono diventati sempre più importanti poiché le università devono far fronte alla riduzione dei finanziamenti pubblici.

Pertanto, c’è sempre una tensione in questo rapporto, precisa.

Secondo lui, le università e i college dovrebbero fare attenzione a non accettare denaro con troppi vincoli.

Sebbene la tensione sia alta in questo momento, le università dovrebbero essere in grado di accogliere discussioni difficili, conclude.

Con informazioni di Cameron MacLean, Chidi Ekuma e Patricia Bitu Tshikudi

-

PREV Il gruppo Terre promuove il lancio del suo negozio di ortaggi “Terra Alter Belgium”
NEXT Landes musiques amplificas programmerà gli spettacoli della città per altri tre anni