Ha assistito alla nascita e allo sviluppo della stazione, ne ha fondato la scuola di sci… Titou, il ricordo di Auron, è morto

Ha assistito alla nascita e allo sviluppo della stazione, ne ha fondato la scuola di sci… Titou, il ricordo di Auron, è morto
Ha assistito alla nascita e allo sviluppo della stazione, ne ha fondato la scuola di sci… Titou, il ricordo di Auron, è morto
-

I residenti non lo vedranno più vagare per la località, con i bastoncini da sci in mano. Auron e Saint-Etienne-de-Tinée sono in lutto: il villaggio e la località di Tinée hanno appena perso Étienne Murris, che tutti chiamavano “Titou”. È morto lunedì mattina all’età di 99 anni.

Una figura per tutte le generazioni. “Mancherà a molti, conosceva i genitori e i nonni di tutte le persone qui” riassume uno dei suoi amici.

Fino alla fine, ha insistito nel camminare quotidianamente con i suoi bastoni – ha rifiutato il bastone – in questa località che ha visto nascere con i suoi occhi. Sempre pronto a raccontare una battuta o un aneddoto, una storia. “Aveva una memoria fenomenale, davvero sorprendente: parole, persone…”nota il suo amico.

Lavoro sul campo e sci su stecche

Ha co-fondato la scuola francese di sci (ESF) ad Auron. Buona mattinata.

Quello era “Titou”. Un personaggio che ha vissuto, incarnato e testimoniato la trasformazione di Auron, da una vita in alpeggi isolati a una delle stazioni sciistiche più potenti della Costa Azzurra, attrattiva di auto e hotel di lusso.

Étienne è cresciuto a Saint-Etienne-de-Tinée, allevato dalla nonna nel modo più duro. Ma poteva essere altrimenti, a quel tempo, quando sopravvivevamo solo con un po’ di agricoltura? Anche suo padre era dovuto partire per Alès per cercare lavoro.

La sua infanzia è stata divisa tra il lavoro nei campi e la scuola, dove il maestro gli ha insegnato a sciare – una rarità. Lo sci è solo nella sua preistoria, noi realizziamo l’attrezzatura con delle stecche a botte che attacchiamo con pezzetti di spago. E procediamo a zig zag sui dossi.

Cofondatore del FSE di Auron

“Titou” ha vissuto tutte le grandi storie che hanno segnato le famiglie locali. Il grande incendio di Saint-Etienne-de-Tinée nel 1929. La nascita graduale di Auron: la strada d’accesso nel 1934, le prime gare poi la funivia nel 1937. Sotto la guida del sindaco, Maurice Rovery. “Un visionario, che “Titou” venerava”sottolinea l’amico.

Poi arriva la guerra, la paura di essere mandati in Germania ai lavori forzati, poi l’evacuazione del villaggio durante l’armistizio. È la fine del conflitto, e la creazione con tre amici, Francis, Honoré e Nicoli, della scuola francese di sci (ESF) ad Auron.

“La sua vita era la montagna”

Formidabile sciatore, Étienne va a prendere i suoi clienti negli hotel e dà dimostrazioni di sci sui trampoli. Oltre alle lezioni, aiuta a tracciare sentieri, è stato eletto consigliere comunale per diversi mandati, ha prestato servizio di primo soccorso, ha aperto il suo primo negozio, La Hutte, poi Intersport.

D’estate lavora per circa vent’anni come bagnino a Cannes, al Carlton. Ma non è questo ciò che ricordano i suoi cari. “La sua vita era proprio questo: la montagna, l’alpinismo, la città, la localitàtestimoniano le sue figlie, Chantal e Corine. Ha detto che viveva nel posto giusto e che avrebbe firmato per la stessa vita, al 100%”.

I suoi funerali avranno luogo questo venerdì, alle 10,30, nella chiesa parrocchiale di Saint-Etienne-de-Tinée.

-

PREV Furto di pacchi: due sospetti arrestati a Le Plateau-Mont-Royal
NEXT Le Petit Journal – Gers – 14/06/2024 – Le Petit Journal