La scalinata del Pozzo Sud passa con difficoltà al comune

-

Come ogni volta che il dossier arriva al Consiglio, i costi sono considerati eccessivi da alcuni eletti per portare a termine un progetto che, nel suo insieme, si è già rivelato tra i più costosi degli ultimi anni. Oltre al parcheggio stesso, possiamo includere lo sviluppo della piazza pubblica e la realizzazione del quartier generale dell’imprenditorialità (HQ) come investimenti correlati.

Per quest’ultima fase, la costruzione della scala esterna e l’aggiunta del rivestimento metallico esterno del parcheggio sono stimati in 3,65 milioni di dollari, anche se il budget massimo autorizzato è attualmente di 4,1 milioni di dollari.

“Abbiamo raggiunto un tetto massimo e dobbiamo smettere di investire in questo parcheggio”, ha chiaramente affermato il consigliere Paul Gingues, opponendosi a questo investimento.

>>>>>>

Il consigliere comunale per la Circoscrizione Universitaria, Paul Gingues
(Maxime Picard/La Tribune)

Ricordando da parte sua i “grandissimi superamenti” avvenuti nel progetto di interior design della sede, proprio sopra il parcheggio, la consigliera Hélène Dauphinais avrebbe preferito risparmiare gli ultimi milioni da investire in questo settore, al fine di “riequilibrare piccole cose.”

“Vogliamo ancora qualcosa che non possiamo permetterci”, ha commentato, indicando in cambio gli investimenti significativi che arriveranno nei prossimi anni in termini di gestione dell’acqua. “Tremo i brividi solo nel vedere gli importi”, ha avvertito.

Anche per invocare altre “priorità finanziarie”, il consigliere Claude Charron ha espresso martedì il suo dissenso, così come Nancy Robichaud. La settimana scorsa ha dichiarato in seduta plenaria di essere contraria a un investimento essenzialmente estetico. «Secondo me il parcheggio così com’è è a norma, è sicuro e teoricamente non potremmo fare nulla. Ecco, quello che stiamo facendo è bello”, ha osservato.

“Ci sono dozzine di altri progetti molto più importanti che vengono rinviati di anno in anno”, ha presentato anche Gingues, aggiungendo di aver notato una significativa concentrazione degli investimenti comunali negli ultimi anni nel centro della città.

L’assessore Fernanda Luz, invece, ha difeso il progetto della scala sottolineando l’importanza di garantire l’accesso a questa piazza pubblica da rue du Dépôt. In plenaria diversi eletti hanno sollevato la questione del senso di sicurezza dei cittadini, soprattutto se la sera devono utilizzare le scale interne.

>>>>>>

Il parcheggio Well Sud visto da rue du Dépôt (Jean Roy/Archivio La Tribune)

Considerando tutti i soldi investiti nel settore, la signora Luz ha ritenuto importante anche completare la “finitura” del progetto con rivestimenti esterni e piantagioni. “Trovo un po’ triste quando passi e vedi il cemento”, ha affermato, parlando dell’attuale facciata.

Perché non il legno

Con un argomento completamente diverso, anche l’assessore Joanie Bellerose ha espresso il suo dissenso inviando un messaggio a favore della valorizzazione del legno come materiale nei progetti comunali, in particolare per ragioni ambientali. L’opzione era stata presa in considerazione dai servizi, ma sconsigliata a causa della durata di vita più breve dell’alluminio, cosa che ha convinto gli eletti.

L’assessore Christelle Lefèvre ha anche chiesto una migliore conoscenza in città dell’uso del legno come materiale da costruzione, per trovare eventualmente un modo per includerlo nei progetti. I due eletti erano stati informati la settimana precedente da un rappresentante del settore forestale durante una riunione della commissione. Venendo ad un argomento completamente diverso, non ha potuto fare a meno di reagire alla scelta dell’alluminio come materiale per il progetto. Ha poi elogiato l’uso del legno come materiale da costruzione e ha difeso i vantaggi della “silvicoltura sostenibile” nel sud del Quebec.

-

PREV ORMVAM terrà la prima sessione del suo consiglio di amministrazione nel 2024
NEXT Vagabondaggio | Soluzioni californiane per importare in Quebec, secondo Valérie Plante