“Le parole del bambino vanno confrontate con il resto dell’indagine”

“Le parole del bambino vanno confrontate con il resto dell’indagine”
“Le parole del bambino vanno confrontate con il resto dell’indagine”
-

Protette dal segreto delle porte chiuse, le parole dei bambini raramente oltrepassano le pesanti porte delle aule di tribunale. Un santuario necessario per garantire il loro anonimato e incoraggiarli a parlare.

Ex giudice istruttore e ora presidente delle udienze penali dell’Indre-et-Loire, Aude Cristau raccoglie da tempo le parole di questi minori, siano essi autori, vittime o testimoni. Un delicato esercizio basato sull’ascolto, sulla fiducia e sulla perseveranza. Colloquio.

Perché rivelare i fatti è così difficile?

Aude Cristau: “Il bambino è sempre preso in un conflitto di lealtà verso l’adulto. Dice a se stesso: “Non posso mandare mamma o papà in prigione”. Poi si chiede chi si prenderà cura di lui. Molto spesso osservo che i bambini hanno una posizione sacrificale. Non è che non siano consapevoli dell’anomalia di ciò che sta accadendo, ma sentono di non poter rivelare i fatti data la loro situazione. »

Allora come viene rilasciata questa parola?

“Spesso si tratta di tempistiche casuali. Un litigio, la vicinanza di una festa o un soggiorno durante il quale il bambino si troverà al cospetto dell’aggressore. Il bambino deve avere una via d’uscita, qualcuno di affidabile con cui confidarsi e che sappia ascoltarlo. Siamo pieni di casi penali, ma questa è solo la punta dell’iceberg. Penso che la cifra nera sia molto più alta di quanto pensiamo. »

Dobbiamo anche considerare che il loro linguaggio e la loro memoria sono ancora in formazione…

“Sì, assolutamente. Ad esempio, un bambino non ha il nostro stesso concetto di tempo. Devi prendere dei punti di riferimento che conosci, elementi che sembrano banali, ma molto concreti. Ad esempio, il bambino non ricorderà l’anno, ma il pigiama che indossava. Questi sono elementi di autenticità nel discorso. »

Di quali mezzi dispone il sistema giudiziario per ascoltare questi bambini?

“Investigatori specializzati li accolgono in locali appositamente predisposti dove vengono filmati per evitare di doverli ripetere. I bambini hanno anche mezzi di espressione, come il disegno o gli animali imbalsamati, per mimare la scena, soprattutto nei casi di abuso sessuale. Devi lasciarlo svolgersi e non influenzare il tuo discorso. »

E in udienza come parla un minore?

“Lo incontro il giorno del processo. È difficile stabilire un legame di fiducia. Devi essere alla ricerca del minimo modo di esprimere te stesso, la tua postura ed essere molto reattivo per capire cosa sta succedendo. Durante l’indagine sei in ufficio, faccia a faccia: le confidenze sono più facili. All’udienza l’ambiente è molto più solenne, più stressante e si presta meno alla spontaneità del discorso. Bisogna saper ascoltare ciò che viene detto e decifrare ciò che non viene detto. »

A partire da che età vengono fatte le audizioni ai bambini?

“Prima degli 8 o 10 anni mi sembra complicato. In tal caso preferisco far ascoltare le registrazioni delle audizioni in modo che i giurati possano vedere il bambino e il suo modo di esprimersi. Non sono mai costretti a prendere posizione. Non puoi andare oltre le capacità psicologiche di qualcuno. Penso che aumenterebbe la violenza di ciò che potrebbero aver già sperimentato. »

Non c’è il rischio di rendere sacre le parole del bambino?

“Questa parola va confrontata con il resto degli elementi dell’indagine. Stiamo seguendo un approccio rigoroso e scientifico, con il rischio di sanzioni molto salate. Esistono anche false accuse. Dobbiamo quindi sforzarci di svolgere un lavoro di conferma per determinare dove si trova la verità. »

-

PREV Booming Belgium, la piattaforma che vuole mettere in risalto gli indipendenti e le PMI che rendono il Belgio di successo
NEXT Ultratraccia. Un morto e tre feriti in Alta Savoia. Sport