Perché la figlia di Stalin ha dovuto trovare rifugio in Svizzera

-

La figlia di Stalin era nascosta ai media svizzeri; negli Stati Uniti, invece, la sua permanenza è iniziata con una conferenza stampa.Immagine: Wikimedia

Vintage ▾

La figlia di Stalin andò in Svizzera nella primavera del 1967. Nel mezzo della Guerra Fredda. Storia di una delicata situazione diplomatica.

Thomas Bürgisser / Museo nazionale svizzero

Dovevamo agire rapidamente. Il 7 marzo 1967 l’ambasciatore americano a Berna John S. Hayes chiese un’udienza «urgente» al consigliere federale Willy Spühler. Durante l’intervista l’americano ha spiegato la situazione al capo del Dipartimento politico federale (DPF, oggi Dipartimento federale degli affari esteri o DFAE): Svetlana Allilouïeva, unica figlia di Stalin, approfittò del soggiorno in India dopo la morte del compagno per chiedere asilo politico. presso l’ambasciata americana a Nuova Delhi.

Questa è una situazione senza precedenti! Una defezione di alto profilo che difficilmente potrebbe essere più imbarazzante per Mosca. Una donna interna che quasi certamente aveva informazioni compromettenti sulla vita privata dei vertici del Cremlino ha chiesto protezione agli Stati Uniti. Il grande trionfo del “mondo libero”, si potrebbe pensare. Ma non è questo il caso…

Il blog del Museo nazionale svizzero

Più volte alla settimana storie avvincenti sulla storia svizzera: si parla dei romani, delle famiglie di emigranti e persino degli inizi del calcio femminile.
blog.nationalmuseum.ch/it

La richiesta di asilo degli Stati Uniti per Svetlana Allilouïeva…Immagine: Dodis

Dal 1963 Washington e Mosca cercano di operare un riavvicinamento ad una “politica di distensione”, soprattutto in termini di disarmo. La diplomazia americana non ha quindi visto di buon occhio il fatto che una disertrice, nella persona di Svetlana Allilouïeva, sia venuta improvvisamente a interferire con il piano iniziale, mettendo così il Cremlino in una posizione delicata. Tanto più che la giovane portava con sé un bagaglio esplosivo: il manoscritto delle sue memorie, che intendeva pubblicare con questo titolo Venti lettere ad un amico.

Bisognava a tutti i costi evitare di “spremere” questa risorsa così come la persona di Svetlana “nell’interesse della Guerra Fredda”, almeno questa era l’assicurazione che il Dipartimento di Stato dava segretamente a Mosca. Questo è il motivo per cui Washington non voleva far entrare la figlia di Stalin negli Stati Uniti. Ciò senza contare sull’intervento della Svizzera.

L'unica figlia di Stalin, Svetlana, qui raffigurata nel 1935, gettò l'Occidente nell'imbarazzo diplomatico. https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Joseph_Stalin_with_daughter_Svetlana,_ ...

L’unica figlia di Stalin, Svetlana, qui raffigurata nel 1935, gettò l’Occidente nell’imbarazzo diplomatico.Immagine: Wikimedia

Un soggiorno “di riposo”

L’ambasciatore John S. Hayes ha fatto appello alla tradizione umanitaria della Confederazione Svizzera e ha chiesto a Willy Spühler di accogliere Svetlana Allilouïeva in Svizzera – almeno temporaneamente – a causa di questa delicata situazione. In mancanza di tempo, il consigliere federale ha deciso di dare seguito alla richiesta degli Stati Uniti, a condizione che la figlia di Stalin non rimanga in Svizzera come rifugiata, ma con un visto turistico “per motivi di riposo” e che si impegna per iscritto a rinunciare ad ogni attività politica e ad ogni pubblicazione. Da parte loro, gli Stati Uniti dovevano impegnarsi ad organizzare “la continuazione del loro viaggio” entro tre mesi.

Svetlana Alliluyeva salì su un volo charter e atterrò l’11 marzo 1967 a Ginevra. Il suo “trattamento discreto da parte della polizia federale”, come richiesto dal DPF, “è stato inutilmente complicato”, perché la stampa aveva saputo del suo arrivo e uno sciame di giornalisti lo aspettava all’aeroporto. Lo stesso giorno Svetlana fu portata nell’Oberland bernese e ospitata sotto falso nome presso l’Hotel Jungfraublick a Beatenberg.

Ludwig von Moos, capo del Dipartimento di giustizia e polizia, ha tenuto una conferenza stampa nella quale ha insistito su questo punto La signora Allilouïeva aveva bisogno di riposare e non voleva essere disturbata. Il consigliere federale ha incaricato di occuparsi del “vacanziere” l’avvocato basilese Antonino Janner, alto funzionario del DPF ed ex capo della sezione orientale del Dipartimento.

Svetlana Stalina, 42 anni, scende la rampa dell'aereo che la portò a Ginevra, in Svizzera, l'11 marzo 1967. Era l'unico passeggero a bordo di un volo speciale della compagnia aerea statale italiana Alitalia.

Arrivo di Svetlana Allilouïeva all’aeroporto di Ginevra, marzo 1967.Immagine: AP

L’interesse dei media svizzeri e internazionali è stato il primo problema che Janner ha dovuto affrontare. Ben presto l’Oberland si riempì di reporter selvaggi, redattori e probabilmente anche di agenti segreti. La polizia federale fu costretta a trasferire “sotto copertura” la figlia di Stalin e successivamente a nasconderla sotto lo pseudonimo di “Miss Carlen d’Irlanda”, prima al convento delle Clarisse a Saint-Antoine, nel quartiere de la Singine, poi al monastero della Visitazione a Friburgo. La stampa era in subbuglio; IL Cliccain particolare, si è scagliato contro questa “operazione di insabbiamento da parte delle autorità intesa a ingannare l’opinione pubblica”.

Per questo giornale scandalistico le succose storie di Svetlana Alliluyeva erano “una bomba a orologeria ambulante per la politica” e dovrebbero apparire nelle colonne della sua rubrica di gossip. Secondo Clicca, tutto ciò che si frapponeva era il risultato di una “volontà arbitraria delle autorità”. Alla Confederazione di Berna si è reagito invocando la protezione personale e criticando aspramente la “caccia all’uomo” portata avanti da questi “banditi” di giornalisti.

Interessi dello Stato contro libertà individuali

Il governo si è trovato di fronte a un dilemma: era necessario valutare i pro e i contro tra interessi statali e libertà individuali. Janner ha scritto due note segrete per la seduta del Consiglio federale del 17 marzo in cui spiegava quanto segue:

“La tragedia di Svetlana è che in questo momento non stiamo facendo solo un favore agli Stati Uniti, ma anche all’Unione Sovietica, riducendo Svetlana quasi al silenzio e tagliandola fuori dal mondo esterno, anche se non ha altra scelta che accettare .”

Anticomunista severo e molto svizzero nella sua concezione della Guerra Fredda, Janner non poteva crogiolarsi in questo “atteggiamento senza dubbio molto confortevole”. Si è pronunciato contro una ragion di Stato che incoraggia la Svizzera a servire gli interessi delle grandi potenze a scapito di Svetlana Allilouïeva. Invece, si offrì di liberare la figlia di Stalin dal suo “voto di silenzio”. Secondo lui Berna dovrebbe ricordare la tradizione di libertà del suo Paese e aggiunge che “il beneficio morale sarebbe senza dubbio immenso per la Svizzera”. Era per quello pronto a rischiare di affrettare gli Stati Uniti e ad accettare una rottura nei rapporti con l’URSS.

Tutto ciò è andato troppo oltre per il Consiglio federale. Dall’inizio della “politica di distensione” il commercio estero svizzero si è interessato sempre più al commercio con l’Est.

“I nostri rapporti con l’URSS sono più importanti dello status della signora A.”

Il consigliere federale Nello Celio, in una relazione.

Quindi che si fa? Mosca si è rivolta ai servizi segreti per rivolgersi direttamente al capo dei servizi segreti svizzeri, il colonnello di brigata Pierre Musy, e offrirgli “l’unica soluzione ragionevole”.

Una missione segreta

L’alto ufficiale del KGB Michail Rogow, una “vecchia conoscenza” di Pierre Musy, esortò le autorità svizzere a convincere Svetlana Allilouïeva, considerata “parzialmente irresponsabile delle sue azioni”, a tornare in Unione Sovietica, con la garanzia di un ritorno lo status quo ante. Il Cremlino ha esercitato sempre più pressioni sugli ambienti diplomatici e ha minacciato il DPF di un deterioramento delle relazioni.

Svetlana Alliluyeva, figlia di Stalin. https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Svetlana_Alliluyeva_1970.jpg

Le libertà individuali di Svetlana Allilouïeva…Immagine: Wikimedia

Durante la Settimana Santa, gli Stati Uniti hanno inviato il loro massimo esperto di Russia, George F. Kennan, in missione segreta in Svizzera per negoziare con le autorità e con Svetlana e per discutere della “presa del potere”. Tutte le parti si accordarono rapidamente sulla questione centrale della pubblicazione delle memorie.

Kennan sosteneva che questi erano meno un documento politico che un “lavoro letterario informato ed estremamente prezioso da un punto di vista storico” e potevano quindi essere pubblicati negli Stati Uniti. In cambio, le autorità svizzere autorizzarono Svetlana Allilouïeva a negoziare preventivamente con la casa editrice e a richiedere la traduzione in inglese, che era il minimo che Janner potesse fare. Secondo lui la traduzione in quanto tale non può essere considerata un’attività politica.

Questo thriller diplomatico dei servizi segreti per la Svizzera si è concluso dopo sei settimane, il 21 aprile 1967, quando Svetlana prese un aereo della Swissair per New York con lo pseudonimo di “Madame Staehelin”. Sul posto, la stampa americana ha raccolto gli allori negati ai media svizzeri: Svetlana Allilouïeva si è affrettata a fornire informazioni sulla sua fuga. Mentre il Clicca rimuginando sul proprio risentimento, il Consiglio federale si è congratulato con se stesso.

Il capo della DPF Willy Spühler ritiene che la faccenda sia stata gestita bene. Secondo lui siamo riusciti a farla franca “indenni” e allo stesso tempo abbiamo reso un servizio alle grandi potenze. Anche la figlia di Stalin ha inviato un caloroso ringraziamento alla Svizzera al momento della sua partenza.

Conferenza stampa di Svetlana Alliluyeva al suo arrivo negli Stati Uniti nell’aprile 1967.Video: YouTube/British Pathé

Tuttavia, nel suo calcolo, il Consiglio federale non aveva risolto il “problema della libertà umana” che, secondo gli appunti lasciati da Antonino Janner, costituiva il punto essenziale nel caso di Svetlana Alliluyeva. Notò che la figlia di Stalin finì per sentirsi ancora più prigioniera nell'”Occidente libero” che a Mosca.

Il libro di Svetlana, Venti lettere ad un amico, apparve nell’autunno del 1967 e divenne un bestseller. Anche se la figlia di Stalin ottenne l’indipendenza finanziaria, non fu mai veramente felice. Forse anche perché il suo desiderio di stabilirsi successivamente in Svizzera non si è mai avverato, poiché le autorità svizzere hanno respinto la sua richiesta. Nel 1984, Svetlana Alliluyeva ritornò brevemente in Unione Sovietica prima di tornare definitivamente negli Stati Uniti, dove morì nel 2011 in una casa di cura, in solitudine e povertà.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta da Thomas Bürgisser nel WOZ nel dicembre 2011. Si basa su documenti del centro di ricerca Documenti Diplomatici Svizzeri (Dodis) ed è stato integrato da un altro articolo pubblicato nel WOZ nel marzo 2017 così come altri documenti del Dodis.

-

PREV I futuri giocatori del Real Madrid potrebbero essere a Nesle
NEXT Il Quebec limita l’aumento delle tasse scolastiche al 3% in media