Essere serviti nella lingua che si preferisce è un problema ricorrente, afferma il commissario Théberge

-

Il commissario ufficiale canadese per le lingue, Raymond Théberge, accusa le istituzioni federali ritenute poco collaborative nel servire gli utenti nella lingua ufficiale di loro scelta e nel consentire ai dipendenti pubblici di lavorare in francese o inglese.

Il linguaggio del servizio è un problema ricorrente. Questo problema suggerisce che le istituzioni recalcitranti non accettano la premessa secondo cui devono servire i membri di entrambe le comunità linguistiche nella lingua ufficiale di loro scelta.scrive il commissario Théberge nella sua relazione annuale 2023-2024, pubblicata martedì mattina.

Da istituzioni recalcitranti Nel mirino, Air Canada è al primo posto con 130 denunce, seguita dalla Royal Canadian Mounted Police (48) e dalla Canadian Air Transport Security Authority (46).

Dobbiamo usare entrambe le lingue ufficiali, non una più dell’altra. […] È molto importante scegliere i dirigenti senior del servizio pubblico che siano esempi di bilinguismoha spiegato il commissario Théberge durante una conferenza stampa martedì mattina.

Istituzioni federali colpite dal maggior numero di denunce nel 2023-2024

Istituzione federale Numero di reclami ammissibili
Air Canada 130
Polizia a cavallo reale canadese 48
Autorità canadese per la sicurezza del trasporto aereo 46
Affari globali Canada 42
Occupazione e sviluppo sociale 38
Segretariato del Consiglio del Tesoro del Canada 35
Agenzia canadese per i servizi di frontiera 34
Servizi condivisi Canada 33
Immigrazione, rifugiati e cittadinanza canadese 31
Ministero della Difesa Nazionale 30

Fonte: Ufficio del Commissario per le lingue ufficiali del Canada

Anche se il numero dei reclami presentati al suo team è diminuito nell’ultimo anno, la stragrande maggioranza riguarda ancora le comunicazioni con il pubblico e la fornitura di servizi. Raymond Théberge denuncia 533 degli 847 ricorsi ritenuti complessivamente ricevibili.

Sebbene il volume delle denunce ammissibili presentate quest’anno sia inferiore a quello a cui siamo stati abituati negli ultimi anni, non dobbiamo togliere il piede dall’acceleratore.

Una citazione da Raymond Théberge, commissario per le lingue ufficiali del Canada

È difficile spiegare la diminuzione del numero di denunce. Presumo che questa sia un’anomaliaha detto martedì durante il suo discorso ai media. […] Dobbiamo continuare su questo slancio e basarci sui progressi compiuti fino ad oggi per produrre cambiamenti concreti e duraturi per garantire il futuro delle nostre due lingue ufficiali.”,”text”:”Detto questo, gli ultimi anni sono stati contrassegnati da eventi eccezionali che ha generato un gran numero di denunce. Non abbiamo vissuto questo tipo di eventi nel 2023-2024.[…] Dobbiamo continuare su questo slancio e basarci sui progressi compiuti fino ad oggi per produrre cambiamenti concreti e duraturi per garantire il futuro delle nostre due lingue ufficiali.”}}”>Ciò detto, gli ultimi anni sono stati caratterizzati da eventi eccezionali che hanno generato un numero molto elevato di denunce. Non abbiamo vissuto questo tipo di eventi nel 2023-2024. […] Dobbiamo portare avanti questo slancio e basarci sui progressi compiuti fino ad oggi per produrre cambiamenti concreti e duraturi per garantire il futuro delle nostre due lingue ufficiali.

Reclami ritenuti ammissibili secondo la parte della legge interessata, 2023-2024 (al 31 marzo 2024)

Parte della legge sulle lingue ufficiali interessata
Comunicazioni pubbliche ed erogazione di servizi 533
Linguaggio di lavoro 227
Requisiti linguistici relativi alle posizioni 41
Promozione del francese e dell’inglese 34
Partecipazione giusta 9
Altre parti della legge 3
TOTALE 847

Fonte: Ufficio del Commissario per le lingue ufficiali del Canada

Un gran numero di questi reclami sono stati presentati in Ontario (130) e Quebec (124). Ma è soprattutto nella National Capital Region, su entrambe le sponde del fiume Ottawa, che si riscontrano i maggiori casi, con 284 denunce ritenute ammissibili.

Lo precisa l’Ufficio del Commissario per le lingue ufficiali del Canada la proporzione dei reclami per il mancato accesso ai servizi in francese è molto maggiore di quella per l’accesso ai servizi in inglese.

Requisiti linguistici scarsamente definiti

Una delle spiegazioni addotte dal Commissario è che i requisiti linguistici per alcuni posti di funzionario pubblico sono, a suo avviso, scarsamente definiti, il che è dannoso per la creazione di un cultura bilingue.

Quando un’istituzione federale non riesce a stabilire e promuovere una cultura bilingue, è sicuramente più difficile per essa far fronte alle proprie responsabilità nei confronti del bilinguismo istituzionale.lui scrive.

La scarsa determinazione dei requisiti linguistici per le posizioni incide anche sulla qualità del servizio al pubblico.

Una citazione da Estratto del rapporto annuale 2023-2024 del Commissario per le lingue ufficiali del Canada

La capacità dei dipendenti pubblici di lavorare nella lingua di loro scelta è al secondo posto nel numero di reclami presentati nel 2023-2024, con 227 casi.

Evoluzione del numero di reclami ritenuti ricevibili su un periodo di dieci anni

2014-2015 2015-2016 2016-2017 2017-2018 2018-2019 2019-2020 2020-2021 2021-2022 2022-2023 2023-2024
550 725 1018 894 1087 1361 1870 5409 1788 847

Fonte: Ufficio del Commissario per le lingue ufficiali del Canada

Queste istituzioni federali non sembrano né aderire alla visione di un servizio pubblico bilingue né sostenere la creazione di ambienti di lavoro in cui i dipendenti pubblici si sentano autorizzati a lavorare nella lingua ufficiale di loro scelta.si rammarica del Commissario per le lingue ufficiali.

Uno dei problemi strutturali riscontrati è la scarsa determinazione dei requisiti linguistici delle posizioni, che non tengono conto di tutti i compiti associati a queste posizioni chiave.Aggiunge.

Un commissario preoccupato

Dopo sei anni di mandato, Raymond Théberge si dice preoccupato da diversi aspetti.

In primo luogo, constato che il rispetto dei diritti linguistici da parte delle istituzioni federali non soddisfa le aspettative espresse nei miei successivi rapporti annualinota. Noto anche la progressione verso la parità di status e l’uso del francese e dell’inglese […] rimane una sfida importante.

Le denunce ricevute dall’Ufficio nel corso degli anni e le indagini da esso condotte dimostrano che diverse istituzioni federali non prendono sul serio i propri obblighi linguistici.

Una citazione da Estratto del rapporto annuale 2023-2024 del Commissario per le lingue ufficiali del Canada

Poiché la nuova legge è stata approvata durante l’anno 2023-2024, il commissario precisa che la sua relazione annuale riflette un situazione di transizione. Ritiene tuttavia che i nuovi poteri conferitigli dalla legge sulle lingue ufficiali dal giugno 2023 potrebbero contribuire a migliorare la situazione, anche se non si tratta di con una bacchetta magicasottolinea.

La legge modernizzata offre più mezzi per sostenere questo progresso, ma è solo un passo verso la sua realizzazionesostiene il commissario.

Invita ciascuna istituzione a rispettare i propri obblighi e ritiene che lui e il suo team avranno bisogno di maggiori risorse per utilizzare appieno i nuovi strumenti forniti dalla legge, come il potere di concludere accordi di conformità o emettere ordini contro le istituzioni per ordinare loro di correggere un violazione della legge.

Le due raccomandazioni del Commissario per le Lingue Ufficiali

Raccomandazione 1

Raccomando che il Ministro del Patrimonio canadese sviluppi e renda pubblici entro giugno 2026, in consultazione con il Presidente del Consiglio del Tesoro, indicatori che consentano l’esame delle disposizioni e dell’applicazione della legge sulle lingue ufficiali in previsione del decennio revisione nel 2033.

Raccomandazione 2

Raccomando a tutti i vice ministri e vice capi del servizio pubblico federale di incorporare nel loro piano strategico, entro il 31 maggio 2025, un piano per raggiungere la piena attuazione della parte VII della legge sulle lingue ufficiali, che si basa sulla tabella di marcia sugli obblighi delle istituzioni federali ai sensi della parte.

Problemi sistemici secondo la Federazione delle comunità francofone e acadiane (FCFA)

Anche se il numero di denunce ricevute dall’Ufficio è diminuito, il Direttore generale dell’ FCFA, Alain Dupuis, ritiene che ci sia ancora molto lavoro da fare all’interno delle istituzioni federali. Deplora il fatto che alcune organizzazioni siano più colpevoli di altre.

Sono sempre le stesse istituzioni ad essere citate anno dopo anno. C’è davvero del lavoro da fare per cambiare la cultura in queste istituzioni. I dirigenti senior devono effettuare un’analisi di questi problemi sistemici ricorrenti. esprime.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Alain Dupuis, direttore generale della FCFA.

Foto: Radio-Canada / Julie-Anne Lamoureux

Secondo il portavoce delle lingue ufficiali del Bloc Québécois, Mario Beaulieu, il principio del bilinguismo istituzionale non funziona attualmente nel servizio pubblico federale.

La gente ha bisogno di lamentarsi, bisogna muoversi. […] Dobbiamo davvero renderci conto che il francese è in declino in Canada.

Una citazione da Mario Beaulieu, portavoce del Bloc Québécois sulle lingue ufficiali
>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Mario Beaulieu vuole che il governo faccia maggiori sforzi per riconoscere il francese come lingua ufficiale.

Foto: stampa canadese/Adrian Wyld

Se hai un dipendente che vuole lavorare in inglese con un dipendente che vuole lavorare in francese, cosa succede? Quale vincerà? […] Il governo presume che tutto sia in inglese spiega il signor Beaulieu.

Da parte sua, il portavoce conservatore delle lingue ufficiali, Joël Godin, plaude alle raccomandazioni del commissario Théberge, ma ritiene che l’attuale governo non abbia la volontà di fermare il declino del francese nel paese.

>>Parla Joel Godin.>>

Apri in modalità a schermo intero

Il portavoce del Partito conservatore canadese per le lingue ufficiali, Joël Godin, auspica che la nuova legge sulle lingue ufficiali venga applicata meglio nelle istituzioni federali.

Foto: stampa canadese/Adrian Wyld

Il Governatore Generale è bilingue, ma non parla francese in una posizione rappresentativa. Abbiamo anche nominato il luogotenente governatore del New Brunswick, che è monolingue in inglese. Non è coerente dice il signor Godin.

Da parte sua, il ministro delle Lingue ufficiali, Randy Boissonnault, ha dichiarato di essere a conoscenza del rapporto pubblicato martedì mattina dal commissario.

Il rapporto evidenzia i progressi compiuti dal nostro governo con l’approvazione della nuova legge sulle lingue ufficiali. […] Continuiamo a fare progressi e analizzeremo attentamente le raccomandazioni indica il suo ufficio in un comunicato stampa.

Con informazioni di Laurence Martin, Rosalie Sinclair e Félix Pilon

-

PREV Sarebbe finita tra Olivier Renard e il CF Montreal
NEXT Basket: il Friburgo si laurea campione svizzero per la sesta volta consecutiva