prima della semifinale di ritorno, i motivi di speranza per i parigini

prima della semifinale di ritorno, i motivi di speranza per i parigini
Descriptive text here
-
>>>>
Immagini DeFodi / Immagini DeFodi tramite Getty Images Il 19 settembre 2023, il PSG ha battuto il Dortmund 2-0 con un gol di Kylian Mbappé. Otto mesi dopo un punteggio simile avrebbe qualificato il Parigi per la finale di Champions League.

Immagini DeFodi / Immagini DeFodi tramite Getty Images

Il 19 settembre 2023, il PSG ha battuto il Dortmund 2-0 con un gol di Kylian Mbappé. Otto mesi dopo un punteggio simile avrebbe qualificato il Parigi per la finale di Champions League.

CALCIO – Le statistiche sono pessimistiche per il PSG. Dall’estate del 2021, solo il 32% delle squadre che hanno perso la gara in trasferta si sono qualificate per il turno successivo di una coppa europea di calcio. Ma è proprio quello che è successo ai parigini nella semifinale di Champions League contro il Borussia Dortmund.

Battuti 1-0 in Germania sei giorni fa, i giocatori di Luis Enrique devono assolutamente vincere questo martedì 7 maggio se vogliono vedere la finale contro Real Madrid o Bayern Monaco, l’1 giugno a Wembley. “Abbiamo già prenotato l’hotel a Londra”invece, sorride Alain Roche, vincitore della Coppa delle Coppe nel 1996 con il PSG e ora consulente* di Canal+.

A poche ore dalla partita, l’ex centrocampista ci spiega perché crede nella qualificazione dei compagni di Kylian Mbappé.

HuffPost. Capisci la serenità che si è sprigionata dai discorsi parigini dopo la gara d’andata?

Alain Roche. Sì, completamente. E’ una squadra piuttosto fiduciosa, già campione di Francia, che ha segnato 4 gol contro il Barcellona anche se è stato 11 contro 10 per più di un’ora. Ma è soprattutto la fine dell’andata, e il numero di occasioni chiare per il PSG nel secondo tempo, a dare molte speranze. Hanno dimostrato di poter competere e talvolta essere addirittura migliori del Dortmund. E giocare la partita di ritorno in casa dà un argomento in più per dire che passerà.

Tu che hai suonato tante volte al Parco dei Principi, cosa ti aspetti dal pubblico?

Spero che tutte le tribune siano all’unisono, che non siano solo i due angoli a creare una grande atmosfera. Il Parco c’è sempre, ma sta ai giocatori emozionarsi e dimostrare di volerlo. Se i giocatori faranno il loro lavoro, se vinceranno la partita, il pubblico sarà dalla loro parte. Non ho preoccupazioni.

Per Kylian Mbappé questa partita sarà l’ultima partita con la maglia del PSG in Champions League a Parigi. Pensi che questo cambi qualcosa?

È una motivazione in più, ma soprattutto perché è una partita che apre le porte al Santo Graal, la finale di Champions League. Penso che avremo Mbappé sovramotivato dall’idea di essere decisivo. Spero solo che questo non si traduca in un eccessivo egoismo come può succedere a grandissimi giocatori capaci di fare da soli la differenza. Non deve chiudersi in se stesso, ma so che avrà delle occasioni perché le aveva avute all’andata. Ed è un giocatore che, appena veniva criticato, sapeva sempre come rispondere.

Per fare questo dovrebbe giocare al centro come all’andata o a sinistra come con la Francia?

Che siamo consulenti o giornalisti, abbiamo tutti lo stesso problema con Luis Enrique: è illeggibile. Quindi davvero, non so cosa farà. Possibile che voglia cambiare mettendo Mbappé a sinistra e Ramos in mezzo, tenendo presente che deve assolutamente vincere la partita. Ma è anche possibile che riproponga la stessa squadra e dica a se stesso che sì, certi giocatori non erano al loro livello all’andata, ma lo saranno al ritorno. Onestamente, è capace di tutto.

Quel che è certo è che non ci sarà Lucas Hernandez, infortunato al ginocchio. Questo ti preoccupa o dici a te stesso che il Paris deve comunque vincere per qualificarsi?

Bisogna attaccare, sì, ma attenzione perché il Dortmund è una squadra efficiente che sa giocare in transizione rapida. Ha giocatori veloci, Karim Adeyemi e Jadon Sancho lo hanno dimostrato all’andata. L’assenza di un giocatore come Hernandez è davvero dannosa perché anche se ha sbagliato il gol all’andata, è un giocatore di carattere, aggressivo e complementare a Marquinhos. Non ha niente a che fare con Beraldo. Mi sembra più rilevante sostituirlo con Danilo Pereira.

*Alain Roche sarà presente allo spettacolo Giornata del calcio su Canal+ Calcio prima della partita di martedì 7 maggio alle 19.00. La partita sarà trasmessa sullo stesso canale a partire dalle ore 21.00.

Vedi anche su L’HuffPost:

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

-

PREV Lydia si lancia nel settore dei depositi bancari dopo essersi fatta un nome nei pagamenti
NEXT Protesta pro-Palestina è stata avanzata dall’ETH di Zurigo e da Ginevra Unita