Lotta – Eumeu-Sa Thiès a fine serata: Veglia notturna all’Arena Nazionale! – Il quotidiano

Lotta – Eumeu-Sa Thiès a fine serata: Veglia notturna all’Arena Nazionale! – Il quotidiano
Lotta – Eumeu-Sa Thiès a fine serata: Veglia notturna all’Arena Nazionale! – Il quotidiano
-

Il Cng di lotta aveva preso il toro per le corna “rafforzando” la normativa riguardante i ritardi riscontrati nei grandi scontri. Ma con quanto accaduto domenica sera all’Arena Nazionale, durante lo scontro Eumeu Sène-Sa Thiès terminato dopo le 23, c’è l’urgenza di tirare fuori nuovamente il bastone.

Di Amadou MBODJI – “Gli organizzatori potevano almeno dirci che si tratta di una rissa notturna, altrimenti non sarei uscito di casa verso le 14.” Queste parole di un inquilino dilettante riassumono il clima di delusione legato all’inizio tardivo dell’incontro Eumeu-Sa Thiès, domenica all’Arena Nazionale.

Erano infatti precisamente le 22:38 che l’arbitro fischiò l’inizio di una rissa che si concluse dopo le 23:00. Un “record” che va attribuito agli organizzatori che non hanno fatto nulla per essere puntuali e permettere agli spettatori di rientrare prima del previsto. Come questo faccia a faccia tra Balla Gaye 2 e Tapha Tine di cui potremmo davvero fare a meno per uno shock previsto per… il prossimo luglio.

Se aggiungiamo gli scontri preliminari che si sono trascinati, capiamo perché alla fine i tifosi si sono divisi: uno spettacolo bellissimo quello dei due lottatori, ma appesantito da un ritorno a casa notturno, con tutte le conseguenze legate ad una crescente insicurezza.

Ovviamente ora si tratterà di individuare le responsabilità. Il giovane promotore Fallou Ndiaye non usa giri di parole per designare in primo luogo il Cng della lotta.

“Penso che il Cng debba assumersi le proprie responsabilità per applicare le norme in tutto il loro rigore. Se chiediamo ai piccoli lottatori di non eseguire la loro coreografia se arrivano in ritardo, questa misura dovrebbe essere applicata durante i grandi combattimenti. Tutti hanno visto che Sa Thiès ed Eumeu Sène sono arrivati ​​tardi. Si sono presentati pochi minuti dopo le 18:00. Il Cng ha il potere di imporre la regolamentazione in tutta la sua pienezza. Le regole sono le regole, vanno rispettate”, insiste il nostro interlocutore.
Un passaggio perfetto per parlare del regolamento che il Cng aveva messo sul tavolo a gennaio 2023.

Dov’è la circolare che fissa l’inizio del grande scontro alle 19?
Avendo constatato indisciplina e ritardi inaccettabili, soprattutto in occasione di incontri importanti, l’organismo, attraverso una nota circolare, ha adottato nuove misure per far rispettare i tempi durante i gala di wrestling.

È così che l’autorità ha deciso di iniziare i grandi scontri alle 19 in punto. Soggetto a sospensione imposta ai lottatori colpevoli. E tra queste decisioni c’è un provvedimento forte che riguarda le sanzioni contro i lottatori che superano i tempi regolamentari per la preparazione mistica. “Qualsiasi lottatore che abbia superato il tempo di preparazione dopo i 10 minuti autorizzati per il grande incontro, pagherà, a partire dalla rimanenza, 10.000 Cfa al minuto per i primi 10 minuti, 20.000 Cfa al minuto a partire dall’11° minuto e 30.000 Cfa al minuto dal 21° minuto. Le sanzioni pecuniarie si fermano al 30esimo minuto”, si legge. “Oltre i 30 minuti aggiuntivi, il lottatore interessato riceverà una sospensione automatica che va da 6 mesi a 3 anni”, prosegue il documento. Il che preannuncia un’altra grande decisione presa da Bira Sène riguardo all’orario di inizio del grande incontro. “La durata dell’incontro di lotta maggiore con colpi è di 2 volte 10 minuti, con una pausa di 3 minuti e, se necessario, un prolungamento di 5 minuti. La durata di un combattimento preliminare è di 2 volte 5 minuti, con una pausa di 2 minuti e, se necessario, un prolungamento di 3 minuti.

Oggi, a quanto pare, tutte queste decisioni sono nei cassetti, se ci basiamo sugli eccessi osservati domenica all’Arena Nazionale. Occasione quindi per il Cng di farli emergere e applicarli alla lettera. È così semplice !
[email protected]

-

PREV Un terzo evento partigiano per il presidente Greg Fergus
NEXT Le confidenze di Bart De Wever: “Non ho amici, né hobby, non ho niente”