Parigi. Processato per violenza domestica, l’ex All-Black Byron Kelleher continua a negare

Parigi. Processato per violenza domestica, l’ex All-Black Byron Kelleher continua a negare
Parigi. Processato per violenza domestica, l’ex All-Black Byron Kelleher continua a negare
-

Di Hugo Hancewicz
pubblicato su

6, 24 maggio alle 18:49

aggiornato il 6 maggio 24 alle 19:16

Vedi le mie notizie
Segui le notizie di Parigi

Nervoso e con lo sguardo fisso nel vuoto. Questo lunedì, 6 maggio 2024, Byron Kelleher è apparso davanti al Corte Criminale di Parigi per atti di violenza perpetrati contro la sua compagna, risalenti al 24 giugno 2023. L’ex stella neozelandese è stata posta in custodia di polizia il 16 ottobre 2023, a seguito di un presentare denuncia.

Secondo il compagno dell’imputato questi scatti non sono affatto i primi. La denunciante sarebbe stata vittima della sua relazione con il giocatore di rugby nel 2010 attacchi multipli. Molti di essi sarebbero avvenuti mentre l’imputato era sotto l’influenza dell’alcol.

L’alcol, fattore scatenante della violenza?

Mentre l’ex nazionale All-Blacks Byron Kelleher, al timone, nega parte dei fatti con cui è accusata, la vittima racconta scene di violenza in un contesto di discussione e alcol. Secondo lei, quella sera, lui l’ha schiaffeggiata più volte, spintonata e strangolata, davanti a lei profugo nel bagno.

Numerose testimonianze, in particolare quella del figlio condiviso, attestano a consumo eccessivo di alcol di Byron Kelleher. Non è la prima volta che l’ex professionista del rugby è coinvolto in una vicenda in cui l’alcol sembra avere un ruolo importante.

Comportamenti violenti da entrambe le parti?

Dopo più di un’ora di timide risposte alle domande del presidente della sessione, Byron Kelleher ha spiegato che anche il suo compagno ha pronunciato commenti offensivi e si è comportato violentemente nei suoi confronti. Menziona anche a dente rottoal che la vittima ribatte che l’incidente è avvenuto mentre stava mangiando uno Snickers.

Lo sottolinea anche l’avvocato difensore incoerenze nelle dichiarazioni della vittima, così come il deterioramento della salute mentale di Byron Kelleher dopo gli eventi.

La sera Byron Kelleher fu finalmente condannato 6 mesi di reclusione con sospensione della pena. Dovrà pagare anche una multa di 1.000 euro e risarcire 800 euro all’ex compagna per danni morali.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Il ministro Christian Dubé rifiuta di fare marcia indietro sulla questione delle agenzie sanitarie private
NEXT Chassors: una delegazione della Mosella viene a rafforzare i legami di amicizia con Spicheren