Messaggio di Mons. Xavier Malle agli agricoltori cristiani

Messaggio di Mons. Xavier Malle agli agricoltori cristiani
Messaggio di Mons. Xavier Malle agli agricoltori cristiani
-

Cari amici contadini, cari fedeli cattolici dell’Alta Alpi,

Questo messaggio, in occasione delle tradizionali processioni delle Rogazioni, vuole essere un sostegno agli agricoltori, e condividere con tutti i fedeli ciò che stanno vivendo i nostri vicini contadini, vicini e lontani. La celebrazione delle Rogazioni (1) viene nuovamente offerto da alcune parrocchie o monasteri. Queste processioni nei campi si svolgono tradizionalmente nei tre giorni che precedono l’Ascensione, quest’anno giovedì 9 maggio, cioè lunedì 6, martedì 7 o mercoledì 8 maggio.

Molti dei nostri agricoltori hanno lasciato le loro aziende agricole lo scorso gennaio e febbraio, non per lavorare nei campi ma sulle strade, per dare voce alle questioni che causano loro grandi sofferenze. (2).

Allora ho esitato a parlare. Mi dicevo che questo non avrebbe portato nulla di nuovo e che poteva essere interpretato come il volersi mettere la coperta addosso. Inoltre, alcuni agricoltori già conoscono la mia attenzione nei loro confronti perché li incontro durante le visite pastorali alle parrocchie e durante gli eventi diocesani a loro dedicati.

Infatti, dopo aver chiesto ai cristiani di pregare per la pioggia nell’autunno del 2017, ho preso l’abitudine di riunire gli agricoltori cristiani (i cui sacerdoti mi hanno dato il contatto), sia per il pranzo presso il vescovado una volta all’anno, sia in occasione di una giornata diocesana di preghiera cristiana. agricoltori.

A poco a poco si formò un gruppo amichevole. Copre inoltre l’intero spettro sindacale di questa professione, nonché le principali attività agricole delle nostre montagne: ovini, bovini, suini, orticoltura, arboricoltura.

Venerdì 5 aprile 2024 ci siamo incontrati per pranzo in vescovado, una decina di contadini e due membri del consiglio episcopale. Abbiamo iniziato con la rilettura che tutti potrebbero fare del movimento agricolo dell’autunno 2023. È stato allora che ci è venuta l’intuizione di condividere con voi alcune parole forti (3) pronunciato in questa occasione e che mi è sembrato capace di illuminare tutti i cristiani su questo movimento sociale agricolo.

Un movimento auspicato ma dall’esito incerto

Per prima cosa sono rimasto sorpreso dalla loro dignità riconquistata vedendo la portata del movimento. “Era necessario”, “sono felice che le cose si muovano”, ma anche una grande delusione per il finale ritenuto troppo veloce e le domande sui seguiti. Questo sarà servito a qualcosa? Esiste una tale “inerzia del sistema”. Gli agricoltori che ho incontrato sono contenti del movimento ma disillusi. Non credono più alle promesse dei politici.

Certamente il governo si è impegnato a sostenere 62 proposte (4) ed è stato introdotto un disegno di legge sull’agricoltura. Ma in realtà, rispondono i contadini, “ci sono diversi tipi di agricoltura; l’agrobusiness non ha nulla a che vedere con le nostre piccole aziende agricole di montagna”. Ad esempio, questo non risolverà il problema del lupo. In fondo, gli agricoltori temono di essere abbandonati. Ci saranno ancora agricoltori in futuro? È una domanda che li tormenta.

Qual è la radice del problema?

“Quando parliamo del prezzo dei prodotti, in realtà parliamo solo di centesimi. », “Non si tratta di aumentare il prezzo per i consumatori soggetti all’inflazione, ma di distribuirlo meglio tra produttori, trasformatori e venditori. » Dare qualche centesimo ai produttori consentirebbe loro di guadagnarsi da vivere.

Perché il problema in agricoltura è il prezzo pagato ai produttori. “Se avremo un prezzo corretto, faremo volentieri a meno degli aiuti della PAC. Preferiamo essere redditizi piuttosto che con una flebo. »

La radice profonda è la finanziarizzazione dell’economia liberale e il libero scambio tra agricolture diverse e concorrenti in tutto il mondo.

“Finiamo per acquistare ciò che non possiamo produrre in Francia. » Prendiamo l’esempio delle mele provenienti da un altro paese europeo; ora sono la maggioranza a Rungis (il grande mercato “all’ingrosso” nella regione di Parigi), perché sono da 2 a 3 volte più economici poiché lì il costo della manodopera è molto più basso, e le norme fitosanitarie europee non vengono trascritte così rapidamente, quindi prodotti con più pesticidi… anche se in casa non possiamo produrli così (5).

Un altro esempio: il modello prevalentemente francese di piccole aziende agricole con uno, due o tre agricoltori, alcune in BCAA o CUMA, non è competitivo rispetto alle grandi aziende agricole dell’America Latina o del resto d’Europa. Vogliamo anche noi queste enormi aziende agricole?

Tanto più che la PAC, con i suoi aiuti pagati per ettaro, favorisce le aziende agricole di grandissime dimensioni. Tutti sono d’accordo, a qualunque sindacato appartengano, che è necessario riconsiderare i termini di questo aiuto.

Perché un simile movimento adesso?

“Questo sarebbe dovuto succedere 40 anni fa. » «È un fuoco che cova da molto tempo. » Proviamo a vedere come si è schiuso e poi è emerso, con le immagini delle nostre montagne innevate.

L’aumento dei suicidi (6) degli agricoltori che interessa tutte le regioni, comprese le Alte Alpi, avrebbe dovuto chiarire che “non era più possibile raccogliere. » Il fondo è stato raggiunto da troppe persone. La montagna si sta muovendo.

L’azione (7) dei Giovani Agricoltori per restituire i segnali comunali di ingresso, da metà novembre 2023, per indicare che stiamo camminando a testa in giù, costituivano un buon sottofondo prima di una forte nevicata.

Poi “forse c’era troppo che ha fatto traboccare il vaso”. » Come i ritardi nel pagamento degli aiuti della PAC e la moltiplicazione dei controlli e delle seccature amministrative. Un grande ritorno dall’Oriente!

L’aumento previsto (8) della tassazione del GNR (diesel non stradali, agricoli e forestali e attrezzature per lavori pubblici, ruspe, escavatori, spazzaneve) è stato forse il detonatore che ha scatenato la valanga, perché il suo prezzo era già aumentato del 50% a causa dell’inflazione energetica (9).

È bastato che un contadino dell’Occitania lanciasse il movimento perché questo si diffondesse rapidamente in tutta la Francia e anche in altri paesi europei. La valanga ha coperto l’intera montagna.

Ci sono già impatti positivi?

Ciò ha riportato il cursore al posto giusto per quanto riguarda l’ecologia.

Non sopportano più di essere accusati di tutti i torti da certi ecologisti politici. “Eppure sappiamo che gli agricoltori sono le prime vittime per la loro salute (10). »E sono consapevoli dei problemi per il pianeta, anche se credono che siano le scoregge delle loro mucche (11) non sono i principali responsabili. Tanto più che in montagna utilizziamo l’agricoltura biologica o sostenibile in modo molto naturale; concimiamo i nostri campi con il nostro gregge.

Ma nel bilancio ecologico bisogna tenere conto di tutto. Importare mele da lontano o produrle localmente? Bisogna tenere conto anche della sovranità alimentare ed è una fortuna che i politici stiano affrontando questo tema.

Ciò riportò gli agricoltori nel cuore dei francesi.

Negli anni precedenti mi avevano spesso espresso la loro grande sofferenza nel sentirsi non amati dalla società francese. Lavorano duro ma sono considerati i peggiori inquinatori.

Seguendo il movimento sociale, ho pensato anch’io che il progresso auspicato nella semplificazione amministrativa avrebbe potuto migliorare la loro qualità di vita. La loro risposta mi ha sorpreso: “Sappiamo che la natura umana è peccatrice e che controlli e pratiche burocratiche sono necessari. Ma lì trabocca. » «Siamo monitorati via satellite e, se il controllo è negativo, quando riusciamo a dimostrare la nostra buona fede, ci vogliono mesi per ricevere gli aiuti che ci spettavano. »

«Quindi non sempre siamo contrari ai controlli, ma vorremmo guadagnarci abbastanza da vivere per assumere personale amministrativo (come lei, monsignore, ha un assistente al vescovado – sic!). » Insomma, siamo sopraffatti dalle pratiche burocratiche e dai controlli perché dobbiamo fare tutto da soli e questo non è il cuore del nostro lavoro.

Cari amici agricoltori, sono stato felice di questo incontro e spero di aver trascritto correttamente i pensieri e le parole ascoltate.

Dal mio punto di vista esterno, vedo due grandi sfide che l’agricoltura deve affrontare:

  • Trasferisci la tua fattoria (in Francia, un terzo degli agricoltori potrà andare in pensione entro dieci anni). Lei dice chiaramente che ciò dipenderà dall’esito di questa mobilitazione contadina.
  • Prepararsi al cambiamento climatico i cui primi effetti sono concreti e forse più palpabili in montagna. Questo adattamento al clima influisce su tutte le attività delle nostre montagne e quindi due volte per una famiglia multiattiva: l’agricoltura e lo sci.

La dignità degli agricoltori è nutrire bene le persone e prendersi cura della terra.

Per questa bella missione che hai espresso, voglio ringraziarti a nome dei cristiani delle Hautes-Alpes. Non sei solo; la comunità cristiana, di cui fate parte, vuole sostenervi. E questo messaggio esprime un sostegno più ampio a tutti gli agricoltori del nostro dipartimento.

A voi, cari fedeli cattolici, vorrei dire che dobbiamo comprendere la necessità vitale della vita contadina nel suo bellissimo modello delle fattorie di montagna, una necessità che va ben oltre il cibo. “Tutto è collegato” dice il Papa nella Laudato Si’. Agricoltura, ambiente, giustizia sociale, pace, ecc…

Rimaniamo uniti gli uni agli altri attraverso la preghiera. In questo mese mariano, Dio vi benedica e la Madonna del Laus vi custodisca.

Mons. Xavier Malle, vescovo di Gap-Embrun

-

PREV Tre morti in 48 ore… Ma cosa sta succedendo a Sevran?
NEXT Più di mezzo milione al botteghino del Quebec per Irena’s Promise