Duro campanello d’allarme per Sherbrooke Citoyen

Duro campanello d’allarme per Sherbrooke Citoyen
Duro campanello d’allarme per Sherbrooke Citoyen
-

La partenza annunciata del sindaco equivale, né più né meno, a quella di Gabriel Nadeau-Dubois se lasciasse il Québec Solidaire. Questi due partiti si autodistruggeranno come annuncio di una missione impossibile.

Évelyne Beaudin è stata la spina dorsale di questo partito decisamente di sinistra perché poteva ancora portare la credibilità di un economista esperto. Questo è certamente ciò che le ha permesso di essere eletta al municipio al di là di una macchina sostenuta da Québec Solidaire e dalle acute strategie di Claude Dostie, il suo primo capo di gabinetto.

Molti ci credevano. Molti hanno letto anche il suo libro Governare in modo efficace che voleva essere tanto un appello al cambiamento all’interno dell’amministrazione comunale quanto un appello a favore di un nuovo modo di fare politica.

Purtroppo, perché l’avventura di Sherbrooke Citoyen nella politica municipale continuasse, tutto ciò che mancava era proprio una dose di pragmatismo e realtà. Chi afferra tutto, perde. Capovolgi tutto nel primo trimestre. Esagerare. Soprattutto, fatelo all’estremo. Il detto non potrebbe essere più appropriato di oggi.

Ammettiamo però che, a parte una campagna elettorale che ha demonizzato la questione dei voli commerciali in aeroporto con il pretesto di una serie di sciocchezze come l’effetto serra degli aerei o il sussidio per i posti vuoti, il nuovo sindaco aveva tutto per segnare un cambiamento della cultura in seno al consiglio comunale.

La creazione di commissioni che riducano a sei organi ciò che è stato fatto con più di quaranta comitati, l’integrazione di un ufficio di coordinamento dello sviluppo economico affinché la Città possa essere un po’ più coinvolta negli orientamenti principali, il segretariato per la partecipazione dei cittadini, insomma, così tanti cambiamenti che, se fossero stati più equilibrati, avrebbero forse potuto effettivamente portare più efficienza al sistema comunale e consentire una maggiore partecipazione dei cittadini.

Non dico che fossi d’accordo con queste indicazioni, ma potevo sicuramente dare una possibilità al corridore. Dopotutto, ha avuto anche la saggezza di cercare Danielle Berthold e Annie Godbout nel comitato esecutivo. Saggia decisione di portare l’opposizione sul tavolo decisionale. Che spreco essere loro sfuggiti durante il mandato.

Corteggiare e persuadere il nemico è, tuttavia, una grande forza per portare avanti i propri problemi. Anche in questo caso sono convinto che Claude Dostie abbia qualcosa a che fare con tutto ciò. È uno stratega. Non per niente io e lui abbiamo passato più di cinque ore a bere birra insieme in un certo giorno di settembre 2021 a Siboire. Vivi alla tua sinistra Pierre, mi ha detto. Ci penso ancora perché era così giusto.

Dopo l’annuncio del sindaco Beaudin di venerdì, mi chiedo addirittura se anche lei non sia stata vittima del suo stesso partito. I suoi membri sono il più delle volte profondamente dogmatici a tal punto che sarebbe meglio rischiare la partenza del pilastro principale del partito piuttosto che versare un po’ d’acqua nel suo vino e misurare la durezza delle riforme.

Comprendiamo, ad esempio, che anche se persistiamo nel voler proteggere il 45% delle zone umide e dei boschi di Sherbrooke, ciò non avrà assolutamente alcun impatto sul destino del pianeta se India, Cina e Stati Uniti non intraprendono alcuna azione. Tuttavia, con una protezione del 25%, il Piano Natura sarebbe stato un enorme successo oltre a mobilitare molto probabilmente tutti i consulenti indipendenti. E il 25% rappresentava comunque un bel balzo in avanti.

Se avessimo scelto, ad esempio, di creare solo l’Ufficio di coordinamento economico in un primo mandato con due o tre dipendenti, senza smantellare tutto da Sherbrooke Innopole e Destination Sherbrooke, il messaggio sarebbe arrivato meglio. Ci saremmo dati il ​​tempo di vedere come vanno le cose tra le autorità e soprattutto avremmo radunato ancora una volta la maggioranza dell’opposizione. Perché in fondo l’idea di avere un ufficio che voglia supervisionare meglio gli sforzi di sviluppo economico e riunire più attori del settore non era un’idea stupida. Potrebbe addirittura essere complementare e forse migliorare l’offerta di Sherbrooke Innopole.

E anche se non sono d’accordo, se nel primo mandato non ci fossimo limitati a pulire le maledette piste ciclabili senza aggiungere la tassa sulle piscine, probabilmente ancora una volta saremmo riusciti a far passare una pillola un po’ più facilmente.

La cosa peggiore è che i membri e gli eletti dello Sherbrooke Citoyen hanno preferito perdere la fiducia dell’intera popolazione gettandosi nel mucchio del “non importa quale” e senza valutare le conseguenze politiche sul proprio programma e sul proprio partito. . Perché ci saranno conseguenze politiche. Tutte queste idee di riforma globale, che dovevano essere attuate rapidamente, garantiranno semplicemente che il partito lascerà il potere durante le prossime elezioni municipali senza la possibilità di vedere le sue idee adottate dalla popolazione.

La lezione più grande qui viene dall’ex premier del Quebec Robert Bourassa. Diceva alle sue truppe che il successo in politica consiste nell’aggiungere, non nel sottrarre. Chiaramente questo significa che quando sommiamo gli avversari, quando non riusciamo a portarli dalla nostra parte per passare un file, valutiamo cosa dobbiamo mettere da parte perché passi. È molto meglio che perdere tutto e vedere i tuoi progetti morire in una telenovela.

Per rispondere a questa rubrica scriveteci a [email protected]. Alcune risposte potrebbero essere pubblicate nella nostra sezione Opinioni.

-

PREV la strada della valle del Montmin tagliata a causa di una frana
NEXT Notte dei musei: scopri gli imperdibili del Tarn