Una donazione a Louis-Davier in memoria di Jean-Philippe Lafont, uno degli insegnanti del liceo Jovinien

-

Tre insegnanti del liceo Louis-Davier di Joigny hanno organizzato, questo mercoledì 22 maggio, una donazione all’interno della struttura per distribuire alcuni dei tanti libri appartenuti a uno dei loro amici e colleghi deceduto nel febbraio 2024.

Morto nell’inverno del 2024 di cancro, Jean-Philippe Lafont, insegnante di francese al liceo Louis-Davier di Joigny, ha lasciato dietro di sé una montagna di libri, dischi e DVD. “Ce n’erano ovunque nel suo appartamento in Avenue Gambetta”, racconta Carole Cerri, una delle sue colleghe. “Noi suoi amici non riuscivamo a buttarli via”.

D’intesa con altri due insegnanti e con l’accordo della famiglia del defunto, organizzerà una donazione in una stanza al piano terra dell’istituto, vicino all’ingresso, da regalare gratuitamente a studenti, insegnanti o agenti interessati ad uno o più libri.

Saranno rappresentati tutti i generi letterari

Mercoledì 22 maggio, sul pavimento o sui tavoli giacevano una decina di scatole piene di libri di tutte le dimensioni. “Tratterremo questa donazione per un mese, il tempo di poter distribuire il tutto, spiega. Se ci sono persone dell’establishment che desiderano prenderne diverse per conto di un’associazione o altro, sono i benvenuti.”

Una nuova opzione in tedesco al liceo Louis-Davier di Joigny

“Sono rappresentati tutti i generi”, nota Nicolas Riou, un altro insegnante coinvolto. “Romanzi di fantascienza, thriller, teatro, letteratura per bambini, libri di storia, saggi… Quando andavo in vacanza per “In estate, a volte glielo chiedevo. per consigli sulla mia lettura, Jean-Philippe ha anche condiviso le sue impressioni con i suoi studenti.” Una nutrita collezione di fumetti andrà ai nipoti, un’altra di musica verrà donata diversamente.

Un frequentatore abituale delle librerie di rue Gabriel-Cortel

Originario di Tolosa, Jean-Philippe Lafont aveva depositato le sue valigie e i suoi libri a Joigny nel 1998. “Era appena stato assegnato al liceo grazie al gioco dei trasferimenti”, spiega il suo amico che insegna alla Louis-Davier dal 1999 È proprio a Joigny che ha superato l’esame di guida poiché non aveva bisogno di utilizzare un veicolo nella città rosa. Abbiamo trovato il suo libro di guida altrove!

Frequentava ampiamente rue Gabriel-Cortel e le sue librerie. “Non era lì tutti i giorni, ma non lontano”, ricorda con emozione Philippe Baron di Bis Repetita. Veniva a prendere il tè e il suo crumble Il sabato era il rugby, perché veniva da Tolosa nella letteratura ma anche nel cinema, una delle sue grandi passioni per la quale scriveva cronache. Sapeva comunicarla anche agli altri.

Malato, il professore di lettere non era tornato a scuola a settembre. Morì nel febbraio 2024. “Questa donazione è una grande iniziativa, giudica il libraio. Questo omaggio è meritato”.

Pierre-Emmanuel Erard

-

PREV Dal Ritz agli sbarchi: guerra fasulla – Per la gioia dei libri
NEXT Leggiamo “Da Lukov con amore” di Mariana Zapata