“Vestiti indecenti”: attivista saudita per i diritti delle donne condannata a undici anni di carcere

“Vestiti indecenti”: attivista saudita per i diritti delle donne condannata a undici anni di carcere
“Vestiti indecenti”: attivista saudita per i diritti delle donne condannata a undici anni di carcere
-

Nuova prova che l’Arabia Saudita è molto indietro per quanto riguarda i diritti delle donne. Manahel al-Otaibi, un’attivista per i diritti delle donne detenuta nel paese da più di due anni, è stata condannata a 11 anni di carcere con l’accusa di “terrorismo”, hanno denunciato martedì due ONG per i diritti umani.

Secondo Amnesty International e ALQST, la giovane 29enne è stata condannata il 9 gennaio a 11 anni di carcere, nel corso di una “udienza segreta”. Il verdetto è stato rivelato settimane dopo, “nella risposta ufficiale del governo saudita ad una richiesta di informazioni avanzata dai relatori speciali delle Nazioni Unite sul suo caso”, hanno precisato le due ONG in un comunicato stampa congiunto.

“Le accuse contro di lei riguardavano esclusivamente la scelta dell’abbigliamento e l’espressione delle sue opinioni online, incluso l’appello ai social media per la fine del sistema di tutela maschile in Arabia Saudita”, si legge nel testo.

Amnesty ha denunciato la sua “sparizione forzata”

È stata anche perseguita “per aver pubblicato video in cui indossava abiti indumenti indecenti e essersi arreso nei negozi senza l’abaya », questo lungo abito tradizionale che copre il corpo.

La risposta saudita all’ONU, datata 24 gennaio e consultata martedì dall’AFP, afferma che Manahel al-Otaibi “è stata condannata per reati terroristici estranei all’esercizio della sua libertà di opinione ed espressione o con le sue pubblicazioni sui social network”. Il documento non fornisce dettagli sui “reati terroristici” menzionati. Interrogato dall’AFP, il governo saudita non è stato immediatamente in grado di commentare.

Amnesty ha denunciato a febbraio la “sparizione forzata” della giovane donna che, secondo la ONG, aveva perso i contatti con la sua famiglia tra novembre dello scorso anno e metà aprile.

Sua sorella “affronta accuse simili”

Sua sorella maggiore, Foz al-Otaibi, seguita da 2,5 milioni di persone sul social network Snapchat, “si trova ad affrontare accuse simili, ma è fuggita dall’Arabia Saudita per paura di essere arrestata dopo essere stata convocata per un interrogatorio nel 2022”, abbiamo aggiunto. Martedì ha detto all’AFP che la sua famiglia è venuta a conoscenza della condanna a 11 anni di carcere di Manahel solo attraverso la risposta saudita alle Nazioni Unite. “Sono molto scioccata”, ha detto.

“Le autorità saudite devono rilasciare immediatamente e incondizionatamente Manahel al-Otaibi e tutti coloro attualmente detenuti nel regno per aver esercitato pacificamente i loro diritti umani”, ha affermato Lina al-Hathloul, funzionaria dell’ALQST.

L’Arabia Saudita è stata a lungo associata alla repressione delle donne. Sebbene negli ultimi anni siano state revocate diverse restrizioni, come il divieto di guida e l’obbligo di indossare un abaya, i difensori dei diritti umani affermano che una legge sullo status personale entrata in vigore nel 2022 rimane discriminatoria nei confronti delle donne.

Eppure l’Arabia Saudita è stata recentemente scelta per presiedere la 69a Commissione sullo status delle donne delle Nazioni Unite, destinata a lavorare per i diritti delle donne e l’uguaglianza di genere in tutto il mondo.

-

PREV La Marina francese amplia di quasi il 20% l’equipaggio delle fregate FREMM
NEXT RAPPORTO. L’aborto sta scomparendo nel sud americano