Gabriel Henry o la ricerca della memoria

Gabriel Henry o la ricerca della memoria
Gabriel Henry o la ricerca della memoria
-

Gabriel Henry, 38 anni, scrive da molto tempo ormai. Poesia, molta. Con Blackout, uscito nell’autunno del 2023, firma il suo primo romanzo e ci porta in Mongolia sulle orme di Ulisse che, nella famiglia della sua compagna, cercherà di ricostruirsi dopo un terribile incidente che lo priva della memoria. Lontano dai nostri punti di riferimento. Ma non la sua gente.

Il suo primo romanzo è stato pubblicato nell’autunno del 2023
© Immagine dello schermo

Responsabile tecnico di una filiale Emmaüs nella regione parigina, si occupa di un negozio, di un centro di smistamento e supporta un team di dipendenti nell’integrazione.

“Il punto di partenza sono i paesaggi”

Da quanto tempo scrivi?

“La scrittura mi accompagna quasi da sempre. Ho avuto la fortuna di essere avvicinato alla lettura in giovane età. Di aver letto molto da bambino, e di essermi cimentato nella scrittura anche da giovanissimo, intorno ai 7-8 anni. Stavo già scrivendo racconti. Ci sono ritornato verso la fine della mia adolescenza, ma questa volta attraverso la poesia. Ho scritto molte poesie, che sono state pubblicate su riviste. Ho pubblicato anche due raccolte. Poi mi sono rivolto al romanzo perché volevo provare qualcos’altro, un altro processo. »

Come è nata questa storia?

“È un testo che mi porto dietro da molto tempo, ma in forme diverse. All’inizio, forse perché mi sentivo un po’ intimidito, ho iniziato scrivendo un racconto. Ciò che è servito come base per il romanzo è stato un lungo racconto, scritto anni fa, nel 2016-2017. Ho fatto leggere a diverse persone la versione più completa e poi mi sono detto che poteva servire come base. Poi ci ho costruito attorno. E ho lasciato stare tutto.

Il punto di partenza sono i paesaggi, è un ambiente. Ho la possibilità di recarmi regolarmente in Mongolia, sono personalmente legato a questa cultura. Ho tratto molta ispirazione dalle cose che ho visto e vissuto. È stato l’incontro di questi luoghi, di questo villaggio che mi ha ispirato. È un po’ uno spunto per costruire una storia attorno a queste impressioni che mi hanno trasmesso paesaggi così particolari.

C’è stato un lungo lavoro sul testo con il mio editore. Abbiamo rimosso una parte centrale molto ampia del libro che spiegava, come un flashback, cosa era successo al personaggio. »

Da dove viene questa ricerca della verità che alla fine attraversa il tuo personaggio, Ulisse?

“Queste sono domande che mi hanno lasciato perplesso per molto tempo. Anche quello attorno alla memoria. Il mio personaggio si ritrova in un luogo che dovrebbe conoscere e che non riconosce più. Perde parte della sua identità e volevo mettere in discussione questa nozione di memoria e il ruolo che gioca in chi siamo. Ulisse è un po’ ambivalente. È diviso, vuole lasciarsi trasportare dal corso delle cose, non mettersi troppo in discussione e il desiderio, sempre più pressante, di capire cosa gli è successo e provare a ritrovare una parte della sua memoria. »

punti di riferimento

> Tra gli autori più amati da Gabriel Henry troviamo, in particolare, Cesare Pavese, Antoine Volodine e Chimamanda Ngozi Adichie.

> Padre di due gemelli, Gabriel Henry attualmente ha meno tempo per leggere e scrivere. “Non è più una cosa quotidiana come prima. E sono tornato alla poesia, per voglia e perché in questo momento mi sembra più semplice. » Allo stesso tempo, sta pensando ad un secondo progetto di romanzo.

> Gabriel Henry è anche pittore, designer e scultore.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione