Vasarely, Rauschenberg, Dubuffet… La crociata di Delphine Renard contro la vendita della collezione d’arte della Renault

Vasarely, Rauschenberg, Dubuffet… La crociata di Delphine Renard contro la vendita della collezione d’arte della Renault
Vasarely, Rauschenberg, Dubuffet… La crociata di Delphine Renard contro la vendita della collezione d’arte della Renault
-

INDAGINE – Creato negli anni ’60 da un dirigente dell’azienda per associare artisti rinomati al mondo del lavoro, questo fondo imprenditoriale ha conosciuto il suo periodo di massimo splendore. Oggi si levano voci per denunciare la messa all’asta di alcune opere da Christie’s.

È passato molto tempo da quando la collezione aziendale Renault, un riavvicinamento senza precedenti tra arte e mondo del lavoro, è scomparsa dai radar! La sua ultima apparizione risale al 2018, alla Fondazione Clément, in Martinica, che ha celebrato i cinquant’anni di un’avventura avviata da Claude Renard, semplice dirigente della casa automobilistica divenuto un illuminato amante dell’arte. Ispirandosi al modello americano, questo amico di André Malraux ha avuto carta bianca per fondare, nel 1967, il dipartimento “Ricerca sull’arte e l’industria”, un incentivo a creare in stretta collaborazione con gli artisti, prima che i loro prezzi crollassero dal mercato .

Un approccio innovativo per invitarli a produrre, offrendo loro il sostegno tecnologico e finanziario di Renault o la fornitura dei suoi materiali industriali. L’idea ha deliziato Tinguely, César, Dewasne e Arman con le sue Accumulazioni, basate su eliche di ventilatori, carrozzerie o parti di motore. Alcune opere sono oggi in pessime condizioni, poiché Renault non ha voluto investire nel loro restauro, dopo la chiusura del suo sito sull’Île Seguin, a Boulogne-Billancourt nel 1992. Quando Georges Besse, amministratore delegato della Renault (assassinato nel 1986 dai terroristi di Action Directe) taglia i sussidi all’arte, la maggior parte della collezione viene depositata in un magazzino Renault a Boulogne. Dal 2021, circa 350 pezzi (più 200 per la collezione fotografica di Robert Doisneau, impiegato della Renault negli anni ’20, Marc Riboud e Robert Frank) sono conservati in un magazzino della Maison Chenu, abbandonato, lontano dagli sguardi…

Il catalogo non è visualizzabile

Questa collezione torna, in piccola parte, sotto i riflettori. Non per una mostra secondo lo scambio iniziale tra la Régie e gli artisti, come si legge nel libro di Ann Hindry (ex curatrice della collezione) e Micheline Renard (moglie di Claude morto nel 2013), edito da Flammarion , nel 2009…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Ti resta l’87% da scoprire.

Vuoi leggere di più?

Sblocca immediatamente tutti gli oggetti.

Già iscritto? Login

-

PREV Colloquio. Montpellier: dal “fare coming out” alla “rivolta”, come è nata la lotta LGBTQIA+
NEXT “Lo splendore del mondo”, magnifica supplica alla bellezza di Laurence Devillairs – rts.ch