Sheila sotto l’incantesimo del suo partner in Scene domestiche

Sheila sotto l’incantesimo del suo partner in Scene domestiche
Sheila sotto l’incantesimo del suo partner in Scene domestiche
-

La musica calma l’anima? Non in Scene di famiglie ! La celebrazione del 21 giugno porta la sua parte di incontri piccanti tra le nostre coppie e ospiti prestigiosi. Hélène Ségara viene ricevuta da Liliane (Valérie Karsenti) e José (Frederic Bouraly), il rapper Seth Gueko fa visita a Camille (Amélie Etasse) e Philippe (Grégoire Bonnet) e Sheila si presenta inaspettatamente da Raymond (Gérard Hernandez). La cantante è alla ricerca di un oggetto molto speciale, che darà luogo ad una caccia al tesoro non convenzionale. L’occasione per l’eterno lamentoso di ricordare la sua cara Huguette, il cui personaggio è scomparso in seguito alla morte di Marion Game il 23 marzo 2023, e per l’interprete di Spacer, di ampliare la sua tavolozza artistica. Incontro con un settantenne che ha scelto di fare”la sua vita, un’avventura.”

Scene di famiglie : “Questa è la mia grande vittoria“, Sheila svela ciò di cui è più orgogliosa dopo 60 anni di carriera

Télé-Loisirs: Quando ti è stato chiesto di realizzare questo episodio speciale, hai accettato subito?
Sheila:
Appena qualcuno mi propone qualcosa di inaspettato e improbabile, lo accetto! Io sono così, amo tutto ciò che è fuori dalla norma. E non me ne pento!

Come sono andate le riprese?
Un pomeriggio di felicità! Gérard Hernandez è un uomo assolutamente affascinante, l’opposto del lamentoso che interpreta sullo schermo. È divertente, discreto e molto gentile. E la squadra è davvero amichevole. Mi sono sentito molto a mio agio e abbiamo riso molto.

Preferisci esibirti davanti alla telecamera o sul palco?
È completamente diverso. Sul palco devi lasciare andare i cavalli, perché se ci sono 2.000 persone devi farli alzare in piedi. Il mio obiettivo è che tutti finiscano in piedi. Li avverto fin dall’inizio: “Indossate scarpe da ginnastica!” Almeno è comodo. [Elle rit]. In un concerto devi fare molto, mentre su Scene di famiglie, volevo essere naturale e soprattutto non esagerare. Mi metto in una situazione e lascio lavorare la mia immaginazione.

Festeggi i tuoi sessant’anni di carriera con un tour anniversario. Che cosa significa questo per voi?
Condividere una vita, più che una carriera. Le canzoni trascendono il tempo e nei miei concerti si ritrovano diverse generazioni. Possono esserci genitori, nonni, figli e nipoti, e tutti cantano. Questa è la mia grande vittoria. E quando ad una sessione di autografi mi viene detto che dovrei essere rimborsato dalla previdenza sociale perché faccio del bene e metto le ali, mi dico che ho avuto successo nella mia vita. L’unico rammarico che ho oggi è che prima i fan chiedevano una foto autografata e ora vogliono i selfie. Lo odio perché abbiamo facce da rana.

Con questi recenti concerti hai la sensazione di avere una seconda carriera?
Non mi piace affatto la nostalgia. Andare a vedere Sheila in concerto non è il tour “Âge Tender”, è rock. Tutti i miei successi sono riorchestrati e sono accompagnato dal gruppo H-TAAG. Nella mente delle persone, ho ancora delle trapunte, quindi sono sorprese. Ma a me fa venire voglia di continuare, perché mi sento come se stessi cantando nuove canzoni. Anche se i miei concerti sono un mix di 60 anni di vita, quella dei fan e la mia, guardo al futuro.

Scene di famiglie : “Un clown fa ridere in pubblico, ma piange da solo“, Sheila parla delle prove che ha dovuto affrontare durante la sua vita

Ti esibisci per più di due ore sul palco, qual è il segreto della tua energia?
Ho la fortuna – e ringrazio i miei genitori e i miei angeli custodi – di essere in buona salute. E parlo. Dall’età di 5 anni ballo e pratico sport. Soprattutto perché mi rifiuto di riprodurre, perché penso che non sia onesto. Quindi devo prendermi cura di me stessa, non ho scelta. Ci sono giorni in cui sono stanco, ma la cosa straordinaria è che una volta sul palco il pubblico ti trasporta. Mi piace incontrare il pubblico. Ho un sacco di cose da dire loro. Quando ti senti bene con le persone, non vuoi lasciarle!

Come è stato costruito questo rapporto unico con il tuo pubblico?
Abbiamo un rapporto che va ben oltre le canzoni. Negli anni ’90 mi sono preso una pausa e ho scritto molto su me stesso, sulla mia vita e sulle cose che amo. Il pubblico ha potuto scoprire chi ero. Oggi sanno che possono parlarmi delle loro preoccupazioni e spero di infondere loro un po’ di coraggio. Più tardi, quando sarò vecchio [Elle rit], Vorrei tenere delle conferenze. Penso che con la mia energia potrei unire le persone e accompagnarle in un bellissimo percorso di vita. Siamo sempre negativi, dobbiamo unirci. Possiamo tenerci per mano, combattere il razzismo e la discriminazione di ogni tipo. Certo, non è sempre facile, ma nascondere la testa sotto il cuscino o lamentarsi non cambierà le cose. A volte non osiamo dire ciò che abbiamo nel cuore, ma dobbiamo esprimerci.

Hai attraversato difficoltà, inclusa la morte di tuo figlio (Ludovico Cancellomorto il 7 luglio 2017) Da dove viene questa resilienza?
Non sono resiliente. Non c’è sfortuna più grande che perdere tuo figlio. Non lo superi mai e io no. La mia vita da artista è magnifica, la mia vita da donna è più complicata. Anche se lo considero ingiusto, dobbiamo accettare le catastrofi della vita che ci vengono imposte. Ho un lavoro, sono qui per intrattenere la gente. Un clown fa ridere in pubblico, ma piange da solo. Il mio dolore e la mia sofferenza sono miei. I miei genitori e mio figlio saranno sempre con me. Devo a loro tenere la testa alta. Forse attraverso la mia storia, che riguarda solo me, posso dare un po’ di coraggio agli altri. E mi dico anche che non sono solo. Ci sono molte madri che hanno vissuto lo stesso dolore.

Il successo ti ha messo sotto i riflettori, hai mai sognato l’anonimato?
Sì, è per questo che mi sono trasferito a New York negli anni ’80. Non è perché hai successo, che ti senti bene nell’anima e nel corpo. Avevo bisogno di mettermi in discussione ed è stata una lezione di umiltà. I miei genitori, soprattutto mia madre, mi hanno permesso di restare con i piedi per terra. Devi sapere chi sei e non rinnegare mai le tue origini. Qui è dove hai una vita di successo. Non scambierei il mio per nulla al mondo.

E dal punto di vista romantico, cosa ti aspetti dall’amore?
Per me è un fallimento, non avrò una relazione che duri sessant’anni come Gérard Hernandez [Elle rit]. Condividere una vita insieme è molto bello, soprattutto perché non mi piace stare da solo. Ma come si suol dire, è meglio stare soli che in cattiva compagnia. Noi artisti abbiamo un mestiere speciale. È complicato avere una vita insieme perché conduciamo vite dissolute, viaggiamo molto, abbiamo poco tempo ed è complicato per qualcuno dall’esterno comprendere questo universo. Ma è fattibile!

Pensi mai alla pensione?
Questa parola per me è sinonimo di cimitero. Inoltre sono contrario al termine “senior”. Preferisco dire “maggiore”. Sto lottando per cambiare la situazione e lo farò prima di morire. Spero ! [Elle rit.] Chi ha deciso che eravamo troppo vecchi? Non sono d’accordo ! Sono un giovane ribelle. Dopo il lavoro, hai a disposizione una seconda esistenza. E non mi basterebbe una sola vita per realizzare tutti i miei desideri. La vita è sogni e progetti. Il giorno in cui non ce l’abbiamo più, moriamo. Quindi sogniamo!

-

PREV 30 anni dopo Melrose Place, Courtney Thorne-Smith ancora segnata dalla passione folle con uno dei suoi partner
NEXT “Sono 15 anni in disintossicazione…” Senza tabù, Faye Dunaway racconta tutto sui periodi più bui della sua vita e sui suoi disturbi mentali