La Gacilly. Inaugurazione questo venerdì: gli eventi del festival fotografico

La Gacilly. Inaugurazione questo venerdì: gli eventi del festival fotografico
La Gacilly. Inaugurazione questo venerdì: gli eventi del festival fotografico
-

Paese di LA GACILLY

Pubblicato il 20 giugno 2024

Cyril Drouhet, curatore delle mostre del Festival.

A La Gacilly, il ritorno dell’estate va di pari passo con una nuova edizione del suo famoso Festival Fotografico. L’occasione per esporre, all’aria aperta, il meglio della creazione fotografica, documentaria e artistica contemporanea. Fedele al suo attaccamento al rapporto tra l’uomo e il suo ambiente, il Festival propone quest’anno una ventina di gallerie nei vicoli, nei giardini e nelle strade di La Gacilly.

Fin dalla sua creazione 21 anni fa, il La Gacilly Photo Festival è stato permeato da una forte coscienza ambientale. Secondo Cyril Drouhet, curatore delle mostre del festival, ciò è dovuto al suo fondatore Jacques Rocher: “ Penso che 21 anni fa fosse piuttosto visionario poiché non si parlava ancora molto di tutte queste questioni che ci preoccupano, come il riscaldamento globale. “. Il curatore della mostra sottolinea che questa enfasi sul rapporto dell’uomo con la Terra non comporta, à la Gacilly, “un’ecologia punitiva” ma “un’ecologia positiva”: “ Essere positivi significa anche mostrare la bellezza di questo mondo, anche se ci sono difficoltà nel rendere consapevoli i visitatori che dobbiamo custodire la nostra Terra “.

Come ogni anno, un paese, o una regione del mondo, viene messo in risalto dal La Gacilly Photo Festival. Quest’anno andiamo in Australia! Nel suo editoriale del libro del Festival, il curatore della mostra descrive questo Paese come “ un’isola-continente lontanissima, troppo poco conosciuta, raramente sotto i riflettori, così spesso fantasticata per questi spazi vergini e inviolati. “. “ Noi europei non conosciamo l’Australia » riassume Cyril Drouhet. Sulla questione ambientale, sottolinea in particolare una mitizzazione di questo paese: “ Immaginiamo che sia un Paese meraviglioso anche se è il secondo inquinatore del pianeta per numero di abitanti! “. Di fronte a queste politiche australiane in ritardo nella lotta contro il cambiamento climatico, sono i fotografi australiani, poco conosciuti in Francia: “ Sono davvero degli informatori. Mostrano i difetti ma propongono anche soluzioni a queste questioni ecologiche “.

I fotografi hanno esposto quest’anno.

Sempre fedele a questo impegno nei confronti della natura, il La Gacilly Photo Festival propone anche un tema ambientale: “ Sguardi impegnati all’insegna della bellezza “. Il Festival vuole essere “ un ricettacolo di questi fotografi che si preoccupano di mostrare una realtà che a volte disturba, a volte abbaglia “. Cyril Drouhet ci spiega questa ambizione presentando il lavoro di Matthew Abbott, fotografo australiano classe 1984. Quest’ultimo ha infatti immortalato la “Black summer”: la stagione di violentissimi incendi boschivi che, tra giugno 2019 e maggio 2020, hanno devastato 2,4 milioni di ettari. Mentre molti membri del governo australiano hanno cercato di negare o ignorare il legame tra il cambiamento climatico e l’aumento del numero degli incendi, Matthew Abbott assume il ruolo di informatore: “ Cerco solo di realizzare immagini che tocchino le persone, che siano come un pugno nello stomaco. Durante questi mega incendi ho incontrato persone che avevano perso tutto e fuggivano dall’inferno in condizioni terribili “. Il fotografo australiano ha vinto un World Press Photo per la foto di un canguro avvolto dalle fiamme, in basso a sinistra dell’immagine.

Matthew Abbot al microfono, presentando la sua gallery.

I fotografi incontrano il pubblico questo fine settimana

Per scoprire queste venti gallerie fotografiche inserite nell’ambiente eccezionale che offre La Gacilly, venite questo venerdì 21 giugno alle 16 al centro culturale Artémisia per l’inaugurazione del festival. Sabato e domenica, tra conferenze, visite in galleria con fotografi e sessioni di autografi, il team del festival ha preparato un programma su misura per inaugurare questo 21th la modifica.

Il programma del fine settimana:

-

NEXT Arte in Lussemburgo: l’arte di strada è esposta su 200 metri