Il gruppo Missione 2025 esorta i governi a fissare obiettivi climatici più ambiziosi

Il gruppo Missione 2025 esorta i governi a fissare obiettivi climatici più ambiziosi
Il gruppo Missione 2025 esorta i governi a fissare obiettivi climatici più ambiziosi
-

Alcune delle più grandi aziende, società finanziarie, città e regioni del mondo hanno unito le forze per sollecitare i governi ad aumentare le loro ambizioni climatiche prima della scadenza di febbraio 2025 per presentare le loro proposte sul cambiamento climatico alle Nazioni Unite.

Il gruppo si è unito a una coalizione chiamata “Missione 2025”. Questa coalizione è organizzata da Groundswell, una collaborazione tra le organizzazioni no-profit Global Optimism, Systems Change Lab e Bezos Earth Fund.

Tra le aziende che sostengono la coalizione figurano la società di beni di consumo Unilever, il più grande rivenditore di mobili al mondo IKEA e la società britannica di energia sostenibile Octopus EV. Altri sono rappresentati da gruppi come We Mean Business Coalition.

Mentre alcune aziende di combustibili fossili sono state criticate dai difensori dell’ambiente, altre aziende sono frustrate da quelli che vedono come governi miopi, riluttanti a regolamentare per apportare i cambiamenti necessari mentre è sempre più chiaro che il cambiamento climatico sta diventando sempre più estremo.

La Missione 2025 mira a rassicurare i leader politici sul fatto che hanno un forte sostegno per un’azione coraggiosa.

È guidato da Christiana Figueres di Global Optimism, che ha supervisionato l’accordo di Parigi del 2015 che ha prodotto il primo vero accordo globale in base al quale i paesi avrebbero ridotto le emissioni dannose per il clima.

Dieci anni dopo l’accordo di Parigi, i quasi 200 paesi che lo hanno approvato hanno una scadenza per presentare i contributi aggiornati determinati a livello nazionale (NDC) che delineano le politiche di un paese verso il raggiungimento dell’obiettivo di riduzione delle emissioni globali.

Più di due terzi dei ricavi annuali delle più grandi aziende del mondo, ovvero 31 trilioni di dollari, sono ora in linea con l’obiettivo di emissioni nette pari a zero, ha affermato la coalizione in una nota, citando i dati dell’Energy & Climate Intelligence Unit, un gruppo di esperti indipendenti sul clima. cisterna.

Separatamente, un sondaggio delle Nazioni Unite di questo mese sulle opinioni pubbliche sul cambiamento climatico in 77 paesi ha mostrato che l’80% degli intervistati desidera che i propri governi intraprendano azioni più forti, anche se alcuni di loro, preoccupati per la loro rielezione e la loro situazione economica, sono tornati sui loro precedenti obiettivi. impegni.

La Figueres ha detto a Reuters che la “mancanza di leadership” e il rumore politico sono responsabili di politiche insufficienti per promuovere tecnologie più pulite che hanno dimostrato di essere più economiche, più performanti, più veloci da costruire e più sicure rispetto ai loro attuali concorrenti.

“La politica economica è molto chiara: il futuro è la decarbonizzazione”, ha affermato.

I governi devono essere più chiari sulla direzione delle politiche pubbliche per dare fiducia alle imprese e agli altri attori dell’economia reale affinché investano di più nella transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio entro il 2035.

“Pensiamo che i governi siano ancora molto timidi riguardo a ciò che includeranno nei loro NDC”, ha detto, citando l’opposizione delle imprese e di altri soggetti legati all’economia dei combustibili fossili, che, secondo lei, puzzano di disperazione.

Simon Stiell, segretario esecutivo delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico, ha detto ai delegati della conferenza sul clima di Bonn questo mese che gli NDC devono coprire “tutti i settori e tutti i gas serra”.

Per aiutare i governi ad andare oltre, la coalizione Mission 2025 fornirà i dati necessari per giustificare i cambiamenti politici, con particolare attenzione alle 20 maggiori economie, responsabili della maggior parte delle emissioni, ha affermato Figueres.

“È su loro che ci concentreremo maggiormente, non solo perché hanno la capacità di cambiare di più, ma anche perché hanno i mezzi per farlo (a cura di: Barbara Lewis).

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori