La produzione di Pemex è influenzata dai ritardi nei pagamenti dei fornitori, dicono le fonti

La produzione di Pemex è influenzata dai ritardi nei pagamenti dei fornitori, dicono le fonti
La produzione di Pemex è influenzata dai ritardi nei pagamenti dei fornitori, dicono le fonti
-

La produzione di petrolio greggio dell’azienda statale messicana Pemex è stata colpita perché continua ad accumulare debiti con i suoi fornitori di servizi, hanno detto due fonti, una situazione che l’ha costretta a riaffermare pubblicamente due volte questa settimana che i debiti sarebbero stati pagati.

Sebbene Pemex non abbia pubblicato i suoi ultimi dati sulla produzione di petrolio greggio e di condensati, i dati dell’ente regolatore degli idrocarburi hanno mostrato all’inizio di questa settimana che la produzione di entrambi i tipi di petrolio e di condensati era scesa del 6% su base annua ad aprile, a 1,75 milioni di barili al giorno. giorno (bpd).

La produzione di petrolio greggio è stata di 1,47 milioni di barili al giorno, la produzione più bassa della società in 45 anni.

Una delle fonti ha affermato che il mancato pagamento da parte di Pemex dei suoi fornitori di servizi è stato uno dei motivi principali che hanno influenzato la produzione negli ultimi due mesi, seguito da un incidente su una piattaforma offshore in aprile.

Pemex non ha mai fornito dettagli sull’incidente, anche se Reuters ha riportato un calo iniziale di 20.000 barili al giorno.

Nel suo ultimo rapporto sul debito, Pemex ha riportato pagamenti in sospeso per un valore di circa 8,82 miliardi di dollari alla fine di aprile. Questa cifra non include le imposte, gli importi in controversia o quelli in fase di negoziazione.

Nei risultati del primo trimestre, Pemex ha riportato pagamenti in sospeso per 21,9 miliardi di dollari. Ha poi indicato di aver pagato nel frattempo 6 miliardi di dollari.

Nessuna di queste cifre include i 101,5 miliardi di dollari di debito finanziario, in gran parte detenuto in obbligazioni.

Una delle fonti ha detto che a causa del mancato pagamento dei loro servizi, alcune aziende hanno smesso di lavorare per Pemex, parzialmente o completamente. La fonte non ha rivelato alcun nome.

Non è inoltre chiaro a quali aziende Pemex sia maggiormente debitrice.

Pemex non ha risposto a una richiesta di commento.

Nei documenti pubblici, ha nominato Dowell Schlumberger, Halliburton, Baker Hughes, Weatherford e Sinopec tra le centinaia di società a cui deve dei soldi.

La seconda fonte ha confermato queste informazioni, ma ha aggiunto che alcuni pagamenti saranno programmati e una volta ricevuti, le aziende torneranno al lavoro e la produzione riprenderà a maggio.

All’inizio dell’anno diversi gruppi industriali che rappresentano fornitori di servizi e produttori privati ​​hanno lanciato l’allarme: la produzione, gli investimenti e in alcuni casi la sopravvivenza stessa delle aziende erano in pericolo.

Pemex ha ripreso alcuni pagamenti a febbraio, favorendo le grandi aziende rispetto ad altre.

Mercoledì scorso, Pemex ha rilasciato una dichiarazione in cui si impegna a ripagare i propri debiti e sottolinea di aver pagato tra 39 miliardi di pesos (2,34 miliardi di dollari) e 70 miliardi di pesos al mese dall’inizio dell’anno.

Giovedì, Pemex ha raddoppiato il suo impegno rilasciando un’altra dichiarazione in cui si impegnava a pagare 70 miliardi di pesos a maggio.

Il 2 giugno in Messico si terranno le elezioni generali e il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha voluto dimostrare che le sue politiche hanno aiutato l’azienda statale in difficoltà durante i suoi quasi sei anni al potere, e che il suo successore continuerà a farlo.

Claudia Sheinbaum, la candidata del Movimento di Rigenerazione Nazionale di Lopez Obrador, al potere, è molto avanti nei sondaggi.

Sotto Lopez Obrador, Pemex ha beneficiato di un’ancora di salvezza finanziaria sotto forma di iniezioni di liquidità e tagli fiscali per un ammontare di circa 90 miliardi di dollari. ($ 1 = 16,6891 pesos messicani) (Segnalazione di Ana Isabel Martinez a Città del Messico; Segnalazione aggiuntiva di Adriana Barrera a Città del Messico; Scrittura di Stefanie Eschenbacher e Matthew Lewis)

-

PREV L’aumento complessivo delle attività rassicura i leader aziendali
NEXT Il Canada vuole imporre dazi doganali sui veicoli elettrici cinesi