Novità – IPRO 1.0, il marchio svizzero iXS lancia un gilet airbag senza fili!

-
Attrezzatura motociclistica

Si chiama IPRO 1.0 ed è il primo gilet airbag wireless del marchio svizzero IXS. È già disponibile presso tutti i rivenditori della marca e va indossato sotto una giacca da moto compatibile, cioè designata come tale da iXS, o lasciando spazio sufficiente per il gonfiaggio dei cuscini in caso di incidente.

iXS si unisce infatti ad una schiera già lunga di brand di abbigliamento motociclistico che hanno scelto di stringere una partnership commerciale con l’azienda francese In&Motion, uno dei pochi produttori di airbag wireless destinati alla guida motociclistica (al fianco di Dainese, Alpinestars e Helite ).

Il nuovo gilet IPRO 1.0 di iXS, la cui parte posteriore può essere vista qui. Il rettangolo più scuro che ricorda una linguetta di protezione della batteria è la scatola elettronica rimovibile.

Il nuovo IPRO 1.0 è composto da due oggetti: un giubbotto con sacchi gonfiabili e una cartuccia di gas più un paraschiena rigido), e una scatola piena di elettronica (compresi i sensori di accelerazione) che può essere acquistata o noleggiata, e chi è il “cervello” di questo sistema airbag.

Il gilet viene indossato come strato intermedio tra uno strato base tecnico e una giacca antiabrasione, che dovrebbe anche essere ragionevolmente impermeabile.

Basandosi su un programma e un algoritmo, che si fonda sull’integrazione di milioni di chilometri percorsi da diversi utenti, questa unità è in grado di rilevare un incidente, e innescare il gonfiaggio dei cuscini in meno di 60 millisecondi.

iXS IPRO
Quando l’elettronica del box In&Motion rileva un incidente, i cuscini protettivi si gonfiano in meno di 60 millisecondi.

Una volta dispiegato, questo IPRO 1.0 proteggerà l’addome, la schiena, il collo, comprese le spalle, e il torace, aree che possono portare ad un esito fatale in caso di impatto.

Per attivarlo è sufficiente installare la scatola, collegare la cartuccia del gas, caricare la batteria, che ha un’autonomia dichiarata di 30 ore, indossare il giubbotto e chiuderlo. Una spia luminosa informa del corretto funzionamento e dell’attivazione del sistema.

In caso di incidente, se il giubbotto non viene danneggiato, è possibile sostituire la cartuccia per continuare ad utilizzarlo.

Questo gilet costa 449 franchi (nelle taglie S/M, L/XL o XXL/XXXL), a cui si aggiungono 400 franchi per la box In&Motion (o 120 franchi all’anno se si sceglie il piano di abbonamento). Poiché questo equipaggiamento non è resistente alle forze di abrasione in caso di caduta, non è affatto consigliabile indossarlo da solo. È meglio indossare una giacca protettiva progettata per la guida in moto.

Airbag iXS
Esistono già alcune giacche da moto iXS che risultano compatibili con il nuovo gilet airbag. Soprattutto perché sono realizzati in tessuto elasticizzato.

La marca iXS offre già diverse giacche compatibili con questo gilet quando i cuscini sono completamente gonfiati, come ad esempio. Per indossarlo sotto altre giacche o mute, anche di altre marche, rivolgiti ad un rivenditore competente! Oppure eventualmente guarda il tutorial messo a disposizione da In&Motion. Non è previsto che questa IPRO 1.0 possa essere indossata su una giacca da moto. È comunque possibile indossare uno zaino sopra giacca e gilet, purché ci sia uno spazio di almeno 10 cm tra le cinghie dello zaino e la parte anteriore del corpo.

Capiamo guardando questo tutorial che è necessario indossare il gilet sotto una giacca o una tuta impermeabile. E bisogna fare attenzione, quando la si indossa sotto una tuta intera, o una giacca attaccata ai pantaloni, che lo spazio sotto la giacca sia sufficiente per i cuscini una volta gonfiati.

Airbag IPRO

Per saperne di più, potete consultare il sito web di iXS (in inglese o tedesco), quello di uno dei suoi distributori francesi (Motoblouz), o contattare i nostri partner dell’elenco svizzero dei professionisti dell’edilizia moto, MotoGooDeal o MRPS Racing a Satigny (GE), Motoboutique a Losanna, Aplusmoto a Sion, oppure i concessionari Yamaha Badan Motos a Ginevra, Moto Bolle a Morges, Chevalley Motos a Saint-Légier (VD), hostettler moto Fribourg a Marly e moto hostettler Zion.

Fonte: com. iXS

-

PREV La disputa sul formaggio blu alle erbe distrugge gli Stati Uniti
NEXT Goldman esamina l’impatto dell’intelligenza artificiale sulla crescita del consumo di elettricità da Investing.com