Light Survey: Sovraccarichi di tasse, gli abitanti del Quebec scoprono di non ottenere abbastanza per i loro soldi

-

Lottando contro l’inflazione persistente, gli abitanti del Quebec hanno, più che mai, la sensazione di pagare troppe tasse in relazione ai servizi pubblici che ricevono, secondo un nuovo sondaggio Léger.

I risultati dell’indagine non potrebbero essere più chiari: il 75% degli intervistati ritiene di non ricevere abbastanza denaro considerando le tasse che paga e lo stato dei servizi pubblici, rispetto solo al 17% di coloro che ne beneficiano.

“Faccio questo lavoro da quasi 40 anni e questi sono i peggiori risultati che abbia mai visto sull’efficienza del governo”, riassume il sondaggista Jean-Marc Léger.

class="desktop-src"> class="tablet-src"> class="mobile-src">>>>

Infografica Il giornale

Infatti, due terzi degli abitanti del Quebec (67%) ritengono che il governo Legault “gestisce male” i fondi pubblici, e l’insoddisfazione per la gestione da parte del governo federale è ancora maggiore (71%). Un po’ meglio vanno i Comuni, con un tasso di soddisfazione del 48%.

“Vediamo il valzer di miliardi che investiamo in imprese e programmi quasi ovunque, e parallelamente ai significativi deficit a livello federale e provinciale. La gente ha l’impressione che i governi non capiscano quanto sia difficile guadagnare 1 dollaro e destinarne il 50% alle tasse”, osserva Léger.


Il presidente della società di indagini Léger Marketing, Jean-Marc Léger.

Foto d’archivio, Agenzia QMI

Insoddisfazione diffusa

Significativamente, l’indagine mostra che la sensazione di pagare troppo per servizi che appaiono insufficienti si estende a tutte le fasce della popolazione.

“Trascende le generazioni, trascende i partiti politici, trascende la lingua, è davvero ovunque”, osserva il sondaggista.

Tuttavia, alcuni gruppi sono più infelici di altri. Ciò è particolarmente vero per la fascia di età compresa tra 34 e 54 anni, dove questo tasso raggiunge la soglia dell’80%.

“Tra i servizi di cui parliamo spesso c’è l’accesso al medico di famiglia o anche l’asilo nido sovvenzionato. Vediamo che si tratta di preoccupazioni che colpiscono maggiormente questa fascia di età», sottolinea Félix Mathieu, professore di scienze politiche all’Università di Winnipeg.


asilo

Il politologo Félix Mathieu

Schermata di Twitter

La sensazione di non avere abbastanza soldi è anche più forte tra i non francofoni (80%) che tra i francofoni (73%), il che potrebbe essere spiegato, secondo il politologo, dai dibattiti intorno alla legge 96 hanno fatto temere ad alcuni di perdere l’accesso ai servizi pubblici in una lingua diversa dal francese.

Brutte notizie per il CAQ

Inoltre, i risultati del sondaggio sono forse di cattivo auspicio per il CAQ di François Legault, sostiene Jean-Marc Léger.

“Ogni partito ha un’utilità elettorale. I liberali sono da tempo il partito dell’economia, il PQ è il partito della sovranità, il Québec solidaire quello della solidarietà sociale. Il CAQ, la sua utilità, è la gestione finanziaria dello Stato. E su questo gli abitanti del Quebec non danno loro la sufficienza”, spiega.

“Questo è un elemento che spiega il suo calo nei sondaggi”, continua il sondaggista, ricordando che il CAQ (24%) è ormai 10 punti indietro rispetto al PQ (34%) nelle intenzioni di voto.

Soprattutto gli abitanti del Quebec non vogliono pagare più tasse

La prospettiva di un aumento delle tasse dà l’orticaria agli abitanti del Quebec, che sentono di stare già pagando più del dovuto per i servizi pubblici.

È quanto indica una nuova indagine Léger, dalla quale si osserva che l’84% delle persone non è disposto a pagare più tasse per migliorare la qualità dei servizi pubblici, contro solo il 10% che ha risposto che sarebbe disposto a farlo.

“Non c’è spazio per un aumento delle tasse”, osserva il sondaggista Jean-Marc Léger. E con numeri del genere possiamo quasi dire che è unanime”.

L’indagine mostra anche che la stragrande maggioranza degli abitanti del Quebec (72%) ha la sensazione di essere “tassata troppo” e che solo una percentuale trascurabile di loro (1%) ritiene di non inviare abbastanza denaro allo Stato.

E come già dimostrato in passato da altri sondaggi, molti hanno l’impressione di essere tassati di più (76%) in Canada.

Sinistra e destra

Inoltre, è notevole che l’opinione sfavorevole all’aumento delle tasse sia condivisa dai quebecchesi di tutti gli orizzonti politici, sia di sinistra che di destra.

Infatti, anche gli elettori del Québec solidaire (68%) e dell’NDP (74%) sono soprattutto contrari ad un aumento della pressione fiscale.

“È comunque impressionante”, riflette il politologo Félix Mathieu, il quale suggerisce che questi risultati sono forse attribuibili all’insoddisfazione di questi elettori nei confronti dei governi in carica.

Preso per la gola

L’ostilità all’idea di aumentare le tasse si spiega in gran parte con il difficile contesto economico, ritiene un’altra politologa, Catherine Ouellet, docente all’Università di Montreal.


asilo

La politologa Catherine Ouellet

“È l’inflazione la vera spina dorsale dell’opinione pubblica su questo tema”, spiega.

“Sì, è un elemento importante”, ritiene Jean-Marc Léger, sottolineando il fatto che molti quebecchesi sono oggi costretti a vivere di stipendio in stipendio e che è difficile per loro risparmiare denaro.

Metodologia: il sondaggio web è stato condotto dal 19 al 21 aprile 2024 tra 1.026 intervistati di età pari o superiore a 18 anni. I risultati sono stati ponderati per garantire un campione rappresentativo della popolazione target. Non è possibile calcolare un margine di errore su un campione prelevato da un panel, ma per confronto, il margine di errore massimo per tale campione è ± 3,06%, e questo 19 volte su 20.

Hai qualche informazione da condividere con noi su questa storia?

Scrivici a o chiamaci direttamente al 1 800-63SCOOP.

-

PREV Gulf Air atterra a Ginevra e Flydubai a Basilea-Mulhouse
NEXT Il ritorno della liquidità e degli asset rischiosi?