La bolletta media del gas aumenterà dell’11,7% tra i due turni delle elezioni legislative

La bolletta media del gas aumenterà dell’11,7% tra i due turni delle elezioni legislative
La bolletta media del gas aumenterà dell’11,7% tra i due turni delle elezioni legislative
-

Una sfortunata coincidenza di calendario per la maggioranza presidenziale. Dopo una tregua di diversi mesi, la bolletta media annua del gas sale di 124 euro, passando da 1.060 euro di giugno a 1.184 euro del 1° luglio. Questo aumento è stato annunciato da mesi, ma la sua attuazione ha avuto un impatto sulle elezioni legislative, segnate in gran parte dalla questione del potere d’acquisto.

Secondo la Commissione per la regolamentazione dell’energia (CRE), organismo di vigilanza del settore, “ prezzo medio di riferimento » del kWh, che negli ultimi mesi tendeva a diminuire, si attesterà per luglio intorno ai 13 centesimi, in aumento dell’11,7% rispetto all’indice di giugno (intorno a 11 centesimi/kWh). Un aumento da ridimensionare secondo la CRE: il prezzo di luglio resta inferiore (-3,5%) a quello di gennaio, che ha segnato la fine dello scudo tariffario, questo meccanismo di sussidio lanciato a fine 2021 per proteggere le famiglie da aumenti significativi durante la crisi energetica, alimentati dalla ripresa post-Covid e dalla guerra in Ucraina.

E ” prezzo di riferimento ” chi è ” indicativo »

Inoltre, questo “ prezzo di riferimento ” Est ” indicativo »e restano i fornitori” gratuito » trasmetterlo o meno, sottolinea la CRE. È possibile mettere in concorrenza facendo riferimento, ad esempio, al comparatore online di Energy Mediator. Secondo quest’ultimo, però, “ la stragrande maggioranza dei consumatori vedrà questo aumento riflesso nelle proprie bollette », ovvero la maggior parte dei 10 milioni di clienti residenziali collegati a GRDF.

Aumento del prezzo del gas, “shrinkflation”, rivalutazione dell’assicurazione contro la disoccupazione: cosa cambia a luglio

Questo incremento è legato ad un duplice fenomeno: l’effetto di rimbalzo dei prezzi sui mercati del gas dove gli operatori si approvvigionano e, soprattutto, la forte rivalutazione in 4 anni dei costi di trasporto del gas sostenuti dal gestore della distribuzione GRDF rete. Questo ” PEDAGGIO », fatturate ai fornitori e che rappresentano un terzo della fattura, devono essere aumentate a fronte dell’aumento delle spese di manutenzione e ammodernamento delle infrastrutture del gas, consentendo al tempo stesso l’integrazione del gas verde nelle condutture. E questo soprattutto perché diventa più difficile distribuire questi costi mentre diminuisce il numero degli abbonati al gas: -197.000 tra la fine del 2022 e la fine del 2023, secondo la CRE.

RN e Nuovo Fronte Popolare hanno promesso di annullare questo aumento

La CRE aveva annunciato l’aumento della bolletta del gas in febbraio, prima di precisarne i termini il 10 giugno, all’indomani delle elezioni europee e dello scioglimento dell’Assemblea nazionale. Abbastanza per accendere il dibattito… La RN ha avvertito che la prima riforma in caso di accesso a Matignon sarà quella di annullare questo aumento, misura auspicata anche dal Nuovo Fronte Popolare.

Ma se il Codice del Commercio (articolo L410-2) consente il congelamento dei prezzi per sei mesi, è necessario giustificare” circostanze eccezionali “. I consumatori hanno quindi senza dubbio tutto l’interesse a competere con il comparatore online del Mediatore Energetico, senza aspettare che le promesse siano mantenute. Con l’aumento di luglio, “ il consiglio è: guardate bene le offerte e approfittate della concorrenza », ha indicato Emmanuelle Wargon a metà giugno. In caso di offerte non coerenti con le condizioni economiche, la CRE avvierà azioni correttive che potranno, a seconda delle situazioni riscontrate, essere di diverso tipo: richiesta di correzione, informazione al consumatore o anche deferimento all’Autorità Garante della Concorrenza o alla DGCCRF.

Il ministro dell’Economia Bruno Le Maire aveva promesso a metà giugno che la bolletta elettrica francese sarebbe diminuita del 10-15% nel febbraio 2025 grazie soprattutto alla produzione nucleare, denunciando la strategia energetica dell’Assemblea nazionale. Ma questa bella notizia era attesa: “ Si registra un tale calo dei prezzi all’ingrosso e soprattutto un anno record 2022 che non rientra più nel calcolo, che ciò si tradurrà automaticamente in una fattura in calo », ha spiegato recentemente Nicolas Goldberg, esperto di energia presso Colombus Consulting. Il guadagno per il consumatore sarebbe “ 200 euro in meno », Ha aggiunto il primo ministro Gabriel Attal il 20 giugno.

(Con AFP)

-

PREV Prezzi del gas, DPE, piano di risparmio… Tutto ciò che cambia dal 1° luglio
NEXT Colpo caldo sul prezzo del gas in rialzo del 12% in piena campagna legislativa