Corea del Sud: esplosione in una fabbrica di batterie al litio uccide 22 persone

Corea del Sud: esplosione in una fabbrica di batterie al litio uccide 22 persone
Corea del Sud: esplosione in una fabbrica di batterie al litio uccide 22 persone
-

Lunedì è scoppiato un incendio in una fabbrica di produzione di batterie al litio in Corea del Sud, hanno annunciato i vigili del fuoco, che sono riusciti a entrare nell’edificio dopo aver spento il gigantesco incendio. L’incendio è scoppiato intorno alle 10:30 ora locale (3:30 ora francese) in una fabbrica del produttore di batterie Aricell a Hwaseong, a sud della capitale Seul. Una serie di celle di batterie sono esplose all’interno di un magazzino contenente circa 35.000 batterie, ha detto Kim Jin-young, un funzionario dei vigili del fuoco locale. Le batterie al litio sono utilizzate ovunque, dai laptop ai veicoli elettrici.

L’incendio è scoppiato dal piano dell’edificio 3 dove c’erano già 102 dipendenti che lavoravano per ispezionare e imballare le batterie, ha detto alla stampa Kim Jin-young. Secondo lui, i vigili del fuoco non sono riusciti ad entrare immediatamente nella fabbrica, per paura di esplosioni a catena. “Una squadra di soccorso è entrata all’interno e sta effettuando operazioni di ricerca e salvataggio”, ha poi detto.

L’ultimo rapporto mostra 22 corpi ritrovati. “Venti stranieri sono tra i morti, tra cui 18 cinesi, un laotiano e una persona di nazionalità sconosciuta”, secondo Kim Jin-young, aggiungendo che “la maggior parte dei corpi sono gravemente bruciati e ci vorrà del tempo per identificarli”. Una persona resta dispersa.

Un incendio causato dalla presenza di litio

Le immagini trasmesse dall’agenzia di stampa Yonhap mostrano pennacchi di fumo grigio che si alzavano sopra l’edificio di cemento armato a due piani avvolto dalle fiamme. Sono stati mobilitati 145 vigili del fuoco e 50 veicoli, consapevoli della grande difficoltà di spegnere un incendio causato dal litio, una sostanza altamente tossica e infiammabile. Sono riusciti a spegnere le fiamme utilizzando “sabbia secca”.

Il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol ha chiesto alle autorità locali di “mobilitare tutto il personale e le attrezzature disponibili per concentrarsi sulla ricerca e sul salvataggio delle persone”, ha affermato il suo ufficio, avvertendo anche le autorità che avrebbero dovuto “garantire la sicurezza dei vigili del fuoco data la rapida diffusione dell’epidemia”. il fuoco”.

Le autorità raccomandano di non uscire di casa

Da parte loro, le autorità locali hanno messo in guardia i residenti della città di Hwaseong contro i fumi, raccomandando loro di non uscire di casa. “C’è molto fumo derivante dagli incendi in una fabbrica. Si prega di prestare attenzione alla sicurezza, compresa l’astensione dall’uscire”, si legge in un messaggio di avviso inviato tramite SMS. “Incendio in una fabbrica. Si prega di prendere una deviazione attraverso le strade vicine e i residenti della zona sono pregati di chiudere le finestre”, avverte un altro messaggio.

Nel gennaio 2023, un edificio industriale a Grand-Couronne nella regione di Rouen (Seine-Maritime), contenente quasi 8.000 batterie al litio, ha preso fuoco. Arnaud Borde, responsabile degli studi e delle ricerche sulla sicurezza delle batterie presso l’Istituto nazionale per l’ambiente e i rischi industriali (Ineris) ha poi spiegato a Le Parisien che “l’incendio di una batteria al litio libera una grande potenza termica, che aumenta i rischi di diffusione; l’estinzione è notoriamente difficile”.

François Rousseau, direttore generale della scuola Mines Nancy, ha aggiunto che la sostanza era corrosiva e pericolosa per chi ne veniva in contatto, il che ha comportato un monitoraggio speciale da parte dei vigili del fuoco intervenuti per spegnere l’incendio.

-

PREV AMD conferma finalmente la data di lancio del Ryzen 9000, ma non i prezzi
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole