TESTIMONIANZA. “L’uomo con cui ho passato la notte è stato arrestato per omicidio, avrei dovuto saperlo meglio”

TESTIMONIANZA. “L’uomo con cui ho passato la notte è stato arrestato per omicidio, avrei dovuto saperlo meglio”
TESTIMONIANZA. “L’uomo con cui ho passato la notte è stato arrestato per omicidio, avrei dovuto saperlo meglio”
-

Era una notte dell’agosto 2019, Paul Smith, un giornalista freelance, si stava godendo la festa di compleanno del suo amico in un bar di Edimburgo, dice il Mail giornaliera. Fu lì che conobbe Paul McNaughton, che si presentò con lo pseudonimo “Ryan“. Chiacchierarono brevemente e quello che sembrava un incontro innocuo avrebbe presto preso una piega inquietante..

Ryan ha rivelato di essere una escort e ha suggerito a Paul di vedere il suo”contenutoSebbene a disagio, Paul continuò a chiacchierare con lui. Più tardi quella sera, dopo alcuni scambi sull’applicazione Grindr, Paul ha accettato di seguire Ryan in un appartamento vicino.

“Non avevo mai avuto così tanta paura in vita mia”

Arrivati ​​all’appartamento, le cose presero una piega preoccupante. Dopo qualche drink, la situazione è degenerata. Paul si sentiva sempre più a disagio, soprattutto quando Ryan cominciò a pizzicarlo e a diventare aggressivo. Paul chiese ripetutamente a Ryan di fermarsi, ma Ryan non capiva il motivo. Percependo il pericolo, Paul ha insistito per andarsene.

Ryan, visibilmente arrabbiato, ha accusato Paul di usarlo e di sprecare tempo e denaro. L’alterco divenne così intenso che Paul dovette fuggire dall’appartamento, spaventato dalle minacce di Ryan. “Non sono mai stato così spaventato in vita mia“, ricorda Paolo.

“Forse avrei potuto impedirlo.”

Mesi dopo quella notte, scoppiò la pandemia di Covid-19 e Paul smise di usare app di appuntamenti. Tuttavia non poteva dimenticare questo incontro inquietante. Quando venne a sapere dell’arresto di Paul McNaughton per l’omicidio di Peter Coshan, un ex insegnante, rimase inorridito.

Vedendo la foto di McNaughton sui media, Paolo se ne rese conto”Ryan“e McNaughton erano la stessa persona. Poi si è sentito sopraffatto da un senso di colpa. “Forse avrei potuto evitarlo se avessi allertato la polizia“, pensa con rammarico.

“Mi dico che molti altri devono aver incontrato McNaughton”

Paul Smith non può fare a meno di chiedersi se il suo silenzio sia costato la vita a qualcuno. “Mi dico che molti altri devono aver incontrato McNaughton, non sono l’unico“, dice, cercando di rassicurarsi. Ma il senso di colpa persiste.

Ricorda la minaccia di Ryan: “Non voglio vederti mai più qui“. Questa frase risuona ancora nella sua mente, rafforzando il suo senso di responsabilità. Paul pensa che avrebbe potuto fare di più, che avrebbe dovuto fare di più. Da quella notte Paul è cambiato. È diventato estremamente cauto nei suoi incontri e ha imparato a fidarsi del suo istinto. “Non voglio mai più provare qualcosa del genere“, Egli ha detto.

-

PREV chi è Corey Comperatore, ucciso al raduno di Trump?
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole