Morte dell’ex giornalista sportivo François Drapeau

Morte dell’ex giornalista sportivo François Drapeau
Morte dell’ex giornalista sportivo François Drapeau
-

Colui che ha trascorso tutta la sua carriera scrivendo sulle pagine sportive di Diritto è morto all’ospedale di Hull circondato dalla sua famiglia.

“François è partito domenica, festa del papà”, confida la sua compagna da 40 anni, Danielle Bélec. Vorrei anche ringraziare sinceramente tutto il personale dell’ospedale per il supporto e le cure di prim’ordine fornite a François.”

Colpito duramente dal COVID nel 2022 al ritorno da una crociera, François Drapeau è successivamente rimasto vittima di un COVID a lungo termine. I suoi reni, polmoni e fegato erano gravemente colpiti, rendendolo molto più fragile.

Se a questo peggioramento della salute cardiaca aggiungiamo ciò ha reso il giornalista veterano di 73 anni ancora più fragile.

“Il colpo finale è stata la frattura dell’anca subita in seguito ad una violenta caduta nel bagno del nostro appartamento il 12 giugno”, aggiunge la signora Bélec. A causa della sua fragile salute, non ha potuto sottoporsi ad un intervento chirurgico. I suoi reni e molti altri organi del suo corpo hanno smesso di funzionare, cosa che ha portato alla sua morte”.

La signora Bélec insiste che François era molto felice, nonostante la sua salute continuasse a peggiorare.

“È sempre stato un bon vivant”, ha detto. E ha preparato i migliori Martini dry del mondo. In effetti, me ne serviva uno ogni giorno alle 16:00. Mi mancheranno molto questi piccoli tocchi, così come la sua presenza”.

L’ex giornalista sportivo DirittoFrançois Drapeau, è morto domenica 16 giugno. (Danielle Bélec/Famiglia Drapeau)

Un appassionato

Particolarmente interessato allo sport amatoriale, François era appassionato anche di boxe, sport che descrisse a lungo nelle pagine sportive del Diritto.

Durante la sua lunga carriera di oltre 30 anni presso Diritto, per diverse stagioni ha seguito le partite delle Olimpiadi di Hull e degli Ottawa 67, le due squadre junior di hockey nella regione della capitale federale. È stato a capo della squadra sportiva negli anni ’80 e ha concluso la sua carriera come redattore per la sezione sportiva del quotidiano di Ottawa.

Oltre al suo ruolo di giornalista, ha svolto il ruolo di mentore per i giovani giornalisti che si sono uniti alla brigata sportiva del Diritto. È stato il caso di Marc Brassard, recentemente ritiratosi anche lui dal giornalismo, dopo oltre 30 anni di carriera.

Un mentore

“François è stato il mio primo responsabile sportivo Diritto e aveva adempiuto bene al suo ruolo di mentore, ricorda. Ricordo ancora quando mi accompagnò all’Ottawa Civic Center (ora TD Place) per presentarmi il leggendario allenatore dei 67, Brian Kilrea, un uomo che sapeva essere molto intimidatorio. Mi ha accettato dall’inizio perché Bandiera – come veniva soprannominato – mi raccomandò di seguire la sua squadra”.

“François conosceva tutti nello sport amatoriale a Outaouais e Ottawa”, aggiunge. Non per niente è stato inserito nella Hall of Fame of Hull Sports Merit ed è stato anche onorato dal Consiglio ricreativo regionale di Outaouais. Rimase umile di fronte a tutti questi onori. Non ha mai detto una parola al riguardo finché noi suoi colleghi non ne siamo venuti a conoscenza in un comunicato stampa. Inoltre, questo ha dato una buona rubrica scritta da Denis Gratton.

Un cognome famoso

François Drapeau era il figlio di Jean Drapeau, il coloratissimo ex sindaco di Montreal. Durante tutti i suoi anni di giornalismo, non ha mai menzionato il suo famoso padre, essendo sempre molto discreto sull’argomento nonostante l’evidente somiglianza fisica con suo padre.

Ex collega con cui ha condiviso tanti anni nella redazione della Diritto in Rideau Street e successivamente, in Clarence Street, Claude Tremblay ne conserva un ottimo ricordo.

“François era davvero un bravo ragazzo, intelligente, colto, discreto e per niente pretenzioso nonostante il suo cognome”, racconta. Ciò che mi ha colpito di più quando l’ho incontrato per la prima volta è stata la somiglianza con il suo famoso padre, il sindaco Jean Drapeau. Una carta che non ha mai giocato per ottenere privilegi o privilegi. In ogni caso, ne parlava raramente.»

“Un’altra cosa che mi ha sorpreso è che fosse un giornalista sportivo, lontano dalla copertura politica in cui ci si poteva immaginare. E sapeva molto sull’argomento. Amava i Giochi Olimpici. Proprio come Marcel Fortin che faceva sport nello stesso periodo. È diventato un giornalista di punta nel mondo dello sport a Outaouais ed era orgoglioso di lavorare per il giornale La destra. L’ultima volta che ci siamo visti è stato al Mercatino di Natale di Montebello qualche anno fa. Assomigliava ancora di più a suo padre e sembrava più felice che mai con sua moglie Danielle. La sua nuova passione in quel momento: i puzzle!”

Non ci sarà alcuna commemorazione – né celebrazione della vita – per l’ex giornalista, secondo sua moglie, che dice di rispettare i desideri del suo compagno di vita. “Ci riuniremo, solo la nostra famiglia, a cena all’Hilton Hotel, un posto dove io e François andavamo molto spesso.”

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole