I premi IFOY 2024 incoronano sei professionisti dell’intralogistica

-

La giuria dei premi IFOY (International Intralogistics and Forklift Truck of the Year) aveva mantenuto il segreto per due mesi. Al termine dei test sul campo organizzati il ​​10 e 11 aprile a Dortmund, il “Test Camp Intralogistics”, sei produttori, editori e integratori di soluzioni intralogistiche si sono distinti tra i 15 finalisti in competizione per un premio 2024, annunciato venerdì 14 giugno durante una prestigiosa cerimonia di premiazione organizzata a Baden, vicino Vienna in Austria.

Di fronte a circa 200 ospiti del mondo professionale, accademico, politico e dei media sono stati consegnati sei trofei dell’intralogistica nelle rispettive categorie:

Carrelli industriali ad alta portata: Jungheinrich

Jungheinrich EJC 112i

A vincere è stato l’impilatore agli ioni di litio EJC 112i di Jungheinrich. Situato nel segmento entry-level degli stoccatori con guida da terra, può essere caricato da qualsiasi presa di corrente. La giuria ha particolarmente apprezzato il suo funzionamento intuitivo, il raggio di sterzata ridotto e le elevate velocità di sollevamento e abbassamento. La capacità di carico residua di 650 chilogrammi ad un’altezza di 4,7 m stabilisce il nuovo punto di riferimento in questa categoria.

Robot mobili: Ancora

EXV iGo di Still

L’impilatore automatizzato EXV iGo di Still si è distinto tra i tre finalisti AGV e AMR. Il primo carrello automatizzato prodotto da Still su scala industriale, è progettato per soddisfare tutte le esigenze, in modalità autonoma o mista, in parallelo ai carrelli a movimentazione manuale. Alimentato dalla tecnologia agli ioni di litio, offre una capacità di carico residua fino a 1600 kg, può sollevare merci fino a 3,8 m e spostarsi fino a 2 m/sec. Ulteriori punti di forza sono la sua rapida messa in servizio combinata con una nuova interfaccia utente intuitiva combinata con il suo sistema di sicurezza multilivello.

Robot stazionari: SSI Schäfer

JPEG - 145,3 KB
La cella robotizzata SSI Piece Picking di SSI Schäfer

Il primo posto è stato ottenuto dalla cella robotizzata SSI Piece Picking di SSI Schäfer per il commissionamento. Lo specialista dell’intralogistica ha posto rimedio soprattutto ai tipici errori di presa, come doppie registrazioni o depositi errati. Anche le forze centrifughe incontrate con i robot articolati appartengono al passato grazie al suo robot a portale in miniatura con ventose, che sposta la pinza in qualsiasi posizione sui contenitori di origine e di destinazione. Anche le merci sensibili possono essere spostate in sicurezza. Anche il tempo di realizzazione ridotto a un giorno ha convinto la giuria.

Soluzioni integrate per i clienti: Safelog con Mercedes

JPEG - 130,7 KB
Safelog ha utilizzato 350 AGV all’interno di uno stabilimento Mercedes

Tra i tre progetti di automazione, l’integratore tedesco Safelog ha vinto un IFOY per il successo dell’implementazione di una flotta di circa 350 AGV presso lo stabilimento Mercedes-Benz di Sindelfingen (Fabbrica 46). Mercedes-Benz è responsabile del software, mentre Safelog è responsabile dell’hardware e dell’implementazione. La giuria ha elogiato il progetto a costi controllati e il successo del co-sviluppo del software, premiato con una disponibilità dal 99,7 al 99,9%, ovvero 40 ore in meno di tempi di inattività per il prelievo e l’invio dei componenti alle linee di produzione.

Speciale dell’anno: Ravas

JPEG - 55,4 KB
La bilancia pesa-pallet Ravas iCP

Il produttore olandese di bilance per pallet Ravas ha spostato l’ago della bilancia verso la sua soluzione iCP con tecnologia di pesatura in movimento. Basandosi su un sistema di pesatura esistente, Ravas ha sviluppato algoritmi per garantire misurazioni affidabili anche su terreni irregolari. Questo sistema gode di un certificato di conformità OIML che consente la fatturazione in base al peso, fattore decisivo per il voto della giuria.

Inizio dell’anno: Brightpick

JPEG - 146KB
Il selezionatore automatico AMR Brightpick di Brightpick

Delle quattro giovani aziende in competizione, Brightpick ha vinto un trofeo grazie al suo robot di commissionamento autonomo e mobile, Brightpick Autopicker. Utilizzando l’intelligenza artificiale, questo AMR preleva gli ordini direttamente dagli scaffali. Può essere utilizzato anche per altre attività come il prelievo di pallet, il rifornimento del magazzino, lo stoccaggio dinamico o il trasporto merci all’uomo. Questa versatilità e l’annunciata riduzione del 50% dei costi di picking hanno fatto la differenza.

-

PREV Per Trump, Taiwan dovrebbe pagare gli Stati Uniti per la sua difesa
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole