L’intelligence israeliana era a conoscenza del piano per la presa degli ostaggi, riferisce la televisione pubblica – rts.ch

L’intelligence israeliana era a conoscenza del piano per la presa degli ostaggi, riferisce la televisione pubblica – rts.ch
L’intelligence israeliana era a conoscenza del piano per la presa degli ostaggi, riferisce la televisione pubblica – rts.ch
-

Sulle macerie delle case e in lutto, la popolazione palestinese di Gaza celebra fino a mercoledì l’Eid al-Adha, la grande festa del Sacrificio, la più importante delle festività musulmane. Mentre di solito è l’occasione per grandi riunioni familiari, pasti interminabili, preghiere comuni e gioia sui volti, quest’anno si svolge in condizioni estreme.

Queste ragazze palestinesi si sono riunite in occasione dell’Eid el-Adha a Khan Younes. [AFP – BASHAR TALEB]

Non ci saranno molti sacrifici di pecore a Gaza: secondo l’Onu la carestia minaccia ancora il territorio, dove tre quarti della popolazione è sfollata. È un Eid “completamente miserabile”, testimonia un palestinese sfollato alle 12:30. “Siamo stati uccisi, molte persone sono state uccise”, ricorda.

Quest’anno, l’Eid non è diverso da qualsiasi altro giorno. “Avevamo costantemente paura”, dice una madre. “Ma sogniamo ancora la fine di questa guerra, soprattutto perché non ci sono più ospedali, non più medicine, non c’è più niente per vivere normalmente. Tutto questo influisce costantemente su di noi, sul nostro morale… ma dobbiamo continuare solo a cercare di vediamo di tanto in tanto dei sorrisi sui volti dei nostri figli.”

>> Il resoconto di Alice Froussard, corrispondente da Gerusalemme, delle 12:30:

La carestia continua a minacciare la popolazione palestinese di Gaza durante la festività dell’Eid / 12:30 / 1 min. / oggi alle 12:39

-

PREV Giochi Olimpici: Axelle Crevier e la pallanuoto, una passione da condividere
NEXT Il prezzo dell’oro salirà a 2.470 dollari grazie ai tagli dei tassi e agli acquisti da parte della banca centrale