Morte di Sulivan. Violenza urbana a Cherbourg: cosa sappiamo dei due giovani arrestati

Morte di Sulivan. Violenza urbana a Cherbourg: cosa sappiamo dei due giovani arrestati
Morte di Sulivan. Violenza urbana a Cherbourg: cosa sappiamo dei due giovani arrestati
-

Di

Editoriale La Presse de la Manche

pubblicato su

18 giugno 2024 alle 11:58

Vedi le mie notizie
Segui La Presse de la Manche

Nel notte da sabato 15 giugno a domenica 16 giugno 2024, dalle 23:30 alle 3:30 circa, scoppiano disordini nel distretto provinciale di Octeville, sulle alture di Cherbourg-en-Cotentin. Hanno seguito la morte di Sulivan, un giovane di 19 anni ucciso da un agente di polizia con un proiettile al petto, mentre cercava di fuggire come i suoi due amici presenti in un macchina rubata.

Se il comizio di sabato pomeriggio si era svolto con calma, alla presenza di centinaia di persone nel centro della città, con il fratello e la sorella di Sulivan che invitavano tutti alla calma, la rabbia di alcuni è quindi scoppiata nel cuore della notte, soprattutto l’uso dei fuochi d’artificio, dai danni, dai cartellini e soprattutto dall’incendio di una quindicina di automobili e di un capannone edilizio, quello del France Travail (ex Pôle Emploi).

Arrestati due giovani

Secondo il sindaco Benoît Arrivé “molti giovani (Nota del redattore: chi ha partecipato a questa violenza urbana) non vivono a Cherbourg-en-Cotentin, vengono da Caen, Rennes… Perché erano presenti elementi esterni e a quale causa servono? Non è il loro quartiere, vengono qui per scherzare (sì) la città “.

Più di 70 agenti di polizia e gendarmi sono stati mobilitati per consentire a trenta vigili del fuoco intervenire sui vari incendi. Per un bilancio umano tre agenti feriti e due facinorosi arrestati.

Questo lunedì, 17 giugno sera, il pubblico ministero di Cherbourg, rispondendo ai nostri colleghi di Francia occidentaleè stato così gentile da informarmi sulle conseguenze legali riguardanti queste due persone arrestate sul posto.

Sono intervenuti i residenti

Il primo è stato poi “fermato” dai residenti locali “consegnato alle forze dell’ordine” mentre aiutava con gli incendi.

Video: attualmente su Actu

“Questo dito medio è stato inserito prigionequindi è stata presa in considerazione la misurazione lesioni che ha presentato. La sua udienza avrà luogo il più presto possibile”, ha chiarito Pierre-Yves Marot.

Per quanto riguarda il secondo individuo, è a minorenne arrestato in possesso di fuochi d’artificio. “È stato presentato al giudice dei bambiniche lo ha posto sotto controllo giudiziario in vista della sua sentenza all’inizio di luglio con l’accusa di trasporto di fuochi d’artificio, pericolo di vita altrui e imboscata”, ha annunciato il pubblico ministero.

Ultime informazioni: i due giovani non hanno precedenti penali. Non è precisato se provenissero dal quartiere, da Cherbourg o altrove.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

PREV Vernet-les-Bains – Giornata sacra culturale
NEXT Senzatetto nella Côte-des-Neiges | È urgente uscire dall’emergenza