Canale televisivo israeliano Kan: L’IDF sapeva che Hamas voleva prendere in ostaggio 250 persone durante l’attacco del 7 ottobre

Canale televisivo israeliano Kan: L’IDF sapeva che Hamas voleva prendere in ostaggio 250 persone durante l’attacco del 7 ottobre
Canale televisivo israeliano Kan: L’IDF sapeva che Hamas voleva prendere in ostaggio 250 persone durante l’attacco del 7 ottobre
-

IL Forze di difesa israeliane (FDI) erano a conoscenza del piano del movimento islamico palestinese Hamas di rapire tra le 200 e le 250 persone circa tre settimane prima dell’attacco del 7 ottobre 2023. Il canale televisivo pubblico israeliano “KAN” ha rivelato che un documento sull’argomento “era stato rilasciato internamente il 19 settembre ed è stato apparentemente portato all’attenzione di almeno alcuni alti funzionari dell’intelligence (FDI), ma apparentemente ignorato. » Il rapporto sarebbe stato scritto dalla divisione Gaza dell’IDF. Durante l’attacco del 7 ottobre furono prese in ostaggio 251 persone.

Il documento intitolato “Addestramento dettagliato” riportava anche che Hamas si stava addestrando per un’invasione su vasta scala del territorio israeliano. Sulla base delle informazioni dell’unità di intelligence militare 8200, il documento stima il numero degli ostaggi tra 200 e 250, ha riferito “Kan” citando fonti della sicurezza. Nell’attacco del 7 ottobre furono presi 251 ostaggi e uccise circa 1.200 persone. Il documento descrive una serie di esercitazioni condotte da unità militari speciali di Hamas, che hanno simulato raid contro città e posizioni militari israeliane, condotto addestramenti su come tenere in ostaggio soldati e civili al loro ritorno nella Striscia di Gaza e deciso in quali circostanze avrebbero potuto fare così. essere ucciso.

“Alle 11:00, diverse unità (di Hamas) si sono riunite per pregare e pranzare prima di iniziare l’addestramento. A mezzogiorno vengono distribuiti ai combattenti l’equipaggiamento e le armi, dopodiché ha luogo un’esercitazione del personale dell’unità. L’esercitazione del raid inizierà alle 14”, si legge nel documento. Secondo quanto riportato da “Kan”, il servizio spiegava anche che unità di commando di Hamas si erano addestrate per infiltrarsi in falsi avamposti delle Forze di Difesa Israeliane, simulando basi situate nello Stato ebraico, al confine con Gaza. Le esercitazioni sarebbero state effettuate da quattro unità del gruppo islamista, a ciascuna assegnato un diverso avamposto. Il documento specifica inoltre gli obiettivi del comando all’interno delle basi, comprese sale di controllo, sinagoghe e alloggi. Durante le esercitazioni, i miliziani di Hamas hanno ricevuto i seguenti ordini: assicurarsi che gli ostaggi non avessero con sé telefoni; non informare le famiglie dei rapiti sulla situazione dei loro cari; spostare gli ostaggi se risultava che Israele aveva determinato la loro posizione; e minacciano di uccidere gli ostaggi per dissuaderli dalla fuga. Secondo il documento, lo scenario più estremo che la divisione di Gaza aveva preparato prima dell’ottobre 2000 era quello di decine di islamisti che violavano il confine, una previsione di gran lunga inferiore rispetto ai circa 73 miliziani di Hamas entrati in Israele durante l’attacco. Da parte loro, l’IDF non ha riconosciuto la validità del documento citato da “Kan”.

Dopo il 7 ottobre 2023, il governo e la leadership militare israeliana hanno negato l’avvertimento di un imminente attacco pianificato da Hamas. Tuttavia, il documento citato da “Kan” non è l’unico ad affermare che l’IDF era stato avvertito in anticipo del massacro. Israele disponeva di ampie informazioni sulle esercitazioni di Hamas e su altri preparativi per l’attacco nelle settimane e persino nelle ore precedenti il ​​7 ottobre, compreso un piano di attacco del gruppo islamico per il 2022. Una valutazione militare di due anni ha stabilito che era troppo presto per dire che il Il piano era stato approvato da Hamas. Dopo l’attacco di otto mesi fa, anche i soldati di guardia al confine di Gaza hanno affermato di aver espresso preoccupazione per attività sospette, ma di essere stati ignorati dalle autorità. Il 7 ottobre 2023, mentre una raffica simultanea di razzi veniva lanciata verso il sud e il centro di Israele, circa 3mila miliziani hanno fatto irruzione nel sud del Paese, affrontando militari e civili.

Il mese prossimo, l’esercito israeliano dovrebbe aprire un’indagine sui suoi “fallimenti nella pianificazione del massacro del 7 ottobre compiuto dal gruppo terroristico Hamas”. Come pianificato dall’IDF, durante la prima settimana di luglio, si svolgerà l’indagine sull’evoluzione della percezione dell’IDF nei confronti della Striscia di Gaza, a partire dai disordini del 2018 (quando un’operazione segreta israeliana condotta nella regione di Khan Yunis, a sud di Striscia, ha ucciso sette militanti palestinesi e un soldato israeliano, provocando uno scontro a fuoco durato due giorni). L’indagine include valutazioni dell’intelligence dell’IDF su Hamas dal 2018 fino allo scoppio della guerra, nonché la progettazione delle difese e i piani operativi dell’esercito israeliano contro le minacce a Gaza. L’esercito israeliano prevede inoltre di presentare al pubblico i risultati dell’indagine una volta completata ed esaminata da Halevi. Allo stesso tempo, l’IDF intende presentare anche le indagini sugli scontri avvenuti tra il 7 e il 10 ottobre, quando le truppe hanno ripreso il controllo delle comunità e delle basi militari invase da Hamas nel sud di Israele. Esistono circa 40 siti di combattimento, studiati da più di 40 comandanti. Ogni indagine verrà presentata una volta completata, e non tutta in una volta, poiché alcuni eventi del 20 ottobre si sono rivelati più complessi da indagare rispetto ad altri. Le indagini mirano a trarre conclusioni operative per l’esercito e non si concentreranno sulle decisioni dei leader politici israeliani. Infine, si prevede che eventuali sviluppi importanti nella guerra rallenteranno il ritmo delle indagini.

Domenica 16 giugno, inoltre, l’Alta Corte di Giustizia israeliana ha emesso un’ordinanza provvisoria ordinando la sospensione delle indagini avviate lo scorso dicembre dal controllore dello Stato, Matanyahu Englman, sui “fallimenti” delle forze militari e di intelligence durante l’attentato del 7 ottobre. da Hamas. In precedenza, gruppi di monitoraggio istituiti dal governo israeliano avevano chiesto alla corte di congelare le indagini, sostenendo che non rientravano nella giurisdizione del controllore dello stato e avrebbero danneggiato le capacità operative militari di Israele. Anche lo stesso capo di stato maggiore dell’IDF Halevi si è opposto alle indagini. Pochi giorni prima del 16 giugno, il giudice dell’Alta Corte Gila Canfy-Steinitz ha respinto la richiesta di Englman di interrompere le indagini. Tuttavia, dopo aver ricevuto risposte confidenziali dalle agenzie di sicurezza, oggi ha deciso di ordinare al controllore dello Stato di sospendere le indagini fino all’udienza sul caso a luglio. “Ordino la sospensione delle procedure investigative su tutto ciò che riguarda l’esercito israeliano e lo Shin Bet (l’agenzia di intelligence nazionale)”, ha annunciato Canfy-Steinitz.

Leggi anche altre notizie su Novità Nova

Clicca qui e ricevi aggiornamenti su WhatsApp

Seguici sui social network Nova News su TwitterLinkedIn, Instagram, Telegramma

-

PREV VIDEO. Guerra in Ucraina: ali, sistema di guida, diverse tonnellate… qual è la bomba planante FAB-3000 che preoccupa Kiev?
NEXT Lo yen tocca il minimo da 38 anni, il Nikkei balza mentre il rischio Trump fa salire i rendimenti statunitensi